Chiesa dellAnnunziata
Chiesa dellAnnunziata
Territorio e Ambiente

Lo strano destino della Chiesa dell'Annunziata: contesa tra Bitonto e Bari ma a rischio degrado

Le consigliere del PD Noviello e Vaccaro chiedono la risoluzione della controversia e interventi urgenti di restauro

È da sempre uno degli edifici religiosi più amati dai bitontini, vero e proprio tesoro di architettura, arte e storia medievale a pochi passi dalla cinta urbana, ma potrebbe non rientrare nel territorio di Bitonto e rischia di continuare a subire i danni del tempo senza che nessuno se ne faccia carico. Si tratta della chiesa dell'Annunziata, situata lungo la strada provinciale 156 che collega la città all'aeroporto di Palese, per secoli sotto la giurisdizione di Bitonto ma che dal 1928, a causa della strampalata "idea" dell'allora Ministro dei Lavori Pubblici Araldo di Crollalanza - che per consegnare al duce una "Grande Bari" il cui territorio avesse la forma di un'aquila con le ali dispiegate, simbolo dell'ideologia fascista, sottrasse la frazione di Santo Spirito insieme ad altre di altri comuni limitrofi – potrebbe essere finita nel territorio della località costiera e quindi di Bari. "Potrebbe". Perchè in realtà la chiesa rappresenta proprio il confine comunale fra il capoluogo e Bitonto, senza tuttavia che se ne sia definita con precisione la giurisdizione.

Per questo motivo, i consiglieri del Partito Democratico, Elietta Noviello, del V Municipio di Bari e Antonella Vaccaro, di Bitonto, hanno chiesto alle amministrazioni delle due città, ma anche alla Città Metropolitana di Bari e alla Regione la definizione della giurisdizione e la programmazione di interventi urgenti di recupero.
«Il luogo – scrivono i due consiglieri in una nota - è aperto alla cittadinanza il 25 Marzo (giorno dell'Annunciazione povera) e la domenica dopo Pasqua (giorno dell'Annunciazione ricca), molteplici pellegrini si recato per pregare e per visitarla, un rito che si tramanda dal XIX secolo. La chiesa è ricca di antichissimi affreschi a tempera, il più antico giudizio Universale, nulla a che invidiare alle chiese rupestri di Matera. Al centro della chiesa vi è un affresco che ritrae l'Annunciazione, e si racconta che le mamme portavano i bambini per chiedere la grazia di farli guarire dalle malattie. Ad oggi si ipotizza che tale bene ricada nel territorio di Santo Spirito del Comune di Bari, ma resta sempre un tradizionalmente appartenente al Comune di Bitonto, a periodi anche conteso tra le amministrazioni».

«In qualità di amministratori locali del Comune di Bari e Bitonto – si legge ancora nella nota - chiediamo che venga accertata la territorialità del bene, nonché la sua natura giuridica di bene pubblico o privato, e proponiamo ai comuni di Bari e di Bitonto, alla Città Metropolitana e alla Regione Puglia, di intercettare fondi destinati alla rigenerazione, alla ristrutturazione e conservazione dei beni culturali anche in collaborazione con enti esterni come il FAI, al fine di rendere questo luogo più accessibile alla cittadinanza non solo nelle giornate dettate dal culto e dalla tradizione, bensì che possa essere visitato da studenti e inserita come attrattiva in percorsi turistici e cicloturistici data la vicinanza con l'aeroporto».
  • partito democratico
  • Partito Democratico Bitonto
  • Antonella Vaccaro
  • PD
Altri contenuti a tema
Il PD "Terra di Bari" organizza la Maratona online del Lavoro e dei Lavoratori Il PD "Terra di Bari" organizza la Maratona online del Lavoro e dei Lavoratori Dalle 10:00 alle 16:00 in diretta sulla pagina Facebook del partito
Tutti antifascisti, nessuno partigiano? Il Pd di Bitonto ospita Gianni Cuperlo Tutti antifascisti, nessuno partigiano? Il Pd di Bitonto ospita Gianni Cuperlo Il membro della direzione nazionale del partito con Rosaria Lapedote (Anpi) per parlare di “Resistenza bene comune”
Pinto (PD): «Fuori dalla nostra sede per amore di legalità» Pinto (PD): «Fuori dalla nostra sede per amore di legalità» La riflessione del consigliere comunale sulla scelta di lasciare la storica “Pescara” in corso Vittorio Emanuele
Il Partito Democratico lascia la Pescara Il Partito Democratico lascia la Pescara Il segretario Brandi: «Ci torneremo solo con un nuovo contratto»
Sinistra Italiana critica sull'adesione dei Verdi al Pd: «Voltagabbana» Sinistra Italiana critica sull'adesione dei Verdi al Pd: «Voltagabbana» «Per taluni la lealtà verso gli elettori conta poco»
La Federazione dei Verdi di Bitonto aderisce al Pd La Federazione dei Verdi di Bitonto aderisce al Pd Il segretario Brancale: «Continueremo a occuparci dei temi ambientali, sviluppo sostenibile, diritti civili e povertà»
Un piano di ripresa a Bitonto: si parte da rifiuti, alloggi popolari e asili nido Un piano di ripresa a Bitonto: si parte da rifiuti, alloggi popolari e asili nido Le forze politiche di Pd, Si, Italia in Comune, Iniziativa Democratica, Officine Partecipate e 70032 pronte ad accogliere altri contributi
Scuola prèt-à-porter? Approfondimento in streaming del Pd di Bitonto Scuola prèt-à-porter? Approfondimento in streaming del Pd di Bitonto Momento di confronto sull'istruzione per affrontare paure e falsi miti prodotti sull'immaginario collettivo dalla pandemia
© 2001-2021 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.