Disastro Capo Gallo - I rottami dell'Atr72
Disastro Capo Gallo - I rottami dell'Atr72
Cronaca

Disastro aereo Capo Gallo: i responsabili chiedono la grazia

Nell'incidente morì anche il bitontino Enrico Fallacara. Indignati i parenti delle vittime: «Assurdo: nemmeno un giorno di galera»

Dopo quattordici anni dal disastro aereo in cui morirono 16 persone, fra cui anche il 39enne bitontino, Enrico Fallacara, invece della sentenza di condanna per i responsabili arriva la loro richiesta di grazia. Paradossale risvolto nel processo contro le 7 persone accusate di aver causato l'incidente del 6 agosto 2005 in cui l'Atr72 della Tuninter, partito da Bari e diretto a Djerba, finì il suo volo nelle gelide acque di Capo Gallo al largo della Sicilia. Una ferita ancora aperta per i famigliari delle vittime, che ogni anno continuano a chiedere giustizia per i 16 morti e i 23 feriti di un incidente che poteva essere evitato e i cui responsabili, decretati da una sentenza della Cassazione, non hanno mai scontato la loro pena.
«Apprendo poco fa dall'avvocato Amenduni l'ultima novità nonché "beffa"della nostra assurda vicenda - scrivono dall'Associazione Capo Gallo 6 agosto 2005 - tutti i parenti delle vittime e i superstiti saranno chiamati dal Procuratore generale del tribunale di Palermo per pronunciarsi sulla richiesta di grazia, inoltrata al Presidente della Repubblica italiana dai legali dei 7 responsabili del disastro aereo del 6 agosto 2005 a Capo Gallo».

«Hanno avuto uno sconto notevole di pena - sottolineano - Nessuno ha fatto un giorno di galera, la sentenza definitiva della loro condanna non è stata applicata. Ogni anniversario chiediamo giustizia e certezza della pena alle autorità preposte e questi, o chi per loro, hanno la faccia tosta di chiedere la grazia come se 16 morti e 23 superstiti non contassero nulla».
  • Disastro Capo Gallo
Altri contenuti a tema
Disastro ATR72: il pilota condannato libero per un errore del Ministero Disastro ATR72: il pilota condannato libero per un errore del Ministero Damascelli: «Inaudito. Orlando chieda scusa e sostenga i familiari»
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.