Il Tribunale di Bari
Il Tribunale di Bari
Cronaca

Appuntamento hard finisce in rapina. Presi in tre: due hanno patteggiato

La vittima è un 70enne di Bitonto: i banditi lo avrebbero picchiato per rubargli contanti, carte prepagate e un cellulare

Avrebbero promesso sesso, una sorta di «threesome», due affascinanti gemelle di 23 anni, che hanno patteggiato altrettante condanne a pene particolarmente miti. Serate infuocate, ma in realtà sarebbero state pronte a rapinare i bramosi amanti di una sera con la complicità di un 42enne.

Una trappola a luci rosse, per raccattare qualche euro senza dover consumare il rapporto sessuale offerto. I tre, tutti residenti a Toritto, sono stati arrestati e posti ai domiciliari dai Carabinieri della Stazione di Bitonto con le accuse, a vario titolo, di truffa e di concorso in rapina pluriaggravata e lesioni personali.

Un modus operandi studiato nei minimi dettagli, secondo le indagini. Le due 23enni avrebbero adescato uomini in cerca di una serata alternativa. Dall'altra parte un 70enne di Bitonto. I primi approcci, lo scambio di numeri di telefono per potersi mettere d'accordo. Per conoscersi prima di fissare data e luogo esatto della serata di sesso.

Dettaglio non da poco, secondo quanto emerge dall'inchiesta del sostituto procuratore della Procura della Repubblica di Bari, Baldo Pisani, e poi passata alla collega Angela Maria Morea. Una delle due gemelle, «con artifizi o raggiri consistenti nell'accordare la consumazione di un rapporto sessuale, poi non consumato, in cambio di denaro» avrebbe indotto l'uomo «in errore, procurandosi un ingiusto profitto consistente nella somma di 50 euro».

Una volta scelta la data dell'appuntamento - i fatti risalgono al 10 dicembre 2021 -, i due avrebbero optato per il luogo, a Bitonto, nell'abitazione del 70enne. L'altra gemella si sarebbe fatta trovare sull'uscio di casa. Il cliente, però, dopo aver aperto la porta d'ingresso, desideroso di consumare sesso, si sarebbe trovato davanti il 42enne che lo avrebbe picchiato. Un'aggressione in piena regola, tanto che sarebbe rimasto tramortito a terra.

Riportando un trauma cranico del volto con escoriazioni talmente gravi che gli sono serviti 10 giorni per guarire. Nel frattempo sarebbe spuntata la sorella gemella, la quale avrebbe «materialmente appreso i beni». I tre prima di andarsene si sarebbero premurati di rubargli 280 euro in contanti, una borsa Versace con due carte prepagate e il cellulare per impedirgli, una volta che si fosse ripreso, di allertare le forze dell'ordine.

L'uomo, sotto shock, ha deciso di chiedere aiuto. Ha chiamato i Carabinieri al 112 e ha spiegato che cosa era accaduto. Da qui sono iniziati gli approfondimenti dei militari. In mano avevano già molto: il racconto del malcapitato, i numeri di telefono, i nomi probabilmente. I tre sono stati intercettati, arrestati in flagranza e relegati ai domiciliari. O meglio: permanenza in casa.

Le gemelle 23enni, intanto, hanno scelto di chiudere la vicenda giudiziaria in breve tempo col rito del patteggiamento davanti al giudice dell'udienza preliminare del Tribunale di Bari, Susanna De Felice: entrambe difese dall'avvocato Tiziano Tedeschi, il 30 settembre scorso sono state condannate a pene particolarmente miti. Il sospetto degli inquirenti, però, è che il terzetto possa aver operato ulteriori colpi, con lo stesso modus operandi, in altre parti d'Italia.
  • Arresti Bitonto
  • Rapine Bitonto
  • Carabinieri Bitonto
Altri contenuti a tema
Auto rubata a spinta: intercettata dai Carabinieri, finisce contro un muro Auto rubata a spinta: intercettata dai Carabinieri, finisce contro un muro Mattinata movimentata tra via Lazzati e via Dossetti, dove s'è conclusa la corsa di una Porsche Macan. L'inseguimento ripreso da uno smartphone
Camionista sequestrato e rapinato del tir: liberato a Mariotto Camionista sequestrato e rapinato del tir: liberato a Mariotto Il conducente è stato rilasciato dopo due ore: l'assalto a San Ferdinando di Puglia, in azione un commando di quattro banditi
Controlli ad "alto impatto" a Bitonto. Un arresto, sequestrata droga Controlli ad "alto impatto" a Bitonto. Un arresto, sequestrata droga Vasta operazione della Polizia di Stato in via La Malfa al quartiere 167: sequestrati oltre 150 grammi tra marijuana e hashish
Soldi per evitare danni agli ulivi: arrestate due Guardie Campestri Soldi per evitare danni agli ulivi: arrestate due Guardie Campestri Secondo l'accusa, i due avrebbero «obbligato gli imprenditori a versare denaro, vantando contatti con la criminalità»
Estorsione per un debito di droga, tre arresti. Uno è di Bitonto Estorsione per un debito di droga, tre arresti. Uno è di Bitonto L'uomo, di 35 anni, è considerato il mandante delle presunte richieste estorsive: è finito in carcere
Esplosi colpi di pistola in via Stellacci: sul caso indagano i Carabinieri Esplosi colpi di pistola in via Stellacci: sul caso indagano i Carabinieri Due i bossoli rinvenuti, a seguito della segnalazione di alcuni residenti che avrebbero udito i colpi d'arma da fuoco
Fiumi di droga tra la Puglia e l'Abruzzo, 29 arresti. Uno è di Bitonto Fiumi di droga tra la Puglia e l'Abruzzo, 29 arresti. Uno è di Bitonto In carcere, per un presunto traffico di stupefacenti, anche il 48enne Giuseppe Tatulli. Tra gli indagati Michele Mongiello
Tenta di rubare due auto: 28enne di Bitonto arrestato dai Carabinieri Tenta di rubare due auto: 28enne di Bitonto arrestato dai Carabinieri L'uomo è stata visto per le strade di Terlizzi e segnalato al 112: una gazzella, arrivata sul posto, l'ha fermato. È ai domiciliari
© 2001-2024 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.