jetlog bitonto
jetlog bitonto
Volley

Da Robur a Jet Log: il sogno volley di Bitonto continua in serie C

Il roster giocherà nel primo livello nazionale. E punta sempre più in alto

La storica squadra bitontina di pallavolo Robur sogna in grande e dopo il cambio di nome e società che l'ha trasformata in Jet Log Volley Bitonto l'obiettivo diventa più ambizioso: giocare quest'anno in serie C un campionato di transizione per poi puntare a una stagione al vertice dal prossimo anno.
Il roster della società, presieduta da Claudio Piretto, rappresentante legale dell'azienda di Trasporti e Logistica, coniuga l'esperienza delle new entry all'entusiasmo delle atlete già "Robur".

Il girone B di quello che è il primo livello nazionale di questo sport vedrà dunque in campo i nuovi acquisti - la centrale Sabrina Fiore(che ha già militato in B2), l'opposto Claudia Capozza, le laterali Rosy e Angela Stufano e la palleggiatrice Miriana D'Agostino – insieme alle riconfermate Valentina Lovero, Alessia Volpe, Angela Fornelli, Daniela Masciale, Sara Bisceglie, Raffaella Bisceglie, Bibiana Rutigliani, Alessia Paparella e Francesca Da Pisa. Confermata anche la fisioterapista (e pallavolista) Carmen Picerno.
Già carico il neopresidente della squadra Claudio Piretto, legale rappresentante del consorzio di cooperative, impegnato nel settore Trasporti e Logistica.
«Il progetto Jet Log Volley Bitonto è ambizioso – spiega il presidente - come la nostra azienda, diventata, grazie al duro lavoro, una realtà di successo. Quest'anno abbiamo deciso di compiere un passo in avanti e approdare in serie C. Sarà una stagione di transizione, di test, per puntare nella prossima ad un campionato di vertice. Sono sicuro però che le nostre ragazze sapranno farsi valere».

Ottimista anche il nuovo allenatore, Francesco De Robertis, che si è detto «consapevole di dover affrontare squadre molto più attrezzate e blasonate della nostra. Tuttavia sono convinto della qualità del nostro roster, che si presenta come un mix tra le ragazze che hanno già affrontato con la stessa maglia la serie D e nuove atlete che sapranno mettere al servizio delle altre la loro esperienza».
E la prima partita, vinta giovedì 21 settembre per 3-1 contro l'Amatori Bari, in serie C da tre stagioni, sembra dar loro ragione.

«Sono felice che i vertici Jet Log abbiano deciso di passare da sponsor a società, dimostrando ancora una volta il proprio amore per la pallavolo - ha detto Raffaele Picciotti, direttore sportivo e colonna portante dell'ex Robur - un ringraziamento particolare va a Claudio Piretto che crede nel progetto e ha dato vita a questa osmosi tra la progettualità Jet Log e la passione che spinge gli storici dirigenti della società (Martino Longo, Antonio Cardiello, Vincenzo Barile, Francesco Antuofermo, Valentina Ricciardi). Un anno fa, usai l'espressione di Martin Luther King, "I have a dream", per esternare il desiderio di vedere ritornare il volley femminile bitontino e pugliese a livello nazionale. Oggi posso dire "The dream goes on", il sogno continua».

A frenare le ambizioni della Jet Log la cronica mancanza di strutture sportive della città quando si inizia a parlare di campionati più importanti.
La squadra infatti giocherà nella palestra della scuola media "De Renzio" (ex Rogadeo).
«Non abbiamo accettato di giocare nella tensostruttura, recentemente realizzata – ha detto Picciotti - a causa della volontà comunale di mettere tutte le squadre e tutti gli sport nella stessa condizione. Così facendo, avremmo avuto diritto ad un solo allenamento prima della partita. Un numero insufficiente se si vuole lavorare in modo serio. Mi auguro che presto l'amministrazione sappia valorizzare le associazioni sportive in base alla loro valenza o saremo costretti a giocare altrove».
Il presidente però ha un sogno: giocare in una struttura di proprietà Jet Log.

© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.