Il padre del ragazzo picchiato
Il padre del ragazzo picchiato
Cronaca

Ragazzo pestato a Palese, il padre: «Il bullismo uccide»

Il consigliere regionale Damascelli (FI) chiede di «assicurare i responsabili alla giustizia»

«Volevano decidere chi poteva fare il bagno su quella spiaggia e chi no e mio figlio, che era bitontino, non poteva, per questo lo hanno pestato». Inizia così il racconto del padre del ragazzino picchiato a Palese da una babygang che lo ha riempito di botte solo per il paese di provenienza, durante l'intervista rilasciata alla Rai per il TGR Puglia per invitare i genitori a una maggiore attenzione ai ragazzi per evitare che diventino dei bulli.
Il 15enne, oltre a lividi e tumefazioni, ha riportato la perdita, si spera momentanea, del 60% dell'udito.

«Adesso è impaurito, è insicuro – prosegue il racconto del papà – il sostegno di istituzioni e gente comune l'ha certamente molto sollevato, ma è certamente provato. Ai ragazzi non vorrei dire niente, certo c'è la rabbia, ma a mente fredda non posso non riflettere sul fatto che anche loro sono ragazzi: il problema è l'educazione che hanno ricevuto. Perchè nessuno ha spiegato loro che il bullismo è pericoloso, che il bullismo uccide».

Mentre proseguono le indagini dei Carabinieri per risalire ai responsabili, anche attraverso una telecamera di videosorveglianza che avrebbe ripreso ogni fase dell'aggressione, anche il consigliere regionale di Forza Italia, Domenico Damascelli, ha voluto esprimere solidarietà al ragazzo e alla sua famiglia.
«No. Proprio non ci sto – ha detto il forzista commentando la vicenda - il pestaggio di un ragazzo in spiaggia a Palese, perché "bitontino", mi indigna. Come mi indignano tutte le forme di violenza, che rivelano solo la viltà di chi le esercita. Sono preoccupato perché questo mondo, che consegneremo ai nostri figli, è diventato una giungla. Mi unisco all'appello del padre: chi sa, parli per aiutare gli investigatori ad inchiodare i responsabili e assicurarli alla giustizia. Come rappresentanti delle istituzioni, dobbiamo condannare con forza episodi tanto gravi, ma non basta: serve un'azione educativa forte, che dia ai giovani quegli strumenti che li aiutino a diventare persone responsabili e a recuperare i valori fondamentali della civile convivenza. Al ragazzo aggredito e alla sua famiglia va la mia più sincera solidarietà e vicinanza».
  • carabinieri
Altri contenuti a tema
Sequestrati beni per 20 milioni ad un imprenditore di Bitonto Sequestrati beni per 20 milioni ad un imprenditore di Bitonto Il 50enne Giovanni Cipriani è socio di maggioranza in una nota ditta edile. Sigilli a immobili e autovetture
Picchiava ed estorceva denaro alla ex per la droga: arrestato 33enne Picchiava ed estorceva denaro alla ex per la droga: arrestato 33enne Si tratta di un pregiudicato di Palo del Colle che aveva anche incendiato due auto alla ex compagna
Da Bitonto a Capurso per rubare olive: arrestati in 3 Da Bitonto a Capurso per rubare olive: arrestati in 3 Sono stati sorpresi e inseguiti dai Carabinieri e poi posti ai domiciliari
Centrale dello spaccio in casa: arrestato a Palo giovane pusher Centrale dello spaccio in casa: arrestato a Palo giovane pusher I Carabinieri lo hanno fermato davanti alla sua abitazione mentre cedeva droga a un coetaneo
Lotta al caporalato, oltre 50 arresti dei Carabinieri in Puglia. Bari e Bat le province capofila Lotta al caporalato, oltre 50 arresti dei Carabinieri in Puglia. Bari e Bat le province capofila Nel territorio del capoluogo regionale sono state elevate sanzioni per 1 milione 400 mila euro, su 69 controlli dei militari
È stato ritrovato Pasquale Rapio, l'uomo di Bitonto scomparso a Milano È stato ritrovato Pasquale Rapio, l'uomo di Bitonto scomparso a Milano I familiari lo hanno raggiunto sul luogo del ritrovamento per assicurarsi delle sue condizioni
In trasferta a Bari per rubare vestiti: arrestati tre di Bitonto In trasferta a Bari per rubare vestiti: arrestati tre di Bitonto Le due donne e l'uomo sono stati bloccati in piazza Umberto dai Carabinieri e messi ai domiciliari
Da Bitonto ad Acquaviva per rubare un'auto: arrestato 40enne bitontino Da Bitonto ad Acquaviva per rubare un'auto: arrestato 40enne bitontino È stato fermato dai Carabinieri dopo un inseguimento
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.