I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Furti d'auto, è allarme a Bitonto. Caccia alla banda della Giulietta

In azione un trio di veri professionisti: sugli episodi indagano i Carabinieri

La mano potrebbe essere la stessa dei ladri d'auto (mezzi rubati e ridotti ai minimi termini per farne pezzi e alimentare così il redditizio mercato della vendita dei ricambi, nda), che agiscono sul territorio comunale di Bitonto. Lo indicano la tecnica e il modello d'auto che sarebbe stata notata, un'Alfa Romeo Giulietta.

A dare la caccia alla vettura ci sono Polizia di Stato e Carabinieri. La banda di professionisti del furto, che ha collezionato una lunga serie di colpi in città, dalle indicazioni fin qui raccolte, è composta da tre persone, tutte a volto coperto. E tutte le volte che in città è avvenuto un furto d'auto, nella zona è stata segnalata la presenza della stessa vettura: un'Alfa Romeo Giulietta di colore scuro. Un'auto che ha sostituito la nota Opel Astra, che rischiava d'essere intercettata.

Ma da dove arrivano questi ladri? Bande simili, specializzate, provengono spesso dalla sesta provincia (Andria), ma anche dal sud-foggiano (Cerignola), grazie anche a basisti e contatti con il territorio bitontino. E una delle piste è che sia così anche in questo caso, come già scoperto nel corso di altre indagini svolte in passato da Polizia e Carabinieri. I ladri mirano in particolar modo a suv e crossover, evidentemente più profittevoli al momento dello smercio di parti usate.

Gli stratagemmi usati sono molti e anche tecnologici, «per esempio - spiegano vari siti web del settore - l'uso di una chiave con la quale forzare la portiera e accedere alle informazioni del transponder così da ricreare la chiave giusta; oppure attraverso il cosiddetto "relay attack": il ladro d'auto in tal modo non forza la portiera, ma deve solo captare il segnale della chiave elettrica». Dispositivi che consentono ai banditi di rubare un'auto a Bitonto in meno di un minuto.

La piaga dei furti d'auto è un fenomeno che colpisce Bitonto da tempo immemore, ma dopo mesi di flessione positiva, dovuta al lockdown e ai serrati controlli del territorio, è ora ripresa con grande vigore. I ladri si sono si adeguati alle richieste del mercato, rubando le auto con i ricambi più richiesti. Le auto, spiegano gli inquirenti, vengono infatti rubate in base alla precisa richiesta che arriva dei pezzi di ricambio. E i profitti generati da questo business sono in crescita.

Le auto vengono poi portate nell'agro di Bitonto (ma anche fra il nord barese e il sud foggiano), occultate nelle campagne e infine cannibalizzate. Un fenomeno in fermento che vede coinvolte organizzazioni criminali al cui interno opera una "squadra operativa" dedita al furto del mezzo, la "squadra dei tagliatori" che seziona le auto e una "piattaforma logistica" in grado di ripulire i pezzi fra i demolitori compiacenti, utilizzando documentazione soltanto apparentemente lecita.

Un fenomeno rivelato da Giancarlo Squeo durante la puntata di "Avamposti, dispacci dal confine". Nella docuserie che ha raccontato la quotidianità di Cerignola, «lo snodo principale del più grande mercato di autovetture rubate del Mediterraneo», il maresciallo molfettese in servizio sul Tavoliere delle Puglie ha spiegato che Cerignola, «un paese di 60.000 abitanti ha 50 demolizioni dichiarate. E per servirle - è stata la sua riflessione - almeno un'auto al giorno la devi portare?».

I ladri d'auto «viaggiano ad una velocità impressionante sulla strada statale 16 bis. A me è capitato - ha detto -, ma loro spingono oltre i 180 chilometri orari, la nostra Punto arriva a 160 chilometri orari». Un'auto rubata «viene portata a Cerignola e smembrata: in un'ora e mezza dall'auto riesci a smontare le componenti principali». Ma qual è il destino dei pezzi di ricambio? La merce viene rivenduta attraverso il web, con annunci su siti di e-commerce e sui social network.

«Provate a cercare, su un sito di annunci online, i ricambi d'auto - ha detto Squeo -. Questi annunci vi porteranno ad aziende che non esistono, in vie che esistono, con un civico di un appartamento di una persona che non c'entra niente e con un numero di telefono intestato ad uno straniero a cui ordini il pezzo di ricambio». I Carabinieri della locale Stazione ed i colleghi della Compagnia hanno già aumentato i controlli in città e continuano ad indagare sulla banda di malviventi.

Così scaltri ed esperti che, come hanno fatto in passato, potrebbero nuovamente aver cambiato auto per non essere intercettati dalle forze dell'ordine. In realtà sorprenderli in flagranza è sempre molto difficile. Anche perché per ogni arresto - in flagranza o meno -, c'è sempre qualcuno già pronto a subentrare.
  • Furti Bitonto
  • Polizia di Stato Bitonto
  • Furti auto Bitonto
  • Carabinieri Bitonto
Altri contenuti a tema
2,5 chili di hashish nell'auto: in manette un corriere della droga 2,5 chili di hashish nell'auto: in manette un corriere della droga I poliziotti del Commissariato hanno bloccato un 47enne di Bari sulla provinciale per Santo Spirito
Finge chiamata d'emergenza e ruba il cellulare: 20enne arrestato a Bitonto Finge chiamata d'emergenza e ruba il cellulare: 20enne arrestato a Bitonto Aveva provato a chiedere un riscatto per restituirlo ma i Carabinieri lo hanno raggiunto a casa
Occupano abusivamente una casa, sgomberati dai Carabinieri Occupano abusivamente una casa, sgomberati dai Carabinieri L'episodio in via Maggiore, nel centro storico. Intervento in tempi record dei militari per ripristinare la legalità
Covid-19, nel barese da marzo oltre 16mila sanzioni e 23 denunce Covid-19, nel barese da marzo oltre 16mila sanzioni e 23 denunce Sono i numeri forniti dalla Prefettura di Bari: dall'inizio dell'emergenza oltre 651mila controlli
Tentano di nuovo il colpo all'IP, ma arriva la Polizia. Ladri in fuga Tentano di nuovo il colpo all'IP, ma arriva la Polizia. Ladri in fuga L'episodio sulla strada provinciale 231: sul posto gli agenti del Commissariato. È il secondo tentativo in 24 ore
Strada ostruita con i cassonetti per poter rubare, ma il furto fallisce Strada ostruita con i cassonetti per poter rubare, ma il furto fallisce Il dettaglio ha insospettito gli agenti del Commissariato che hanno deciso di avvicinarsi in via Vacca
Banda del buco in azione all'IP, ma il furto non riesce Banda del buco in azione all'IP, ma il furto non riesce L'episodio sulla strada provinciale 231. Ma l'arrivo dei vigilantes dell'I.V.R.I. ha fatto fuggire i malviventi
Furto nella notte, colpito il Centro Orologi Store di via Mazzini Furto nella notte, colpito il Centro Orologi Store di via Mazzini Secondo colpo notturno in città, ancora da quantificare il bottino. Indagano gli agenti del Commissariato
© 2001-2021 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.