Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Agguati per il controllo della droga, 7 condanne nei clan Conte e Cipriano

La pena più alta (10 anni e 2 mesi) a Giuseppe Antuofermo. Riconosciuta per tutti l'aggravante mafiosa

Spararono contro l'appartamento sbagliato, con l'obiettivo di colpire un affiliato di un clan rivale, e un proiettile si conficcò nello schienale della sedia dove era seduto un ignaro condomino, rimasto illeso.

È la prima delle 5 sparatorie, risalenti all'estate 2015, che diedero inizio a Bitonto alla guerra tra due gruppi criminali (i Conte da un lato, i Cipriano dall'altro) per il controllo delle piazze di spaccio in città, durata più di 2 anni e confluita nei quattro agguati del 30 dicembre 2017, in uno dei quali fu uccisa per errore una passante, l'anziana Anna Rosa Tarantino.

Il gup del Tribunale di Bari, Giovanni Abbattista, nei giorni scorsi ha condannato, riconoscendo per tutti l'aggravante mafiosa, 7 persone a pene comprese tra i 10 anni e 2 mesi e i 3 anni e 2 mesi di reclusione per le cinque sparatorie avvenute tra luglio e ottobre 2015 in cui, in un botta e risposta fatto di pestaggi con mazze da baseball e colpi di mitragliette esplosi in mezzo alla folla di un Luna Park durante la festa patronale, rimasero ferite almeno quattro persone.

La sentenza è stata emessa al termine di un processo celebrato col rito abbreviato. Stando alle indagini della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, coordinate dal pm Marco D'Agostino, il 29 luglio 2015 un gruppo di affiliati al clan Conte sparò contro la casa di un rivale, colpendo per errore l'appartamento al piano più basso del palazzo. Uno dei proiettili si conficcò in una sedia e, solo per fatalità - spiegano gli inquirenti - l'uomo che vi era seduto rimase illeso.

Seguirono, quello stesso giorno e poi il successivo 17 agosto, le risposte a quell'agguato, con il tentato omicidio del boss Domenico Conte. Il 18 agosto arrivò la risposta a questi due agguati, con il ferimento di due persone, e dopo due mesi, il 18 ottobre, la gambizzazione dei sicari del clan Conte, avvenuta nel Luna Park affollato di gente per la sagra dei Santi Medici Cosma e Damiano.

In particolare il gup ha condannato il pregiudicato Giuseppe Antuofermo alla pena di 10 anni e 2 mesi, Vittorio Christian Scaringella e Alessandro D'Elia a 3 anni e 2 mesi, Vito Antonio Tarullo a 4 anni e 6 mesi (tutti presunti affiliati al clan Conte), i rivali Salvatore Di Cataldo e Nicola Lorusso a 10 anni, Giuseppe Rocco Cassano a 9 anni e 4 mesi di reclusione.

La svolta nelle indagini su questi cinque agguati è arrivata dopo le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Tarullo, che nel marzo 2018 rivelò anche i nomi dei responsabili dell'omicidio della signora Tarantino, ordinato dal boss Conte. Per i fatti del dicembre 2017 il processo con rito abbreviato inizierà nell'aula bunker di Bitonto il prossimo 19 dicembre.
  • Clan Conte Bitonto
  • Clan Cipriano Bitonto
  • Nicola Lorusso
  • Giuseppe Rocco Cassano
  • Giuseppe Antuofermo
  • Vito Antonio Tarullo
  • Alessandro d'Elia
  • Vittorio Christian Scaringella
  • Salvatore Di Cataldo
Altri contenuti a tema
«Non gli bastava avvelenare i ragazzi con la droga, dovevano sparare fino ad ammazzare un innocente» «Non gli bastava avvelenare i ragazzi con la droga, dovevano sparare fino ad ammazzare un innocente» Nel corso della requisitoria, i pubblici ministeri hanno ricostruito la storia dei due clan in guerra, i Conte e i Cipriano
Anziana uccisa per errore a Bitonto, la Procura Antimafia chiede 9 condanne Anziana uccisa per errore a Bitonto, la Procura Antimafia chiede 9 condanne Richieste pene comprese tra i 20 e i 3 anni di reclusione nei confronti dei presunti responsabili delle 4 sparatorie
Estetista ferita per errore. Le immagini del raid del 14 marzo scorso Estetista ferita per errore. Le immagini del raid del 14 marzo scorso Obiettivo dell'agguato, avvenuto nei vicoli del centro storico, era un esponente del clan Cipriano
Nuovo arresto per il boss Domenico Conte e il suo gregario Danilo Gentile Nuovo arresto per il boss Domenico Conte e il suo gregario Danilo Gentile Furono i protagonisti di un raid avvenuto a marzo, in risposta al ferimento di due sodali del clan Conte
Ferirono tre esponenti dei Conte: arresti nel clan Cipriano Ferirono tre esponenti dei Conte: arresti nel clan Cipriano In carcere Benito Ruggiero, Rocco Mena e Arcangelo Zamparino. Nell'agguato rimase ferito anche un minore
Anziana uccisa, in 10 a processo: anche il boss Domenico Conte Anziana uccisa, in 10 a processo: anche il boss Domenico Conte Anna Rosa Tarantino, 84 anni, perse la vita negli agguati del 30 dicembre scorso
«La criminalità di Bitonto esprime una situazione emergenziale» «La criminalità di Bitonto esprime una situazione emergenziale» Secondo l'Antimafia, i conflitti fra i clan Conte e Cipriano sono «finalizzati ad ottenere il controllo delle attività illecite»
Operazione "Pandora" del Ros, 104 arresti, 21 a Bitonto. I NOMI Operazione "Pandora" del Ros, 104 arresti, 21 a Bitonto. I NOMI In carcere anche Domenico Conte, Giuseppe Rocco Cassano e Salvatore e Vito Dicataldo
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.