Gli incidenti in provincia di Bari
Gli incidenti in provincia di Bari
Cronaca

Incidenti stradali: la sp 231 è la provinciale più pericolosa di Puglia

Diminuiscono i sinistri nella Regione, ma la strada che taglia il territorio di Bitonto ha fatto 43 incidenti, 3 morti e 71 feriti

Scende ancora il numero di incidenti mortali e di vittime in tutta la Puglia, raggiungendo un nuovo minimo storico dal 2001, ma la strada provinciale 231 che lambisce il centro urbano di Bitonto tagliandone tutto il territorio resta la provinciale più pericolosa della regione.

È quanto emerso dal report annuale dell'ASSET (Agenzia Regionale Strategica per lo Sviluppo Ecosostenibile del Territorio) sugli incidenti stradali in Puglia, discusso negli scorsi giorni in Regione, alla presenza dell'assessore ai Trasporti, Gianni Giannini.

In una situazione complessiva di generale di miglioramento delle statistiche, spicca la situazione della grande arteria stradale che interessa il territorio della città dell'ulivo: solo quattro strade sono più pericolose della provinciale 231 e sono tutte statali: la strada statale 16, la strada statale 96, la strada statale 100 e la strada statale 07 in provincia di Taranto. Nel tratto bitontino poi, la pericolosità raddoppia, visto che è l'unico punto (insieme a quello nei pressi di Andria) che non è dotato di spartitraffico.

Giannini ha sottolineato come «nel 2018 il numero dei sinistri mortali (167) e quello dei morti (201) rappresentino i valori più bassi dal 2001. Rispetto al 2017, nel 2018 si è registrato un decremento del 20,5% degli incidenti mortali, del 14,8% delle persone decedute e dell'1% degli incidenti con lesioni; sale invece dello 0,1% il numero dei feriti, che passano da 16.116 a 16.135. Si tratta comunque ancora di un bollettino di guerra, per cui non bisogna abbassare la guardia».

«Il decremento complessivo dell'incidentalità stradale e della mortalità da incidente - ha aggiunto l'assessore - non deve distoglierci dal percorso di educazione e prevenzione che la Regione e l'ASSET hanno avviato con altri organismi pubblici, come l'Università di Bari e la Direzione Generale dell'Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia. Sensibilizzare i giovani alle tematiche della sicurezza stradale e a comportamenti corretti al volante è fondamentale, ma si deve investire anche nell'educazione di adulti e guidatori esperti, in quanto i soggetti che ricadono in queste tipologie risultano essere i principali responsabili di incidenti stradali».

Se però la Regione Puglia sta provvedendo importanti interventi strutturali e ampliamento di carreggiate per la strada statale 016, la strada statale 007, la strada statale 100, la strada statale 172 e la strada statale 275, nessun intervento di decongestione del traffico e di riduzione della pericolosità sono in programma su tutta la strada provinciale 231 e sul pericolosissimo tratto bitontino.

Un paradosso che stride fortemente con i dati sciorinati dall'assessore regionale, che preferisce limitarsi a «continuare a condividere e promuovere la necessità di maggiore prudenza sulle strade, soprattutto quelle ad alto rischio di incidenti, moderando la velocità in relazione al contesto ed alla situazione ambientale, rispettare scrupolosamente semafori e segnali stradali, evitare l'utilizzo di smartphone alla guida, così come attenersi al divieto d'uso di alcool e di sostanze stupefacenti, sono regole che se non rispettate conducono ad azioni criminali che mettono in grave pericolo la vita propria e delle altre persone».

Preservare la propria incolumità e non creare pericolo a quella degli altri è un obbligo di convivenza civile, fondato sulla consapevolezza del valore della vita propria e degli altri.
  • sp 231
  • Gianni Giannini
  • trasporti
  • Regione Puglia
Altri contenuti a tema
Giovedì la prima riunione del consiglio regionale Giovedì la prima riunione del consiglio regionale Prevista l'elezione del presidente, favorita Loredana Capone
52 decessi e ricoveri stabili nelle ultime 24 ore 52 decessi e ricoveri stabili nelle ultime 24 ore Oltre 45mila casi in Puglia dall'inizio dell'emergenza
Accordo fra Regione Puglia e medici di base per cura pazienti e tamponi rapidi Accordo fra Regione Puglia e medici di base per cura pazienti e tamponi rapidi Potranno disporre l'isolamento fiduciario domiciliare a esito positivo del test, stabilendo inizio e fine della quarantena
40 decessi e 53 ricoveri in più in Puglia, le terapie intensive reggono l'urto 40 decessi e 53 ricoveri in più in Puglia, le terapie intensive reggono l'urto Oltre 17mila casi positivi nel barese dall'inizio dell'emergenza
Gli auguri delle Pro Loco pugliesi alla nuova Giunta regionale Gli auguri delle Pro Loco pugliesi alla nuova Giunta regionale Lauciello: «Siamo disponibili da subito a incontrare il neo assessore Bray»
Nuovo arrivo di materiale per i dispositivi di protezione individuale Nuovo arrivo di materiale per i dispositivi di protezione individuale Carico destinato alla fabbrica pubblica della Regione Puglia
86 ricoverati Covid in più nelle ultime 24 ore negli ospedali pugliesi 86 ricoverati Covid in più nelle ultime 24 ore negli ospedali pugliesi Superata quota 10mila negativizzati
Ordinanza del ministero della salute, la Puglia resta zona arancione Ordinanza del ministero della salute, la Puglia resta zona arancione Nessun cambiamento fino al 3 dicembre, non accolta la richiesta di Emiliano di zona rossa per Bat e Foggia
© 2001-2020 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.