Il sequestro dei Carabinieri
Il sequestro dei Carabinieri
Cronaca

Maxi sequestro a noto imprenditore bitontino: sigilli a beni per circa 20 milioni di euro

Secondo i Carabinieri avrebbe reinvestito capitali illeciti dichiarando peraltro redditi bassissimi

Questa mattina, i Carabinieri del Comando Provinciale di Bari hanno dato esecuzione a una misura patrimoniale antimafia di sequestro anticipato di beni, ai sensi della normativa antimafia, emesso dal Tribunale barese, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, a carico di Francesco Mena, 62enne imprenditore di Bitonto, indagato negli anni per reati contro il patrimonio e la persona.

«Il provvedimento – spiegano i militari - scaturisce dagli esiti dell'articolata manovra investigativa patrimoniale, condotta dal Nucleo Investigativo e coordinata dalla magistratura antimafia, che ha consentito di accertare come il destinatario della misura ablativa avesse accumulato un ingente patrimonio immobiliare e aziendale, reimpiegando i capitali conseguiti illecitamente nel corso di decenni. Del resto, è stata documentata come tali sostanze rientrino di fatto nella sua disponibilità, malgrado i modesti redditi dichiarati, sebbene intestati a congiunti prestanome».

I Carabinieri hanno quindi messo i sigilli a «una fiorente società di capitali operante nella gestione di importanti attività dei settori ludico-ricreativo, della ristorazione e della somministrazione, un rinomato complesso di intrattenimento ricomprendente un bowling, un casinò per slot machine, una discoteca, un'ampia sala biliardo, un ristorante, un american bar e un pub, inoltre, 4 rapporti di conto corrente bancario», tutti situati a Bitonto.

«Saranno per di più oggetto d'espoliazione – prosegue la nota del Comando Provinciale - tre noti bar, due dei quali ubicati sempre a Bitonto e recanti anche ampi spazi destinati alle slot machine, il restante situato nel centro di Palo del Colle, infine, rispettivamente, in Bitonto e nel suo agro, un locale commerciale esteso oltre 320 metri quadrati e 14 terreni edificabili».

«Si tratta, complessivamente, - conclude il comunicato stampa dell'Arma dei Carabinieri - di una universalità di beni del valore totale stimato pari a circa 20 milioni di euro».
  • carabinieri
  • Direzione Investigativa Antimafia
  • Codice Antimafia
  • Carabinieri Bitonto
  • Controlli Carabinieri Bitonto
  • Francesco Mena
Altri contenuti a tema
«È Domenico Conte il mandante della sparatoria» «È Domenico Conte il mandante della sparatoria» Sabba e Papaleo avrebbero agito «su espresso mandato di Conte e avvisati da D'Elia». Che però ha negato
Anziana uccisa a Bitonto, ancora latitante il boss Conte Anziana uccisa a Bitonto, ancora latitante il boss Conte Il 48enne è ritenuto il mandante della sparatoria che il 30 dicembre scorso costò la vita ad Anna Rosa Tarantino
Furti d'auto: trovato a Cerignola un furgone rubato a Bitonto Furti d'auto: trovato a Cerignola un furgone rubato a Bitonto Denunciato un cittadino rumeno residente in Capitanata
Chi è Domenico Conte Chi è Domenico Conte Latitante dal 20 aprile, è considerato a capo dell'omonimo clan: ecco la sua storia
Sparatoria in strada, passante uccisa. Il mandante era Domenico Conte Sparatoria in strada, passante uccisa. Il mandante era Domenico Conte Emesso un ordine di arresto. Il presunto boss, da ieri latitante, avrebbe avuto un ruolo decisivo. Arrestato un altro sodale 28enne
Violati i sigilli dell'impero di Mena, indagano i Carabinieri Violati i sigilli dell'impero di Mena, indagano i Carabinieri I malviventi si sono intrufolati e sono andati diretti alle slot. Ma sono stati immortalati dalle telecamere
Mistero nella notte: raid nell'area sequestrata all'imprenditore Mena Mistero nella notte: raid nell'area sequestrata all'imprenditore Mena Ignoti hanno fatto irruzione lungo la strada provinciale 231. Indagano i Carabinieri
Omicidio Tarantino, Abbaticchio: «Grazie alle forze dell'ordine. Nessuna via d'uscita per chi infrange la legge» Omicidio Tarantino, Abbaticchio: «Grazie alle forze dell'ordine. Nessuna via d'uscita per chi infrange la legge» Il sindaco di Bitonto duro con i responsabili: «Cancro sociale da combattere quotidianamente»
© 2001-2018 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.