whatsapp. <span>Foto datamanager.it</span>
whatsapp. Foto datamanager.it
Cronaca

La caccia all'untore fa un'altra vittima a Bitonto: «Il nuovo caso di coronavirus non è nostro parente»

I titolari di un esercizio commerciale del centro smentiscono il solito insensato messaggio virale nelle chat

Era successo già in occasione del primo contagio da coronavirus registrato in città; è successo ancora, puntualmente, anche con il secondo caso rilevato dalla Asl stavolta a Palombaio e, ancora una volta, una persona del tutto estranea alla questione è finita nel tritacarne delle chat delle comari impenitenti. La caccia all'untore fa un'altra ignara vittima a Bitonto, dove i parenti di un anziano ricoverato negli scorsi giorni per una patologia che nulla aveva a che vedere con il CoVid19 sono stati costretti a smentire il testo di un messaggio che invece individuava proprio nel loro congiunto l'identità del nuovo contagiato in città.

A parlare è la nipote dell'uomo che si è scagliata contro l'individuo «che si è permesso di far girare una notizia così grave senza aver alcuna conferma: mio nonno è stato "prelevato" dall'ambulanza la scorsa notte non per il coronavirus, ma per insufficienza renale. Se fosse stato vero, ci avrebbero fatto fare quantomeno i tamponi, cosa che invece non è accaduta».
«Prima di far girare notizie rigorosamente false – aggiunge la ragazza – informatevi. E, dal momento che nessun membro della mia famiglia ha sintomi ed è tantomeno infetto, la nostra macelleria resterà aperta».

Si ripete, dunque, l'assurda pratica della diffusione di insensati pettegolezzi nelle chat dei social network, in particolare whatsapp, che coinvolge, in ogni caso, due tipologie di idiota: quello che la "notizia" la confeziona, magari sulla base di un pettegolezzo intercettato di straforo, e quello che invece la "inoltra" e diffonde nei gruppi di cui fa parte. Una pratica in cui molti di esibiscono con disinvoltura, ignari del fatto che è reato penale passibile di denuncia, detenzione e pesanti risarcimenti sia la creazione di una calunnia che la sua diffusione e il semplice "girare" il messaggio nelle chat "private".
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Cannillo e Pomarico domani ospiti in diretta sul network Viva Cannillo e Pomarico domani ospiti in diretta sul network Viva Approfondimento sulla ripartenza dopo il Coronavirus: orizzonti, progetti, speranze
A Bitonto negozi chiusi a Pasqua: ok al domicilio di pasti e pasticceria A Bitonto negozi chiusi a Pasqua: ok al domicilio di pasti e pasticceria Consegne consentite solo nella mattinata di domenica e Pasquetta
Emergenza Covid19 a Palo: viaggio nel cuore della solidarietà Emergenza Covid19 a Palo: viaggio nel cuore della solidarietà Il videoservizio di Paolo Ruscitto con i Sass di Bitonto accanto ai volontari che aiutano la popolazione
Coronavirus: a Bitonto diminuiscono i contagi Coronavirus: a Bitonto diminuiscono i contagi Scendono a 11 le persone infette. Due in terapia intensiva. Ma a Pasqua stop ai servizi a domicilio
Emergenza Coronavirus: a Bitonto un conto corrente per le donazioni Emergenza Coronavirus: a Bitonto un conto corrente per le donazioni I fondi raccolti saranno destinati alle famiglie in difficoltà della città
1 Blitz al festino privato a Bitonto: in 6 multati e denunciati Blitz al festino privato a Bitonto: in 6 multati e denunciati Domenica in compagnia per 6 giovani sorpresi in un locale nonostante la quarantena da Coronavirus
Parchi pubblici e cimiteri a Bitonto chiusi fino al 13 aprile Parchi pubblici e cimiteri a Bitonto chiusi fino al 13 aprile Prorogata anche la misura che sospende il pagamento dei ticket per le strisce blu
Mercoledì a Bitonto nuovo lavaggio strade e marciapiedi Mercoledì a Bitonto nuovo lavaggio strade e marciapiedi Interessati centro e periferia della città e le frazioni. No ai trattori degli agricoltori: «Necessario personale qualificato»
© 2001-2020 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.