pneumatici stop
pneumatici stop
Attualità

Raccolta pneumatici e piano strategico antirifiuti: il Comune corre ai ripari per evitare l'ecotassa

Volontari e attivisti politici fanno fronte comune rimboccandosi le maniche

Una periferia ancora bersaglio degli "sporcaccioni seriali" che abbandonano ogni tipo di rifiuto in particolare nelle campagne. Lo spettro dell'ecotassa all'orizzonte se il comune di Bitonto non riuscirà a incrementare del 5% il dato della raccolta differenziata. In mezzo, sempre loro, i cittadini, che rischiano un nuovo pesante salasso se entro ottobre i parametri non saranno rispettati. È questa la situazione in cui la città si appresta ad affrontare questo mese e mezzo che la separa dal termine ultimo per mettere a posto "i numeri" sulla raccolta dei rifiuti.

Ma come si è arrivati a questo punto? Stando a quanto confermato anche dal sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio, Bitonto paga una congiuntura sfortunata: non possiede un'azienda a totale partecipazione pubblica a cui poter affidare il servizio di raccolta rifiuti in maniera diretta, investendo così sul miglioramento e magari sul porta a porta e l'organismo attraverso cui potrebbe farlo, la Sanb (Servizi Ambientali Nord Barese), galleggia in alto mare mentre sullo sfondo si prospetta cupo lo spettro della liquidazione.

Per questo i cittadini, i volontari delle associazioni ambientaliste e non e gli attivisti di alcuni partiti politici locali, fra cui il Movimento 5 Stelle e il Partito Socialista, hanno deciso di sostenere in maniera trasversale l'amministrazione aderendo all'iniziativa "Pneumatici Stop", che potrebbe far salire sensibilmente il dato della raccolta differenziata, come accaduto negli scorsi anni, oltre a regalare una periferia più pulita alla città. Armati di guanti, tute e tanta forza di volontà i ragazzi si sono rimboccati le maniche e hanno passato al setaccio le strade esterne e rurali del paese, con il sostegno dell'Azienda Servizi Vari, riempiendo diversi mezzi con le ingombranti gomme trovate un po' dovunque.

«Una domenica mattina alternativa – ha commentato Dino Ciminiello, ex candidato sindaco e ora consigliere comunale del Movimento 5 Stelle - non era la prima e non sarà l'ultima. Eravamo lì, a tutela dell'ambiente, della civiltà e del rispetto altrui, ma man mano che andavamo avanti l'inquietudine mordeva la nostra coscienza. Cosa possiamo fare per mettere una fine definitiva a questo scempio non più tollerabile? Si può e si deve trovare una soluzione. Aldilà dei colori. Domenica prossima continueremo. Chiunque può partecipi. Chiunque ami la nostra Terra».
«Noi ci siamo e ci saremo – ha detto Luca Matera, attivista del Psi, personalmente impegnato nella raccolta – è una pezza che mettiamo da tempo, ma che va messa».
Nel frattempo l'amministrazione comunale ha varato un "Piano strategico" per evitare l'ecotassa e il conseguente aumento di 25,82 centesimi di euro a tonnellata per il conferimento in discarica che verrebbe imposto alla città.

«Il piano messo a punto dall'Assessorato alle Politiche ambientali e dai vertici dell'ASV – fanno sapere da Palazzo Gentile - comprende azioni di carattere ordinario (su tutte, la campagna di sensibilizzazione per richiamare i cittadini ad una maggiore quotidiana attenzione nel differenziare i rifiuti in modo da ridurre le quantità che finiscono nell'indifferenziato e aumentare le quote di plastica, vetro e carta) e straordinario, come nel caso delle domeniche (17 e 24 settembre; 1 e 29 ottobre) dedicate al recupero degli pneumatici abbandonati nelle campagne: per partecipare all'iniziativa occorre iscriversi, indicando le date prescelte, inviando una mail all'indirizzo "assessorerosa@gamil.com"».

