L'ospedale Di Venere di Bari
L'ospedale Di Venere di Bari
Cronaca

Medico bitontino strangolato al Di Venere, salvato dai colleghi

Tanta paura per l’aggressione ma se la caverà in 15 giorni

Elezioni Regionali 2020
C'è ancora paura e incredulità fra il personale della struttura sanitaria e i colleghi del medico bitontino che mercoledì sera è stato aggredito da un paziente psichiatrico all'interno del Pronto Soccorso dell'ospedale Di Venere di Bari.
L'uomo era in servizio pomeridiano nella struttura sanitaria del capoluogo quando in triage è arrivato un paziente in evidente stato di alterazione, appena giunto dal Centro di Salute Mentale di Triggiano dove aveva dato i primi gravi segni di squilibrio. Al Di Venere la situazione è rapidamente peggiorata e l'uomo è riuscito a scappare lanciandosi proprio al collo del medico bitontino che ha subito un tentativo di strangolamento ed è stato preso a calci. Solo con l'aiuto di alcuni colleghi è riuscito a liberarsi dall'aggressore. Con enorme difficoltà il personale dell'ospedale è poi riuscito a bloccarlo sulla barella, fino all'arrivo dei Carabinieri.
Fortunatamente, nonostante la violenza dell'aggressione, il medico non ha subito gravi danni ed è stato giudicato guaribile in 15 giorni.

L'aggressione giunge, paradossalmente, a poco più di un mese dalla denuncia proprio del primario del Pronto Soccorso del Di Venere, Carlo Marzo, che è anche segretario nazionale USPPI Medici. Di Marzo aveva puntato il dito contro «la assoluta inadeguatezza della assistenza psichiatrica come prevista dalle leggi vigenti, con gravissimi disagi sia per i pazienti che per le famiglie, che sono abbandonati dalla sanità pubblica e pesino nella acuzie, scompensi e trattamenti sanitari obbligatori, sono abbandonati nei pronto soccorso senza psichiatri disponibili e costretti a frequenti trasferimenti, anche fuori regione».
Una denuncia caduta nel vuoto, a quanto pare, e che invece è stata incredibilmente profetica.
  • Asl Bari
Altri contenuti a tema
Sbloccato anche per Bitonto il contributo Covid per i disabili gravissimi Sbloccato anche per Bitonto il contributo Covid per i disabili gravissimi Per informazioni è possibile contattare l'ufficio distrettuale dell'ex ospedale
«L'ex ospedale di Bitonto perde la Commissione Invalidi Civili» «L'ex ospedale di Bitonto perde la Commissione Invalidi Civili» Damascelli (FI): «Sul taglio delle prestazioni sanitarie il Covid non ha insegnato niente alla Regione»
Da oggi anche a Bitonto analisi prenotate presso i laboratori Da oggi anche a Bitonto analisi prenotate presso i laboratori Novità anche per le liste d'attesa delle altre prestazioni: prenotazioni ricontattate dagli operatori Asl
A Bitonto sanitari a domicilio per i malati Covid A Bitonto sanitari a domicilio per i malati Covid Partite le USCA, Unità Speciali di Continuità Assistenziale. Abbaticchio: «Siamo tra i primi in Puglia»
Nessun caso di Coronavirus in Puglia, ma il piano regionale è pronto Nessun caso di Coronavirus in Puglia, ma il piano regionale è pronto Una rete di unità operative di malattie infettive da quasi 200 posti in caso di paziente “numero uno”
1 Coronavirus: la Regione fa il censimento dei fuori sede in rientro Coronavirus: la Regione fa il censimento dei fuori sede in rientro Negativi, nel frattempo, tutti i test dei casi sospetti in Puglia
Anziani e disabili di Bitonto senza aiuto a soggetti non autosufficienti Anziani e disabili di Bitonto senza aiuto a soggetti non autosufficienti La Regione blocca il servizio ADI per l'esaurimento dei fondi. Damascelli: «Pazienti e famiglie abbandonati a se stessi»
Fondi per l'ex ospedale di Bitonto a rischio? Damascelli: «Scippo sventato» Fondi per l'ex ospedale di Bitonto a rischio? Damascelli: «Scippo sventato» Per il consigliere regionale forzista erano stati “congelati” in attesa del progetto mai presentato
© 2001-2020 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.