I due truffatori al lavoro nella parafarmacia rimasta vittima del raggiro
I due truffatori al lavoro nella parafarmacia rimasta vittima del raggiro
Cronaca

Bitontotruffa '62: commercianti nel mirino di due imbroglioni seriali

Col trucco della banconota da 200 euro raggirano i negozianti. «State attenti: sono farabutti esperti»

Un raggiro degno degli sketch di Totò, ma con le conseguenze dolorose di un truffa del tutto reale. E non è un caso che i due imbroglioni seriali che stanno "battendo" in questi giorni i negozi di Bitonto abbiano accento napoletano. Dal celebre comico partenopeo i due malviventi sembrano infatti aver ereditato il talento dell'improvvisazione e dell'intrattenimento, in grado di frastornare anche l'operatore più attento. L'ultimo episodio è stato registrato giovedì sera, quando i due raggiratori sono entrati in un negozio di cosmesi in viale Giovanni XXIII, approfittando della temporanea mancanza del titolare e della commessa rimasta sola nell'esercizio commerciale.
La strategia è ben consolidata: prima entra il primo dei due, fa un giro, sceglie alcuni prodotti a caso di basso costo, poi arriva al bancone e paga con una banconota da 200 euro, assolutamente vera. La commessa la prende, la controlla, la inserisce nella macchinetta per sicurezza e la mette in cassa per poi passare a dare il resto. Pochi secondi dopo entra in scena il complice, anch'egli con prodotti per pochi euro e con una sola banconota da 100 euro (anch'essa verissima) con cui pagare. Anche in questo caso la commessa controlla, mette in cassa e dà il resto. Ed è qui che inizia il raggiro alla Totò. Il primo complice inizia a fare domande in rapida successione e distrae in ogni modo la ragazza, mentre il secondo incalza con la richiesta: «Signorina, ai 90 euro che mi ha dato aggiungo 10 euro così sono 100, con i 100 che già le ho dato sono 200, di diverso taglio. Me le può cambiare con la 200 che ho visto le hanno appena dato». Nemmeno il tempo di rispondere che dal primo complice arrivano altre domande, il secondo si mostra spazientito e incalza. Alla fine la ragazza in confusione dà la banconota da 200 euro al secondo complice che le dà in cambio solo 100 euro, non facendo caso di aver già dato il resto di 100 euro all'uomo.

Il tizio incassa ed esce, mentre il primo "cliente" continua a fare domande snervanti. Alla fine anche lui abbandona la scena, ma il sollievo per la povera commessa dura giusto il tempo di rendersi di conto di aver subito un raggiro.

«Ho pensato e ripensato se pubblicare questa foto – dice il titolare dell'attività mostrando sui social un fermo immagine delle telecamere del circuito di videosorveglianza interno che hanno registrato tutto - ma credo sia giusto farlo, perché il periodo è davvero infernale e dover subire anche questo tipo di attacchi ti taglia davvero le gambe».

I due soggetti hanno provato altri colpi, sia prima che dopo l'incursione nel negozio di cosmesi di viale Giovanni XXIII, con alterne fortune.

«Credetemi – è il suo appello - guardando i filmati si vede benissimo che sono molto bravi con le parole e ti mettono in confusione. Spero di aiutare altri colleghi, non siamo fessi ma ci siamo cascati».
  • Truffe Bitonto
Altri contenuti a tema
1 Si spaccia per l'antennista ma è un ladro. A Bitonto anziani nel mirino Si spaccia per l'antennista ma è un ladro. A Bitonto anziani nel mirino La segnalazione di una delle vittime: «Fate attenzione»
Truffa alla Regione: Michele ed Enrico Primavera non rispondono al Gip Truffa alla Regione: Michele ed Enrico Primavera non rispondono al Gip I due bitontini, padre e figlio, arrestati ieri dalla Guardia di Finanza, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere
Truffa indennizzi agricoltura: l'Ordine degli Avvocati fiducioso nella magistratura Truffa indennizzi agricoltura: l'Ordine degli Avvocati fiducioso nella magistratura Il presidente Stefanì: «Se l'autorità giudiziaria ci avesse aggiornato possibile anche sospensione»
Truffa alla Regione: arrestati due avvocati di Bitonto Truffa alla Regione: arrestati due avvocati di Bitonto Cause a valanga per mandare in tilt gli uffici e ottenere indennizzi. Sequestrati beni per oltre 22 milioni di euro
Coronavirus, finti tamponi e autodichiarazioni: le nuove truffe agli anziani Coronavirus, finti tamponi e autodichiarazioni: le nuove truffe agli anziani Forse qualcuno avrà pensato che l'attività dei ladri avrebbe avuto una battuta d'arresto, proprio come l'hanno ricevuta i lavoratori perbene. Non è così
Sette indagati a processo per un raggiro da 200mila euro: anche due donne di Bitonto Sette indagati a processo per un raggiro da 200mila euro: anche due donne di Bitonto Vittima un'anziana di Monopoli: le fecero vendere due immobili facendole credere di fare testamento in favore della figlia
Imprenditore bitontino muore dopo odissea bancaria: ora gli eredi chiedono risarcimento Imprenditore bitontino muore dopo odissea bancaria: ora gli eredi chiedono risarcimento Ma la banca non intende pagare, mentre Antonio De Renzo è morto senza ottenere giustizia
Bitontini occhio alla truffa: in azione falsi tecnici per controllare la qualità del segnale TV Bitontini occhio alla truffa: in azione falsi tecnici per controllare la qualità del segnale TV Il racconto di un testimone: «L'ho scacciato, ma gli anziani sono a rischio»
© 2001-2021 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.