Migranti in transito su via S Spirito
Migranti in transito su via S Spirito
Politica

Col decreto Salvini per i migranti fuori dai centri d’accoglienza pagheranno i Comuni

Gli amministratori di Italia in Comune contro il vicepremier: «Aumenteranno clandestini e delinquenza»

Saranno i comuni italiani a pagare il conto del decreto Salvini che prevede, fra le altre cose, il taglio ai fondi europei destinati all'accoglienza dei migranti che finiranno per le strade delle città italiane senza controllo. La denuncia arriva dai 60 amministratori locali, sindaci, assessori e consiglieri di Italia in Comune Puglia che hanno fatto fronte comune per dire 'no' al provvedimento sull'immigrazione, come avvenuto già in altri comuni del Nord.

«Il decreto del Ministero dell'Interno – spiegano da Italia in Comune - prevede, infatti, 23 mila migranti in meno nel circuito dell'accoglienza, la revoca di circa 1500 permessi di protezione umanitaria e la chiusura di decine di Cas e Sprar. Tuttavia, le stime ANCI sono raccapriccianti per i Comuni: 280 milioni di euro di costi amministrativi che ricadrebbero su Servizi sociali e sanitari delle singole città».

I costi, però, potrebbero essere solo l'ultimo dei problemi. «Il sistema elaborato da Salvini è fallimentare – ha detto il sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio - con le chiusure di CAS e Sprar, si tolgono vite umane dal circuito 'sano' dell'accoglienza per immetterle in strada. Non occorre essere degli esperti per comprendere come gli effetti del provvedimento sarebbero addirittura opposti a quelli prefissati, ovvero aumento di clandestinità, casi di emarginazione sociale e, quindi, anche di delinquenza. A voler essere sospettosi, verrebbe addirittura da pensare che questo incremento generalizzato di insicurezza e panico che si diffonderebbe nelle città sia una trovata utile per futuri fini elettorali».

«Ci spieghi Salvini come dovrebbe condurre questo provvedimento a una maggiore sicurezza nelle città – è la domanda del sindaco di Acquaviva delle Fonti, Carlucci - se l'attuale Governo non ha stipulato nemmeno un accordo con i Paesi di provenienza dei migranti per il loro rimpatrio. Se questi soggetti vengono sbattuti fuori dai centri di accoglienza e non vengono rimpatriati, dove finiranno, se non sulle nostre strade? Per non parlare, poi, dell'aspetto più prettamente 'umano' della questione, che siamo certi non sarà stato preso in considerazione dal Ministro, ovvero l'abbandono in strada di giovanissimi che vengono tristemente condannati a un futuro di precarietà, stenti e espedienti».

Gli amministratori del partito di Pizzarotti hanno deciso di presentare un ordine del giorno in cui chiederanno al Governo di sospendere gli effetti del decreto legge e di rivalutare, magari a seguito di confronto con i territori, le ricadute concrete dell'atto sia in termini economici che sociali e di sicurezza, e alla Regione Puglia di condividere i loro intenti.
  • Michele Abbaticchio
  • Italia in Comune
Altri contenuti a tema
Bitonto conferisce la cittadinanza simbolica ai minori stranieri nati in Italia Bitonto conferisce la cittadinanza simbolica ai minori stranieri nati in Italia Martedì la cerimonia ufficiale in piazza Cattedrale
«Militari in ausiliaria per aiutare il Comune»: la proposta dei 5 Stelle di Bitonto «Militari in ausiliaria per aiutare il Comune»: la proposta dei 5 Stelle di Bitonto Ma da Palazzo Gentile era già partita nei mesi scorsi la richiesta al Ministero. A disposizione medici, ingegneri, biologi e altri professionisti
1 Sabato si inaugura a Bitonto la sede di Italia in Comune Sabato si inaugura a Bitonto la sede di Italia in Comune Sarà dedicata ad Aldo Moro. Attesi il sindaco di Parma, Pizzarotti e quelli di Cerveteri e Latina, Pascucci e Coletta
Sindaci di Italia in Comune contro i “no vax”, i medici: «Scelta giusta e coraggiosa» Sindaci di Italia in Comune contro i “no vax”, i medici: «Scelta giusta e coraggiosa» Il presidente della FNMCEO, Anelli, plaude all’iniziativa degli amministratori
Epidemia morbillo a Bari, Abbaticchio: «Sulla salute dei bambini non si scherza» Epidemia morbillo a Bari, Abbaticchio: «Sulla salute dei bambini non si scherza» I sindaci di Italia in Comune Puglia rilanciano sul tema ‘vaccini’
Sarà girato a Bitonto il prossimo film di Giulio Base con Ennio Fantastichini per Rai Cinema Sarà girato a Bitonto il prossimo film di Giulio Base con Ennio Fantastichini per Rai Cinema Base logistica della troupe nel Centro Tecnologico Comunale della zona artigianale
Domani a Bari la presentazione del Festival BiTalk di Bitonto Domani a Bari la presentazione del Festival BiTalk di Bitonto Tra gli ospiti, Sergio Cammariere, Gianrico Carofiglio, Erri De Luca e Mimmo Lucano
Due mezzi per disabili del Comune fermi da due mesi: la ROAD chiede l'assegnazione Due mezzi per disabili del Comune fermi da due mesi: la ROAD chiede l'assegnazione Tante le persone con disabilità che chiedono aiuto per la mobilità urbana
© 2001-2018 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.