La Polizia di Stato
La Polizia di Stato
Cronaca

Minacciato dopo l'acquisto di un capannone: quattro arresti a Bitonto

La vittima è un imprenditore: il provvedimento a carico di due fratelli di 53 e 57 anni, un 26enne e un 47enne vicino ai Cipriano

Minacce e un pestaggio ai danni di un imprenditore di Bitonto e di un suo collaboratore, perché i fratelli Cosimo e Francesco Monte, di 53 e di 57 anni, il figlio del primo, Dario, di 26 anni, e Antonio Lavacca, di 47, volevano riprendersi un capannone acquistato durante un'asta giudiziaria, dopo un'espropriazione immobiliare.

Per questo la Polizia di Stato ha fermato i quattro bitontini - l'ultimo è ritenuto vicino al clan Cipriano -, per tentata estorsione. Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari, Nicola Bonante, ha contestato l'aggravante del metodo mafioso, perché i quattro avrebbero fatto «ricorso alle intimidazioni idonee a porre in condizione di assoggettamento e omertà i destinatari delle violenze e minacce, avvalendosi del contributo di soggetti appartenenti alla criminalità organizzata».

L'indagine, coordinata dal pubblico ministero antimafia Grazia Errede, è iniziata dalla denuncia dell'uomo, che ha raccontato agli investigatori di essere divenuto «destinatario, in forma sia mediata che diretta, di pressioni» dopo l'acquisto, a maggio 2022, di un capannone al termine di un'asta giudiziaria: i locali sarebbero serviti per allargare la propria attività - attigua all'immobile - ubicata sulla strada provinciale 231. Ma quella struttura è diventata la condanna a vivere un incubo.

Gli arrestati, secondo le indagini degli agenti della Squadra Mobile di Bari, al comando del primo dirigente Filippo Portoghese, avrebbero costretto l'imprenditore a restituire il capannone, in passato di proprietà della cognata di due degli arrestati, alle condizioni economiche da loro imposte. Alla vittima, poi, è arrivato anche l'invito «a restituire il capannone» attraverso «varie minacce di morte» altrimenti «avrei rischiato di essere sparato oppure che il capannone potesse esplodere».

E ancora: per il tramite di un suo collaboratore, l'imprenditore avrebbe appreso che «un individuo (Lavacca) aveva minacciato il suocero, intimandogli di restituire il capannone dei Monte altrimenti l'avrebbe "pulito" (ucciso) sferrandogli una testata sul naso procurandogli lesioni personali» e un trauma nasale. L'imprenditore avrebbe ricevuto «minacce di morte da Cosimo Monte durante un incontro» in un bar «se non avesse ceduto l'immobile» acquistato: «Vedi che non campi più!».

I quattro arrestati, le cui «condotte - secondo il giudice - vanno ricondotte ad un unico centro di interessi condiviso da tutti», sono stati condotti nel penitenziario di Bari, in virtù della loro «pericolosità sociale», della «spregiudicatezza e della indifferenza al rispetto delle comuni regole di convivenza civile sin qui mostrate».
  • Polizia di Stato Bitonto
  • Francesco Monte
  • Estorsioni Bitonto
  • Cosimo Monte
  • Dario Monte
  • Antonio Lavacca
Altri contenuti a tema
Tenta di rapinare due supermercati a Bitonto, arrestato un 24enne Tenta di rapinare due supermercati a Bitonto, arrestato un 24enne Il giovane ha precedenti specifici. In un caso ha desistito, nel secondo è stato messo in fuga da un addetto alla vigilanza
Falsi addetti Enel e spray al peperoncino, una bufala diffamatoria Falsi addetti Enel e spray al peperoncino, una bufala diffamatoria Le verifiche degli agenti del Commissariato hanno escluso si tratti di notizie fondate
I ladri cannibalizzano un'auto nelle campagne. Disturbati, scappano I ladri cannibalizzano un'auto nelle campagne. Disturbati, scappano Recuperate dalla Polizia di Stato una Mercedes GLA e una Opel Corsa. I ladri, quattro, sono riusciti a fuggire su una Fiat Stilo
Era ricercato a Verona e viene arrestato a Bitonto. Finisce in carcere Era ricercato a Verona e viene arrestato a Bitonto. Finisce in carcere Su di lui, un 25enne marocchino fermato in stazione in stato di ebbrezza, pendeva un mandato di arresto
Arnesi da scasso e l'inseguimento sull'auto blindata fino a Bitonto Arnesi da scasso e l'inseguimento sull'auto blindata fino a Bitonto È accaduto nella notte scorsa: nel veicolo, un'Audi S-line S3, c'erano quasi 300 utensili atti allo scasso
42enne di Bitonto ritrovata morta in casa, fascicolo in Procura. Si indaga 42enne di Bitonto ritrovata morta in casa, fascicolo in Procura. Si indaga Inquirenti al lavoro per ricostruire l’esatta dinamica della morte, che potrebbe essere stata determinata da svariati fattori
Minacce e lesioni ai vicini di casa dopo una lite: ai domiciliari un 58enne Minacce e lesioni ai vicini di casa dopo una lite: ai domiciliari un 58enne L'uomo, con precedenti penali, avrebbe perseguitato una coppia di condomini a causa delle deiezioni del loro cane
Tentata rapina ad un camionista a Bitonto, ma il tir si schianta su un'auto Tentata rapina ad un camionista a Bitonto, ma il tir si schianta su un'auto L'episodio avvenuto questa mattina sulla tangenziale di Bari con il commando costretto alla fuga. Indaga la Polizia di Stato
© 2001-2024 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.