IMG
IMG
Attualità

Senza stipendio da 27 mesi: sciopero della fame al Maria Cristina

Il consiglio comunale chiede a Emiliano intervento urgente. Damascelli: «Subito commissario e ricollocamento»

Hanno iniziato ieri, come annunciato, lo sciopero della fame i 17 lavoratori dell'Azienda di Servizi alla Persona Maria Cristina di Savoia di Bitonto, senza stipendio da 27 mesi e rimasti praticamente ignorati da tutte le istituzioni.
Proprio ieri è arrivata la notizia delle dimissioni in blocco del consiglio d'amministrazione.
«Sono state anche tardive - hanno commentato i dipendenti dell'ASP - è stato il peggior cda della storia e ha dovuto affrontare forse il momento più difficile dell'ente, senza aiuti di Comune, Regione e Città Metropolitana».

Enti che, oltre a non aver sostenuto economicamente la struttura come avrebbero potuto, non avrebbero nemmeno preso in considerazione la situazione disperata dei lavoratori. Una serie incredibile di mancanze passata dal consiglio comunale monotematico dello scorso 13 novembre che ha prodotto un incontro con i vertici regionali, avvenuto il successivo 11 dicembre e che come tutte le altre iniziative non ha prodotto nulla. Paradossale che, anche dopo questo incontro, il presidente della regione Puglia, Michele Emiliano, si dichiari allo scuro dell'intera vicenda. «Siamo stati noi ad informarlo della nostra situazione – hanno detto i dipendenti in protesta in una nota stampa - possibile che nessuno lo abbia mai avvertito?».

Intanto il consiglio comunale ha prodotto ieri un documento condiviso con cui sono stati chiesti interventi urgenti da parte del governatore pugliese.
«L'annosa vicenda che ha visto innumerevoli incontri in sede regionale con tutte le parti istituzionalmente coinvolte – scrivono le forze di maggioranza e opposizione all'unisono per bocca del sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio - è giunta ad un epilogo che nessuno, sono sicuro neanche Lei Presidente,avrebbe voluto, data la Storia dell'antico Istituto Maria Cristina di Savoia. Le chiedo, unitamente a tutto il consiglio comunale nella sua interezza politica e alla mia giunta, di intervenire con fermezza e immediatezza nella risoluzione di questa situazione che sta minando la serenità sociale della mia comunità, da sempre attenta al tema dell'accoglienza e dei più deboli».

Anche il consigliere regionale di Forza Italia, Domenico Damascelli, ha chiesto a Emiliano «un serio e concreto impegno» per risolvere la situazione. Secondo il forzista «è necessario procedere con la nomina immediata di un commissario straordinario, che spero sia un tecnico esperto e non oggetto di trattativa politica».
«La Regione e il commissario devono innanzitutto risolvere la questione dei dipendenti – chiede Damascelli - bisogna agire urgentemente per restituire serenità e dignità ai lavoratori dell'Asp, che non percepiscono lo stipendio da 27 mesi e che non godrebbero di alcun ammortizzatore sociale. Il mandato da affidare al commissario che sarà nominato da Emiliano, a mio avviso, deve muoversi su un doppio binario: la ricollocazione dei dipendenti presso enti pubblici e la redazione di un piano di rilancio dell'ente entro un tempo brevissimo. Alcuni di essi potrebbero essere destinati in altre realtà pubbliche, mentre coloro che hanno qualifiche che non consentono un facile reinserimento potrebbero essere beneficiari di corsi di formazione per il loro impiego in altre strutture pubbliche. Le Asl, ad esempio, hanno la possibilità di inserire gli educatori nell'assistenza scolastica, gli operatori sociosanitari nelle strutture sanitarie, gli impiegati amministrativi negli uffici. E questa è una strada percorribile».
  • Abbaticchio
  • damascelli
  • Michele Emiliano
  • Domenico Damascelli
  • Giunta Abbaticchio
  • Michele Abbaticchio
  • città metropolitana
  • Regione Puglia
  • Istituto Maria Cristina di Savoia
  • emiliano
Altri contenuti a tema
Due pozzi irrigui guasti a Bitonto: centinaia di agricoltori senz'acqua da giorni Due pozzi irrigui guasti a Bitonto: centinaia di agricoltori senz'acqua da giorni Damascelli: «L'Arif intervenga subito o i raccolti subiranno danni irreparabili»
Revocata la delega all'assessore Saracino: pronta a entrare in giunta Marina Salierno Revocata la delega all'assessore Saracino: pronta a entrare in giunta Marina Salierno Abbaticchio: «Nel 2019 ho notato un calo: doveroso cambiare per rispetto ai cittadini»
In piazza Marconi torna l'acqua nelle fontane e la luce le fa splendere In piazza Marconi torna l'acqua nelle fontane e la luce le fa splendere Dopo la piantumazione di alcuni alberi da parte della famiglia Bove, rinasce una delle piazze più belle di Bitonto
Gli ultras contestano il sindaco per la curva ancora ferma, ma manca la relazione geologica Gli ultras contestano il sindaco per la curva ancora ferma, ma manca la relazione geologica Il documento avrebbe dovuto essere consegnato dall'azienda che ha fornito la struttura, ma tarda ad arrivare
A Bitonto i cittadini si rimboccano le maniche e ripuliscono gli angoli delicati della città A Bitonto i cittadini si rimboccano le maniche e ripuliscono gli angoli delicati della città Sono partiti dagli spazi esterni di una comunità parrocchiale e continueranno con la piazza del Crocifisso: «Vogliamo una città più bella»
Carabinieri, promosso al grado di maggiore il comandante Vito Ingrosso Carabinieri, promosso al grado di maggiore il comandante Vito Ingrosso L'ufficiale superiore nei prossimi giorni lascerà la Compagnia di Molfetta: andrà a Roma
L'Europa condanna l'Italia sulla Xylella L'Europa condanna l'Italia sulla Xylella Italia Olivicola: «La prova del fallimento della politica». Damascelli se la prende con Emiliano: «Deve dimettersi»
Ex ospedale di Bitonto: pioggia di nuovi servizi, medici e personale Ex ospedale di Bitonto: pioggia di nuovi servizi, medici e personale Sindaco e consiglieri di maggioranza soddisfatti dei risultati ottenuti dopo il vertice con la Asl
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.