Lultima casa di Ibrahim
Lultima casa di Ibrahim
Vita di città

Il triste destino del 27enne morto a Bitonto: alla sepoltura solo un prete

Don Vito Piccinonna: «Speravo di trovare qualcuno oltre i becchini»

Era partito solo dal suo paese e solo è rimasto in Italia, in silenzio, lavorando in campagna per guadagnarsi da vivere. Ma solo si è ritrovato anche nel momento del suo ultimo passaggio terreno, disteso in una bara, dopo essere morto a soli 27 anni. È la triste parabola del giovane Ibrahim Bendu, che ha perso la vita martedì a Bitonto per un malore accusato mentre era in strada e dal quale non c'è stato verso di salvarlo. Forse anche per l'arrivo in ritardo di un'ambulanza che, magari, avrebbe potuto salvargli la vita. Il Comune si è accollato i costi per la sepoltura del giovane nel cimitero cittadino, ma per la presenza umana, purtroppo, non c'è prezzo. Così il povero Ibrahim è stato inumato avendo accanto solo i becchini e un prete: don Vito Piccinonna, rettore della Basilica dei Santi Medici di Bitonto.

«Avevo letto della morte di questo giovane della Sierra Leone – ha commentato il parroco davanti alla sepoltura – tre giorni fa dopo essersi accasciato nelle vie della nostra Città probabilmente in seguito ad un infarto è morto. Sul colpo. Non so nulla della sua storia ed è difficilissimo saperlo. Ho saputo della sua sepoltura stamattina (ieri, n.d.r.). Sono arrivato alle 8.29 al cimitero. Speravo non avessero iniziato la sepoltura e invece l'avevano quasi completata. Fratello mussulmano venuto da lontano per trovare pace».
«Speravo di trovare qualcuno oltre ai becchini – era l'auspicio di don Vito - Nessuno. Giustamente, perché non aveva nessuno. E ci siamo fermati io e il fioraio cui avevo chiesto due minuti prima una pianta di ciclamino bianca. Che ha gentilmente offerto rifiutando i miei soldi. Nemmeno la foto. Resta almeno il suo nome e cognome. Si è commosso anche il fioraio quando ho avuto appena il coraggio di dire "chissà se Ibrahim ha famiglia in Sierra Leone e chissà se lo sanno che non c'è più..." 27 anni...».
«Riposa in pace fratello mio - è la preghiera del parroco - quel Dio che chiamiamo con nomi diversi ti accolga nell'unica Vita che non passa. Nel nome di Abramo di cui portavi il nome. Ciao Ibrahim! Ah Ibrahim, il fioraio ha chiesto ad un signore che ci va ogni giorno di innaffiare il tuo fiore. Non eri solo».
  • don Vito Piccinonna
Altri contenuti a tema
Don Vito Piccinonna: «Un pensiero agli ammalati non solo oggi» Don Vito Piccinonna: «Un pensiero agli ammalati non solo oggi» L'appello del rettore della Basilica dei Ss Medici di Bitonto: «Non si ritrovino mai soli: sarebbe peggio della malattia»
La Caritas saluta monsignor Cacucci e dà il benvenuto al Vescovo Satriano La Caritas saluta monsignor Cacucci e dà il benvenuto al Vescovo Satriano Don Vito Piccinonna: «Ci ha sempre amorevolmente incoraggiati e sostenuti»
1 Palombaio dice addio a Tonino Lonardelli Palombaio dice addio a Tonino Lonardelli Figura storica del volontariato locale lascia il vuoto nel cuore di molti
Il fine vita in Hospice, don Piccinonna: «Qui l'umanità vince il dolore» Il fine vita in Hospice, don Piccinonna: «Qui l'umanità vince il dolore» Il presidente della Fondazione Ss Medici interviene nel documento della CEI: «Fondamentale non sentirsi soli»
Il parroco all’anziano senza mascherina: «Se vieni steso in chiesa poi non dire “è stato Cristo”» Il parroco all’anziano senza mascherina: «Se vieni steso in chiesa poi non dire “è stato Cristo”» In un VIDEO il siparietto in dialetto bitontino di don Vito Piccinonna durante l'omeli
I panzerotti scartati diventano un pasto alla mensa per i poveri di Bitonto I panzerotti scartati diventano un pasto alla mensa per i poveri di Bitonto I surplus alimentari di un'azienda pugliese sono stati raccolti dalla Fondazione Opera Santi Medici Cosma e Damiano
«Con la crisi la mafia si sta insinuando tra le famiglie» «Con la crisi la mafia si sta insinuando tra le famiglie» L'allarme del direttore della Caritas, don Vito Piccinonna, che denuncia un aumento dell'usura tra i soggetti deboli
Il Papa chiama Bitonto: telefonata a don Vito Piccinonna Il Papa chiama Bitonto: telefonata a don Vito Piccinonna Il rettore della Basilica dei Santi Medici: «Ancora sotto choc: che uomo!»
© 2001-2021 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.