Dottoressa stremata durante la pandemia
Dottoressa stremata durante la pandemia
Cronaca

Tre anni fa il lockdown che cambiò le nostre vite

Ripercorriamo quelle ore terribili che ci hanno portato ad una fase della nostra storia senza precedenti negli ultimi 100 anni

Era il 9 marzo 2020, quando intorno alle 20.30, l'allora presidente del Consiglio Giuseppe Conte apparve in tv per comunicare agli italiani che i contagi da Sars CoV2 erano un pericolo non solo per la popolazione di una ristretta zona della Lombardia, ma per tutta la nazione. Tutti rinchiusi, con regole da "disaster movie" che avevamo solo immaginato nei nostri incubi. Ed un nemico invisibile che ci ha falcidiato, senza troppe difese. Stop al cinema, alle partite di calcio (ultima squadra professionistica in campo, quella sera, fu il Bari con il Catanzaro), ai concerti, alle discoteche, ai gruppi di amici, alle cene. Stop alla vita. Ce ne dovemmo inventare una, spiando via social "le vite degli altri".

Un pericolo fattosi concreto coi mesi, quei mesi che hanno cambiato le nostre esistenze e che ancora oggi, 1095 giorni dopo fanno paura.

Morirono decine di migliaia di persone, oltre 150mila secondo alcune stime, ed in tantissimi portano le conseguenze di quella terribile polmonite bilaterale superata a fatica. I vaccini, il distanziamento fisico, hanno poi arginato un'epidemia che non è ancora del tutto sopita, ma che oggi si combatte con maggiore efficacia.

Furono silenzi nelle nostre strade, riscoprimmo il senso di comunità quando ci allontanammo, sentimmo il senso patrio finalmente come un valore e ci promettemmo di essere migliori, quasi come fosse una preghiera laica da recitare per scacciare quella angoscia di un male ignoto che ci soffocava.

Di quella Italia paralizzata, con animali e natura che si ripresero spazi occupati da noi esseri umani, è rimasto, per fortuna visti i risvolti, ben poco. Oggi viviamo una inchiesta sull'origine di quella pandemia che non toglierà nulla né aggiungerà nulla alle nostre esistenze, profondamente cambiate in ogni caso.

Ripartiamo e ricordiamo, soprattutto per onorare chi non c'è più. Ed un giorno speriamo che la nostra politica pensi a quanto sarebbe giusto riabbracciare simbolicamente, con una giornata dedicata, tutti quei morti che non salutammo nemmeno.
  • Lockdown
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti

1063 contenuti
Altri contenuti a tema
Emergenza pandemica per Covid-19 è finita. Lo dice l'OMS Emergenza pandemica per Covid-19 è finita. Lo dice l'OMS La comunicazione del direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Ghrebreyesus
Stop ai report Covid. Gli ultimi dati su Bitonto Stop ai report Covid. Gli ultimi dati su Bitonto Dall'ASL Bari concludono il servizio di comunicazione. Si chiude uno dei periodi più bui degli ultimi 100 anni in tema sanitario
Raddoppiati i casi Covid a Bitonto in una settimana. La situazione Raddoppiati i casi Covid a Bitonto in una settimana. La situazione Dati in controtendenza rispetto al circondario, ampiamente però nella media metropolitana
Covid, i dati a Bitonto ad inizio marzo Covid, i dati a Bitonto ad inizio marzo Netto il calo dei nuovi contagi
Covid, dati raddoppiati a Bitonto a fine febbraio Covid, dati raddoppiati a Bitonto a fine febbraio Gli aggiornamenti dell'ASL Bari
Covid, casi ancora dimezzati a Bitonto Covid, casi ancora dimezzati a Bitonto I nuovi dati contenuti nel report dell'ASL Bari
Covid, dati stabili a Bitonto tra il 6 ed il 12 febbraio scorsi Covid, dati stabili a Bitonto tra il 6 ed il 12 febbraio scorsi La situazione fotografata dal report dell'ASL Bari
Bitonto ormai fuori dall'incubo Covid Bitonto ormai fuori dall'incubo Covid I nuovi dati forniti dall'ASL Bari riferiti al periodo tra il 30 gennaio ed il 5 febbraio scorsi
© 2001-2024 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.