Migranti in transito su via S Spirito
Migranti in transito su via S Spirito
Politica

Col decreto Salvini per i migranti fuori dai centri d’accoglienza pagheranno i Comuni

Gli amministratori di Italia in Comune contro il vicepremier: «Aumenteranno clandestini e delinquenza»

Saranno i comuni italiani a pagare il conto del decreto Salvini che prevede, fra le altre cose, il taglio ai fondi europei destinati all'accoglienza dei migranti che finiranno per le strade delle città italiane senza controllo. La denuncia arriva dai 60 amministratori locali, sindaci, assessori e consiglieri di Italia in Comune Puglia che hanno fatto fronte comune per dire 'no' al provvedimento sull'immigrazione, come avvenuto già in altri comuni del Nord.

«Il decreto del Ministero dell'Interno – spiegano da Italia in Comune - prevede, infatti, 23 mila migranti in meno nel circuito dell'accoglienza, la revoca di circa 1500 permessi di protezione umanitaria e la chiusura di decine di Cas e Sprar. Tuttavia, le stime ANCI sono raccapriccianti per i Comuni: 280 milioni di euro di costi amministrativi che ricadrebbero su Servizi sociali e sanitari delle singole città».

I costi, però, potrebbero essere solo l'ultimo dei problemi. «Il sistema elaborato da Salvini è fallimentare – ha detto il sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio - con le chiusure di CAS e Sprar, si tolgono vite umane dal circuito 'sano' dell'accoglienza per immetterle in strada. Non occorre essere degli esperti per comprendere come gli effetti del provvedimento sarebbero addirittura opposti a quelli prefissati, ovvero aumento di clandestinità, casi di emarginazione sociale e, quindi, anche di delinquenza. A voler essere sospettosi, verrebbe addirittura da pensare che questo incremento generalizzato di insicurezza e panico che si diffonderebbe nelle città sia una trovata utile per futuri fini elettorali».

«Ci spieghi Salvini come dovrebbe condurre questo provvedimento a una maggiore sicurezza nelle città – è la domanda del sindaco di Acquaviva delle Fonti, Carlucci - se l'attuale Governo non ha stipulato nemmeno un accordo con i Paesi di provenienza dei migranti per il loro rimpatrio. Se questi soggetti vengono sbattuti fuori dai centri di accoglienza e non vengono rimpatriati, dove finiranno, se non sulle nostre strade? Per non parlare, poi, dell'aspetto più prettamente 'umano' della questione, che siamo certi non sarà stato preso in considerazione dal Ministro, ovvero l'abbandono in strada di giovanissimi che vengono tristemente condannati a un futuro di precarietà, stenti e espedienti».

Gli amministratori del partito di Pizzarotti hanno deciso di presentare un ordine del giorno in cui chiederanno al Governo di sospendere gli effetti del decreto legge e di rivalutare, magari a seguito di confronto con i territori, le ricadute concrete dell'atto sia in termini economici che sociali e di sicurezza, e alla Regione Puglia di condividere i loro intenti.
  • Michele Abbaticchio
  • Italia in Comune
Altri contenuti a tema
Onda verde a Bitonto, Mariotto e Palombaio: impianti 27 nuovi lecci Onda verde a Bitonto, Mariotto e Palombaio: impianti 27 nuovi lecci In corso anche i lavori di pulizia e cura del verde urbano
«Nessuna traccia dei poliziotti promessi da Salvini a Bitonto» «Nessuna traccia dei poliziotti promessi da Salvini a Bitonto» Il sindaco Pizzarotti attacca il ministro in diretta su La7 parlando di Bitonto: «Non si occupa delle forze dell’ordine»
Sud al Centro resta in maggioranza: «Nessuna rottura con Abbaticchio» Sud al Centro resta in maggioranza: «Nessuna rottura con Abbaticchio» Solidarietà al consigliere Putignano. E sui rifiuti si dice «favorevole alla società unica pubblica»
Sui rifiuti è rottura tra coalizione di governo e Sud al Centro Sui rifiuti è rottura tra coalizione di governo e Sud al Centro Ritirata a Putignano la delega per Palombaio. Abbaticchio: «Attendo le posizioni dei consiglieri di Sud al Centro»
Festa della Liberazione a Bitonto nel segno della partecipazione giovanile Festa della Liberazione a Bitonto nel segno della partecipazione giovanile Il 23, 24 e 25 Aprile celebrazioni e iniziative a cura dell’Amministrazione comunale
Una colomba artigianale per i poveri grazie al Banco delle Opere di Carità Una colomba artigianale per i poveri grazie al Banco delle Opere di Carità Fondazione e Comune di Bitonto insieme per un gesto di solidarietà a chi è più sfortunato
Michele Abbaticchio a LegalItria, il premio contro le mafie assegnato quest'anno al Papa Michele Abbaticchio a LegalItria, il premio contro le mafie assegnato quest'anno al Papa Sarà uno degli ospiti delle tavole rotonde insieme a Michele Emiliano, Aldo Patruno e al magistrato Luca Tescaroli
Forza Italia: «Bagno disabili in villa inagibile». Ma era già stato ripristinato Forza Italia: «Bagno disabili in villa inagibile». Ma era già stato ripristinato Il comunicato della sezione bitontina dei forzisti anticipato dagli operai del Comune che avevano già riparato i guasti
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.