L'ospedale Di Venere di Bari
L'ospedale Di Venere di Bari
Cronaca

Medico bitontino strangolato al Di Venere, salvato dai colleghi

Tanta paura per l’aggressione ma se la caverà in 15 giorni

C'è ancora paura e incredulità fra il personale della struttura sanitaria e i colleghi del medico bitontino che mercoledì sera è stato aggredito da un paziente psichiatrico all'interno del Pronto Soccorso dell'ospedale Di Venere di Bari.
L'uomo era in servizio pomeridiano nella struttura sanitaria del capoluogo quando in triage è arrivato un paziente in evidente stato di alterazione, appena giunto dal Centro di Salute Mentale di Triggiano dove aveva dato i primi gravi segni di squilibrio. Al Di Venere la situazione è rapidamente peggiorata e l'uomo è riuscito a scappare lanciandosi proprio al collo del medico bitontino che ha subito un tentativo di strangolamento ed è stato preso a calci. Solo con l'aiuto di alcuni colleghi è riuscito a liberarsi dall'aggressore. Con enorme difficoltà il personale dell'ospedale è poi riuscito a bloccarlo sulla barella, fino all'arrivo dei Carabinieri.
Fortunatamente, nonostante la violenza dell'aggressione, il medico non ha subito gravi danni ed è stato giudicato guaribile in 15 giorni.

L'aggressione giunge, paradossalmente, a poco più di un mese dalla denuncia proprio del primario del Pronto Soccorso del Di Venere, Carlo Marzo, che è anche segretario nazionale USPPI Medici. Di Marzo aveva puntato il dito contro «la assoluta inadeguatezza della assistenza psichiatrica come prevista dalle leggi vigenti, con gravissimi disagi sia per i pazienti che per le famiglie, che sono abbandonati dalla sanità pubblica e pesino nella acuzie, scompensi e trattamenti sanitari obbligatori, sono abbandonati nei pronto soccorso senza psichiatri disponibili e costretti a frequenti trasferimenti, anche fuori regione».
Una denuncia caduta nel vuoto, a quanto pare, e che invece è stata incredibilmente profetica.
  • Asl Bari
Altri contenuti a tema
Ex ospedale di Bitonto: pioggia di nuovi servizi, medici e personale Ex ospedale di Bitonto: pioggia di nuovi servizi, medici e personale Sindaco e consiglieri di maggioranza soddisfatti dei risultati ottenuti dopo il vertice con la Asl
La piccola Rosalba, colpita da Seu, dimessa dal reparto di rianimazione La piccola Rosalba, colpita da Seu, dimessa dal reparto di rianimazione Negative le ultime analisi sul batterio. Ma la strada è ancora lunga
La piccola Rosalba è stabile ma ancora in gravi condizioni La piccola Rosalba è stabile ma ancora in gravi condizioni Negativi, intanto, i controlli dei Nas sui cibi assunti dalla paziente
Rosalba lotta contro la SEU: gara di solidarietà per aiutarla Rosalba lotta contro la SEU: gara di solidarietà per aiutarla Stasera veglia di preghiera nella chiesa del Crocifisso di Bitonto
«Un ginecologo e un diabetologo in arrivo nell'ex ospedale di Bitonto» «Un ginecologo e un diabetologo in arrivo nell'ex ospedale di Bitonto» Le rassicurazioni del DG Sanguedolce al sindaco. Damascelli(FI): «La cera si squaglia, il santo non cammina»
Rinnovo esenzioni ticket: caos e lunghe file. Damascelli: «Regione impreparata» Rinnovo esenzioni ticket: caos e lunghe file. Damascelli: «Regione impreparata» Il consigliere regionale di Forza Italia punta il dito contro la pianificazione politica e gestionale del governatore pugliese
Malattie rare, Damascelli (FI): «Siano erogati i farmaci per l'epidermolisi bollosa» Malattie rare, Damascelli (FI): «Siano erogati i farmaci per l'epidermolisi bollosa» Il consigliere regionale denuncia anche l'indifferenza della Regione verso le donne affette da endometriosi
Tac operativa a Bitonto. Damascelli: «Ora lottiamo per servizi di prossimità adeguati» Tac operativa a Bitonto. Damascelli: «Ora lottiamo per servizi di prossimità adeguati» Col nuovo tecnico in pianta stabile sbloccata la situazione ferma da tre mesi
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.