La Hyundai Tucson recuperata dai Carabinieri
La Hyundai Tucson recuperata dai Carabinieri
Cronaca

Sorpresi a smontare un'auto, fuggono alla vista dei Carabinieri

L'episodio a Bitonto, i malviventi sono riusciti a dileguarsi a piedi. Recuperata una Hyundai Tucson rubata

I Carabinieri li hanno trovati con gli attrezzi del mestiere in mano e con i piedi tra i pezzi di una povera Hyundai Tucson rubata e cannibalizzata. Il sipario sulla loro attività è calato ieri quando i militari, nel corso di un servizio di perlustrazione delle aree periferiche della città di Bitonto, li hanno sorpresi in flagranza di reato.

I malviventi stavano smontando l'auto oggetto di furto - ritengono fonti inquirenti - per rivenderne i singoli pezzi, quando si sono accorti che sul richiestissimo suv era ancora attivo l'antifurto satellitare, lo stesso che ha portato il personale della locale Stazione a seguirne la traccia lungo varie strade, sino a via Appia Traiana, l'arteria che corre parallela alla strada provinciale 231, dove i militari hanno raggiunto il segnale, prima di iniziare a setacciare le zone nelle immediate vicinanze.

Poi, ad un tratto, hanno notato a distanza la presenza di un'auto e di alcuni soggetti che, in pieno giorno, stavano procedendo alla sua cannibalizzazione. I militari, diretti dal maresciallo capo Roberto Tarantino, sono quindi intervenuti sul posto, ma i banditi sono riusciti a dileguarsi s piedi, facendo perdere le proprie tracce. I Carabinieri hanno constatato la presenza di una Hyundai Tucson di provenienza furtiva, già in gran parte smontata del vano motore: l'auto è stata sequestrata.

Le auto, ormai, vengono rubate in base alla precisa richiesta che arriva dei pezzi di ricambio, occultate nelle campagne e poi letteralmente cannibalizzate, fra i territori ricadenti in un'area compresa tra Bitonto, Giovinazzo e Terlizzi dove sembra sia in atto un'attività illecita finalizzata al riciclaggio delle vetture rubate.
  • Furti auto Bitonto
  • Carabinieri Bitonto
Altri contenuti a tema
In fuga con l'auto rubata, si schiantano contro un albero: arrestati In fuga con l'auto rubata, si schiantano contro un albero: arrestati È accaduto a Gioia del Colle: in manette tre bitontini di 53, 48 e 41 anni. Uno di loro è ricoverato al Policlinico
Omicidio Caprio: caccia al supertestimone, l'amico del 40enne Omicidio Caprio: caccia al supertestimone, l'amico del 40enne L'uomo non si è presentato spontaneamente agli investigatori. Si indaga per risalire all'identità
Ucciso a pugni. «In questa storia non c'entra la criminalità» Ucciso a pugni. «In questa storia non c'entra la criminalità» Lo chiariscono i Carabinieri. La confessione di Giampalmo al pm: «Guardava le nostre donne»
Ucciso a pugni, Giampalmo confessa: «Guardava le nostre donne» Ucciso a pugni, Giampalmo confessa: «Guardava le nostre donne» Il 20enne si è costituito presso la Stazione dei Carabinieri. È accusato di omicidio volontario aggravato
Ucciso a pugni, fermato un 20enne. L'accusa: omicidio volontario Ucciso a pugni, fermato un 20enne. L'accusa: omicidio volontario Il presunto colpevole, Fabio Giampalmo, si è recato dai Carabinieri con il suo avvocato. È in stato di fermo
Rissa a Bitonto, morto un 40enne: fermato l'aggressore, è un 20enne Rissa a Bitonto, morto un 40enne: fermato l'aggressore, è un 20enne La posizione del giovane, che si è presentato in caserma con il suo legale, è al vaglio dell'Autorità Giudiziaria
Rissa finisce in tragedia, morto un 40enne di Bitonto Rissa finisce in tragedia, morto un 40enne di Bitonto La vittima è Paolo Caprio, l'episodio nella Dill's. Identificato l'aggressore: ha 20 anni
Evade dai domiciliari e lo trovano a casa di una donna. Arrestato Evade dai domiciliari e lo trovano a casa di una donna. Arrestato Un 21enne di Bitonto è stato sorpreso dai Carabinieri a Giovinazzo. Ha anche opposto resistenza
© 2001-2021 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.