Girolamo Devanna
Girolamo Devanna
Cronaca

Il professor Mino e la pinacoteca: «Ha donato un patrimonio»

I nipoti: «Nostro zio non era un ladro e ha lasciato alla comunità bitontina e non solo opere che valgono miliardi»

Un collezionista illuminato che ha donato i suoi tesori allo Stato e al Comune di Bitonto affinché sopravvivessero al tempo, restassero assieme, fossero testimonianza della passione e dell'amore che Girolamo Devanna, da tutti conosciuto come il professor Mino, ha vissuto per l'arte.

Non si definiva un mecenate, ma un uomo che si è dedicato alla Regione e alla sua città: «Mi piaceva - diceva quand'era in vita - l'idea di sperare di poter rivedere i miei dipinti e anche, per dirla tutta, di avere l'opportunità di poter accompagnare le tappe della nascita di questa Pinacoteca».

«La notizia di giovedì è arrivata in maniera inaspettata - ci confessano i parenti -. Il sequestro delle opere era avvenuto già ad agosto scorso, ad un mese dalla morte di zio Mino, che ha portato con sé tanto dolore, e già ad aprile scorso le opere, dopo un'attenta verifica da parte delle autorità competenti, sono state dissequestrate e restituite ai legittimi proprietari».

«Moltissime di queste sono restate a noi - ha detto ancora -, perché regolarmente acquisite, anzi, per essere più precisi, come da volontà testamentarie, saranno a disposizione dello Stato e della città, perché zio ha donato tutto. Non era un ladro, ha donato opere che valgono miliardi e noi continuiamo a vivere dei suoi racconti, di quelli che ci faceva ogni qual volta tornava dai suoi viaggi, del ricordo dei suoi occhi luminosi per un nuovo artista scoperto».

A Mino e sua sorella Rosaria, scomparsa nel febbraio 2019, infatti, è dedicata la Galleria Nazionale della Puglia, ospitata all'interno del palazzo tardo rinascimentale Sylos - Calò, che offre la vista verso la centralissima piazza Cavour, già sede del Sedile del Popolo, fulcro tra la città antica e il nuovo borgo. L'unica di tutta la Regione dedicata all'arte moderna e contemporanea.

All'interno del complesso ci sono opere donate allo Stato nel luglio 2004: si tratta di 229 dipinti e 108 disegni, databili dal XVI secolo a tutto il Novecento, nucleo di una singolare collezione formata in anni di appassionata ricerca. Nata da un impegno congiunto da parte di tutta la comunità: dal reperimento dei fondi necessari per il restauro e la musealizzazione, che vide l'impegno della Comunità Europea, dello Stato e della Regione, al progetto di ordinamento museale, fino alla cura della Soprintendenza destinataria finale della donazione.

Il progetto di ordinamento museale ha tentato di preservare la percezione e il senso di patrimonio di collezione privata della raccolta, cercando far emergere il filo conduttore che negli anni ha suggerito ai donatori gli acquisti, gli scambi e le scoperte.

Tra le opere più preziose i dipinti di Il Veronese, El Greco e Giovan Filippo Criscuolo, esempi di pittura veneta con un Ritratto di gentiluomo e l'Ecce Homo di Leonardo Corona. I "due secoli d'oro", la pittura barocca del Seicento e Settecento, vedono oltre ad Artemisia ed Orazio Gentileschi, anche la tavola con Cristo Deriso attribuita a Bernardino Mei, e poi ancora diversi ritratti attribuiti a Velasquez, nature morte e scene mitologiche.

Oltre alla scuola napoletana, non mancano contributi europei come Melendez, Delacroix e Hamilton. A completare il percorso il nucleo di pitture tra Otto e Novecento dove, accanto a dipinti francesi, tedeschi, inglesi e danesi, spicca un cospicuo numero di opere italiane con Giuseppe De Nittis, Francesco Speranza e Michele Cammarano.

Proprio nel giorno della morte di Mino Devanna, il 30 luglio 2021, è stata inaugurata l'ultima stanza: la sala delle collezioni del Novecento. Convivono lo spirito di libertà di Man Ray, con l'esperienza d'avanguardia del futurismo italiano con Giacomo Balla, fino al racconto dell'Italia degli anni Settanta con Pino Pascali e Beatrice Wood, americana nella ruggente Parigi degli anni Dieci e poi sodale a New York di Marcel Duchamp.

Mino è stata «una persona eccezionale», soprattutto per la sua «capacità di saper guardare lontano: questa lungimiranza è quella che ha sostanziato anche la decisione di donare i quadri alla città e fare la Galleria Nazionale», ricordò quel giorno il professor Nicola Pice, che nel 2004 era sindaco della città.

«Bitonto non potrà mai restituire, neanche con l'affetto ed il dolore che sentiamo così forti - aggiunse il già sindaco Michele Abbaticchio -, quello che questa famiglia ha voluto per la propria comunità».
  • Guardia di Finanza Bitonto
  • Girolamo Devanna
Altri contenuti a tema
Tesoro di Devanna, gli eredi: «Nessuna indagine, nessun sequestro» Tesoro di Devanna, gli eredi: «Nessuna indagine, nessun sequestro» In una nota, gli avvocati Coletti e Somma puntano a «ristabilire la verità dei fatti e riabilitare la figura del professore, grande mecenate e appassionato d'arte»
Tesoro di Devanna, l'ex sindaco Pice: «Notizia artificiata e distorta» Tesoro di Devanna, l'ex sindaco Pice: «Notizia artificiata e distorta» Per il docente è stato posto in risalto «un comportamento delinquenziale di una persona osannata per il suo mecenatismo»
Tesoro di Devanna: beni dissequestrati. Al via la restituzione ai proprietari Tesoro di Devanna: beni dissequestrati. Al via la restituzione ai proprietari La Procura ha accertato che «una parte dei beni in sequestro in quanto oggetto di furto» era stata compiuta «ad opera di ignoti»
Sequestrata una collezione di beni culturali. Il tesoro d'arte nascosto a Bitonto Sequestrata una collezione di beni culturali. Il tesoro d'arte nascosto a Bitonto Operazione di Carabinieri e Finanza: reperti, statue e dipinti scoperti dopo la morte di Girolamo Devanna, il professor "Mino"
Antimafia, 75 arresti. Giro di affari da 170 milioni di euro Antimafia, 75 arresti. Giro di affari da 170 milioni di euro Fra le persone arrestate anche il commercialista Noviello. Coinvolti anche tre avvocati con studi a Bari e in provincia
Riciclaggio, frodi fiscali e droga, 75 arresti. Coinvolti 10 bitontini. I NOMI Riciclaggio, frodi fiscali e droga, 75 arresti. Coinvolti 10 bitontini. I NOMI Operazione dell'Antimafia, sequestri per 23 milioni di euro. In carcere il commercialista Noviello, ai domiciliari il colonnello Mancazzo
Patrimonio sproporzionato: sigilli per 600mila euro a un 52enne di Bitonto Patrimonio sproporzionato: sigilli per 600mila euro a un 52enne di Bitonto Sequestrati dalle Fiamme Gialle uno stabile e un appartamento, frutto - per gli inquirenti - di furti, rapine, estorsioni e ricettazione
Scoperto un deposito clandestino di alcool a Bitonto: due denunciati Scoperto un deposito clandestino di alcool a Bitonto: due denunciati Si tratta di due 45enni di Cerignola. Sequestrati anche tre macchinari speciali utilizzati per il confezionamento dei prodotti
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.