Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

«Paolo Caprio ucciso con tre pugni al volto». Chiesto il processo

Lo ha chiesto la Procura della Repubblica di Bari per Fabio Giampalmo. Il 3 maggio l'udienza preliminare

Avrà inizio il prossimo 3 maggio l'udienza preliminare per l'omicidio di Paolo Caprio, il 41enne che perse la vita nella notte tra il 4 e il 5 settembre all'esterno della stazione di servizio Dill's di Bitonto. Rischia il processo il 20enne Fabio Giampalmo, adesso in carcere, ritenuto responsabile dell'atroce pestaggio della vittima.

«Un'aggressione unilaterale, di inaudita violenza e su un avversario ormai inerme», la definì il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari, Marco Galesi, convalidando il fermo. Come proverebbero le immagini di videosorveglianza della stazione di servizio, il 20enne, reo confesso e già noto per piccoli reati, avrebbe infatti colpito Caprio con cinque pugni in appena 26 secondi, in seguito ai quali la vittima sarebbe caduta e avrebbe poi sbattuto violentemente la testa a terra.

Nessun tentativo di reazione sarebbe stato compiuto dal 41enne che, come confermato pure dall'autopsia eseguita presso l'Istituto di Medicina Legale, sarebbe morto sul colpo a causa del trauma cranico. A scatenare l'ira di Giampalmo, stando alla versione fornita ai Carabinieri della locale Stazione dallo stesso presunto aggressore, sarebbero stati degli sguardi indiscreti lanciati dal 41enne, conosciuto soltanto di vista, a sua moglie e alle compagne dei suoi amici lì presenti.

Il ragazzo, assistito dall'avvocato Nicola Capaldi, si consegnò in caserma la mattina seguente all'omicidio, dopo aver saputo del decesso dell'imbianchino, padre di una bambina di soli 5 anni. Dopo l'aggressione, infatti, Giampalmo, un esperto di boxe e di arti marziali, si allontanò dalla scena del crimine e si rifugiò nelle vie del centro storico di Bitonto, non preoccupandosi «di verificare le condizioni del suo avversario». In mattinata. infine, decise di consegnarsi agli investigatori.

«Non ha manifestato segni di agitazione, ravvedimento o pentimento» sono state le parole del giudice, che l'8 settembre scorso convalidò il suo fermo in carcere, dove si trova tuttora detenuto, disposto dal pubblico ministero Ignazio Abadessa. La scomparsa di Paolo Caprio, considerato da tutti un brav'uomo, ha scosso la città di Bitonto, che, a quasi un anno di distanza, chiede giustizia e si è stretta attorno alla sua famiglia, lacerata dal dolore eppure esempio di grande dignità.

«Non riesco ad odiare la persona che ha colpito mio figlio, perché evidentemente a differenza sua non ha altri strumenti» fu il pensiero, toccante e sorprendente, della mamma Renata all'indomani dell'omicidio. Parole ferite poi dal sindaco Michele Abbaticchio in occasione dei funerali.
  • Fabio Giampalmo
  • Paolo Caprio
Altri contenuti a tema
Omicidio Caprio: caccia al supertestimone, l'amico del 40enne Omicidio Caprio: caccia al supertestimone, l'amico del 40enne L'uomo non si è presentato spontaneamente agli investigatori. Si indaga per risalire all'identità
Omicidio Caprio, il Gip: «Vile aggressione su vittima inerme» Omicidio Caprio, il Gip: «Vile aggressione su vittima inerme» Convalidato l'arresto di Giampalmo. L'assassino resterà in carcere: «Non ha manifestato alcun segno di ravvedimento»
Omicidio Caprio, resta in carcere Fabio Giampalmo Omicidio Caprio, resta in carcere Fabio Giampalmo È accusato di aver ucciso il 41enne durante un litigio nella stazione di servizio Dill's
Don Paolo Candeloro su omicidio Caprio: «Deve scuoterci dentro» Don Paolo Candeloro su omicidio Caprio: «Deve scuoterci dentro» Intensa omelia durante il rito funebre officiato nella Basilica dei Santi Medici
Bitonto saluta Paolo Caprio. La mamma: «Non riesco a odiare» Bitonto saluta Paolo Caprio. La mamma: «Non riesco a odiare» Il parroco, don Paolo Candelaro: «La morte di Paolo ci chiede di cambiare il nostro modo di vivere»
Omicidio Caprio, Giampalmo confessa: «Colpito per alcuni sguardi provocatori» Omicidio Caprio, Giampalmo confessa: «Colpito per alcuni sguardi provocatori» Il 20enne ha confermato la prima versione dei fatti. Il Gip si è riservato di decidere sulla convalida del fermo
Omicidio a Bitonto, lutto cittadino per i funerali di Paolo Caprio Omicidio a Bitonto, lutto cittadino per i funerali di Paolo Caprio La messa alle ore 16.00 nella basilica dei Santi Medici, proclamato il lutto cittadino
Ucciso a pugni: eseguita l'autopsia sul corpo di Paolo Caprio Ucciso a pugni: eseguita l'autopsia sul corpo di Paolo Caprio Occorreranno 90 giorni per stabilire se il trauma cranico e l'emorragia cerebrale che lo ha ucciso siano stati causati dai tre colpi
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.