Lo striscione contro Picci
Lo striscione contro Picci
Calcio

Serie C a rischio a Bitonto: striscioni dei tifosi contro i tesserati

Nel mirino Picci e gli altri coinvolti nel processo, ma anche i politici

«Via le mele marce dal Bitonto». La richiesta dei tifosi del Bitonto Calcio, che rischia di perdere la Serie C conquistata sul campo quest'anno, arriva a poche ore dall'appello intentato dalla società neroverde nel tentativo di ribaltare la sentenza di primo grado del processo sulla presunta combine per la partita del 5 maggio 2019 Picerno-Bitonto, che ha condannato la squadra a tornare in D. Una richiesta scritta su alcuni striscioni appesi sulle strutture sportive della città dagli ultras, demoralizzati e sconfortati dalla vicenda che rischia di troncare i loro sogni e le loro speranze.
Nel mirino dei tifosi, in particolare, l'ex attaccante neroverde Giulio Picci, attorno al quale avrebbe ruotato la combine: alcuni giocatori, infatti, si sarebbero accordati per perdere la partita e favorire il Picerno in cambio di alcune migliaia di euro, per "aiutare" Picci, in quel momento sommerso di debiti.

«Nemmeno tua madre ti voleva perchè eri un infame che si vendeva» è il testo di un altro striscione in cui i tifosi, partendo da una storica intervista dell'attaccante diventata virale sul web e in tv, mostrano il loro risentimento nei suoi confronti. E ancora «In questo calcio senza bandiere le aste noi le conserviamo bene», ma anche «Il calcio d'inizio? Dopo il comizio», con chiaro riferimento alla politica locale, rea di aver promesso gli adeguamenti necessari allo stadio Città degli Ulivi per consentire alla squadra di partecipare alla C, in realtà non ancora iniziati.

Insomma, ne hanno per tutti i tifosi del Bitonto che, in tutta la vicenda, restano certamente l'unica indiscutibile vittima di un sistema che si dimostra, ancora una volta, capace di fagocitare e sfruttare anche le passioni più sincere e genuine.
  • calcio
  • Us Bitonto
Altri contenuti a tema
Svanisce il sogno scudetto ma la Juniores del Bitonto merita solo applausi Svanisce il sogno scudetto ma la Juniores del Bitonto merita solo applausi Il club potrebbe ripartire da diversi calciatori della formazione giovanile per costruire l'organico di Serie D
Juniores Bitonto, è finale scudetto Juniores Bitonto, è finale scudetto Vittoria di misura sull'Ostia mare, sabato il match decisivo contro la Pro Livorno
Juniores del Bitonto alle semifinali scudetto Juniores del Bitonto alle semifinali scudetto Mercoledì al "Rossiello" la sfida contro l'Ostia mare
Francesco Rossiello rileva il 50% del Monopoli. E ora? Francesco Rossiello rileva il 50% del Monopoli. E ora? L'imprenditore non ha ancora specificato cosa sarà del Bitonto
Malore sugli spalti, paura al "Città degli ulivi" di Bitonto Malore sugli spalti, paura al "Città degli ulivi" di Bitonto Gara sospesa per alcuni minuti. Situazione rientrata in seguito
Bitonto, è finale! Bitonto, è finale! Regolato il Fasano sul terreno del "Città degli ulivi", domenica la sfida in trasferta al Francavilla in Sinni
Semifinale playoff, sulla strada del Bitonto c'è il Fasano Semifinale playoff, sulla strada del Bitonto c'è il Fasano Fischio d'inizio fissato per le ore 16, trasferta vietata ai sostenitori brindisini
Bitonto, sconfitta ininfluente. Mercoledì semifinale playoff contro il Fasano Bitonto, sconfitta ininfluente. Mercoledì semifinale playoff contro il Fasano I neroverdi, già certi del terzo posto e rimaneggiati, cedono alla Nocerina
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.