L'amministrazione ha anche rivolto un appello agli uffici pubblici per intensificare i conferimenti di carta e materiali d'ufficio e concentrarli in questo periodo.
«L'intero piano – spiegano ancora dal Comune - prevede raccolte straordinarie di rifiuti differenziati per un'ampia platea di utenze: banche, studi legali e professionali (carta), falegnamerie (legno), bar e ristoranti (cartone, vetro e alluminio), esercizi commerciali no-food (cartone), oleifici (vetro e alluminio), parrocchie (carta e vecchi materiali), librerie (libri usati o vecchi fuori commercio destinati al macero), imprese della zona artigianale (vecchi materiali)».
Ma fondamentale sarà anche il contributo della raccolta degli ingombranti (rifiuti di grandi dimensioni come vecchi mobili, divani, materassi o elettrodomestici), cheè garantita in forma del tutto gratuita dall'ASV: basta, infatti, chiamare il numero verde 800037067per fissare l'appuntamento con gli operatori incaricati del ritiro a domicilio.

«I buoni risultati ottenuti nella campagna «+5%» dello scorso anno – ha detto l'assessore Rosa Calò – ci induce ad avere buone aspettative sul raggiungimento del nuovo obiettivo nella raccolta differenziata dei rifiuti. Siamo tutti chiamati a migliorare la raccolta differenziata dei rifiuti che produciamo in casa: basterebbe già una maggiore attenzione quotidiana nella differenziazione, per ridurre drasticamente le quantità di rifiuto indifferenziato destinato alla discarica».
  • bitonto
  • Rifiuti Bitonto
Altri contenuti a tema
Dall'accademia Arkè gli acconciatori, estetisti e make-up artist del futuro Dall'accademia Arkè gli acconciatori, estetisti e make-up artist del futuro A Bitonto una scuola di alta formazione riconosciuta dalla Regione Puglia
Il bitontino Gaetano Tufariello è il nuovo commissario prefettizio di Andria Il bitontino Gaetano Tufariello è il nuovo commissario prefettizio di Andria La nomina è arrivata dal Prefetto dopo lo scioglimento del consiglio per la mancata approvazione del Bilancio
A Bitonto la Tari non aumenterà nel 2019 grazie alla lotta all’evasione A Bitonto la Tari non aumenterà nel 2019 grazie alla lotta all’evasione Buone nuove da Palazzo Gentile sulla tassa per i rifiuti
Fototrappola inchioda a Bitonto scaricatore abusivo di materassi in zona artigianale Fototrappola inchioda a Bitonto scaricatore abusivo di materassi in zona artigianale Per lui 600 euro di multa. Adesso caccia allo sporcaccione di via Abbaticchio
Un bitontino a Italia's Got Talent: su Sky e Tv8 la rumba 'thriller' di Vito 'Guarachando' Un bitontino a Italia's Got Talent: su Sky e Tv8 la rumba 'thriller' di Vito 'Guarachando' La sua perfomance incassa un solo si, da Bisio, ma il video dell'esibizione è già virale
Rifiuti ingombranti a Bitonto: in arrivo ritiro a domicilio gratuito e codice identificativo Rifiuti ingombranti a Bitonto: in arrivo ritiro a domicilio gratuito e codice identificativo La decisione dell'assessorato all'Ambiente per contrastare abbandoni abusivi vicino ai cassonetti
La Regione scongiura l'aumento della tassa sui rifiuti La Regione scongiura l'aumento della tassa sui rifiuti Trovato l'accordo con i gestori delle discariche. Autorizzati anche 3 nuovi impianti pubblici
I gestori delle discariche alzano i prezzi: in vista un aumento della Tari anche a Bitonto I gestori delle discariche alzano i prezzi: in vista un aumento della Tari anche a Bitonto Abbaticchio: «L'ombra dell'ecomafia dietro i conferimenti illegittimi che fanno lievitare le tariffe»
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.