Il padre del ragazzo picchiato
Il padre del ragazzo picchiato
Cronaca

Ragazzo pestato a Palese, il padre: «Il bullismo uccide»

Il consigliere regionale Damascelli (FI) chiede di «assicurare i responsabili alla giustizia»

«Volevano decidere chi poteva fare il bagno su quella spiaggia e chi no e mio figlio, che era bitontino, non poteva, per questo lo hanno pestato». Inizia così il racconto del padre del ragazzino picchiato a Palese da una babygang che lo ha riempito di botte solo per il paese di provenienza, durante l'intervista rilasciata alla Rai per il TGR Puglia per invitare i genitori a una maggiore attenzione ai ragazzi per evitare che diventino dei bulli.
Il 15enne, oltre a lividi e tumefazioni, ha riportato la perdita, si spera momentanea, del 60% dell'udito.

«Adesso è impaurito, è insicuro – prosegue il racconto del papà – il sostegno di istituzioni e gente comune l'ha certamente molto sollevato, ma è certamente provato. Ai ragazzi non vorrei dire niente, certo c'è la rabbia, ma a mente fredda non posso non riflettere sul fatto che anche loro sono ragazzi: il problema è l'educazione che hanno ricevuto. Perchè nessuno ha spiegato loro che il bullismo è pericoloso, che il bullismo uccide».

Mentre proseguono le indagini dei Carabinieri per risalire ai responsabili, anche attraverso una telecamera di videosorveglianza che avrebbe ripreso ogni fase dell'aggressione, anche il consigliere regionale di Forza Italia, Domenico Damascelli, ha voluto esprimere solidarietà al ragazzo e alla sua famiglia.
«No. Proprio non ci sto – ha detto il forzista commentando la vicenda - il pestaggio di un ragazzo in spiaggia a Palese, perché "bitontino", mi indigna. Come mi indignano tutte le forme di violenza, che rivelano solo la viltà di chi le esercita. Sono preoccupato perché questo mondo, che consegneremo ai nostri figli, è diventato una giungla. Mi unisco all'appello del padre: chi sa, parli per aiutare gli investigatori ad inchiodare i responsabili e assicurarli alla giustizia. Come rappresentanti delle istituzioni, dobbiamo condannare con forza episodi tanto gravi, ma non basta: serve un'azione educativa forte, che dia ai giovani quegli strumenti che li aiutino a diventare persone responsabili e a recuperare i valori fondamentali della civile convivenza. Al ragazzo aggredito e alla sua famiglia va la mia più sincera solidarietà e vicinanza».
  • carabinieri
Altri contenuti a tema
Carabinieri, controlli straordinari per il Ferragosto Carabinieri, controlli straordinari per il Ferragosto In corso controlli alla circolazione stradale e verifiche nell'area costiera
Furto all'associazione che si occupa di anziani e disabili Furto all'associazione che si occupa di anziani e disabili I volontari di Angeli della Vita, molto attiva a Bitonto, chiedono aiuto ai residenti: «Segnalate movimenti sospetti»
Ritrovato a Bitonto l'uomo con sospetta tubercolosi fuggito dall'ospedale Ritrovato a Bitonto l'uomo con sospetta tubercolosi fuggito dall'ospedale Aveva fatto perdere le proprie tracce mentre era ricoverato al Vittorio Emanuele II di Bisceglie
Ricoverato a Bisceglie per sospetta tubercolosi polmonare, fa perdere le sue tracce Ricoverato a Bisceglie per sospetta tubercolosi polmonare, fa perdere le sue tracce Lo hanno riferito i Carabinieri di Trani, che invitano a prestare la massima attenzione
Ladri bitontini in trasferta a Torre dell'Orso beccati dai Carabinieri Ladri bitontini in trasferta a Torre dell'Orso beccati dai Carabinieri Per i militari sono gli autori del furto di due borse dall'auto di un turista
Crolla un balcone a Tesero: papà e figlia di Bitonto precipitano nel vuoto Crolla un balcone a Tesero: papà e figlia di Bitonto precipitano nel vuoto Portati in elicottero in ospedale sono salvi per miracolo
Il maresciallo bitontino Annarita Rossiello è il nuovo comandante dei Carabinieri di Pizzo Calabro Il maresciallo bitontino Annarita Rossiello è il nuovo comandante dei Carabinieri di Pizzo Calabro È la prima donna alla guida della caserma del comune sulla costa tirrenica
Si è costituito il sesto componente della banda della BMW che aveva base a Bitonto Si è costituito il sesto componente della banda della BMW che aveva base a Bitonto A luglio aveva tentato di investire i Carabinieri che gli avevano notificato l'atto di arresto
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.