I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Ucciso a pugni, Giampalmo confessa: «Guardava le nostre donne»

Il 20enne si è costituito presso la Stazione dei Carabinieri. È accusato di omicidio volontario aggravato

Una banale lite, per futili motivi, finita in tragedia. E, proprio una caduta, ha causato la morte sul colpo di Paolo Caprio, 40 anni. Inutili i soccorsi degli operatori sanitari del 118 che hanno disperatamente tentato di rianimarlo, mentre il presunto autore, Fabio Giampalmo, di 20 anni, sottoposto a fermo, ha già confessato.

«Mentre stazionavamo sulle panche sotto il gazebo con le nostre mogli» Caprio, incensurato di Bitonto, «si è avvicinato per origliare cosa stessimo dicendo e ha guardato in maniera provocatoria le nostre compagne. Notata questa circostanza, mi sono alzato, gli ho detto testualmente "Sempre avanti e dietro devi andare? Qual è il problema?", così dicendo gli ho tirato tre pugni colpendolo al viso, l'ho visto cadere in terra e sbattere la testa sul marciapiede», si legge nei documenti.

«Non pensando che sarebbe morto sono andato via». È il racconto fatto ai Carabinieri della Compagnia di Molfetta e al magistrato dal 20enne Fabio Giampalmo, sottoposto a fermo per l'omicidio volontario aggravato del 40enne Paolo Caprio, morto nella notte durante un litigio nella stazione di servizio Dill's alla periferia di Bitonto, lungo la provinciale per Modugno. La confessione del 20enne è riportata nel decreto di fermo notificato all'indagato, difeso dall'avvocato Nicola Capaldi.

Giampalmo, che ha precedenti, ha raccontato di aver notato la vittima - che conosceva di vista - parlare con la sua compagna e con quelle dei suoi amici, mentre tutti gli uomini erano nel bar a divertirsi alle slot machine. A quel punto il 20enne sarebbe uscito e, dopo l'ennesimo sguardo non gradito, avrebbe colpito Caprio lasciandolo a terra, per poi allontanarsi. Alcune ore dopo aver saputo che il 40enne aggredito era morto, ha contattato l'avvocato e si è consegnato in caserma.

Ma i militari, da subito, erano sulle sue tracce. A confermarlo per primo è stato il sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio: «Il presunto colpevole è in contatto con le forze dell'ordine». Poi il primo cittadino commenta sulla sua pagina Facebook: «Prepotenza e barbarie stanno attraversando tutto il Paese, il sud in particolare, consegnando l'immagine di una società sempre più abbandonata. Ma Bitonto ha già sofferto troppo per sopportare altre tragedie come questa», ha concluso.

L'autore sarebbe un 20enne, Fabio Giampalmo, già noto alle forze dell'ordine per piccoli reati come spaccio e furti. Ora è in stato di fermo con l'accusa di omicidio volontario aggravato. La sua versione dei fatti sarà da confrontare con le immagini delle telecamere di sorveglianza e con le testimonianze dei tanti presenti.
  • Carabinieri Bitonto
  • Omicidi Bitonto
  • Fabio Giampalmo
  • Paolo Caprio
Altri contenuti a tema
Ritrovato a Palombaio il Doblò rubato ad una bimba disabile Ritrovato a Palombaio il Doblò rubato ad una bimba disabile Il mezzo, rubato a Corato, è stato ritrovato dai Carabinieri ormai cannibalizzato
Controlli dei Carabinieri: due arresti. Trovate armi, droga e munizioni Controlli dei Carabinieri: due arresti. Trovate armi, droga e munizioni Un 29enne e un 35enne sono finiti in carcere. Denunciato anche un 65enne: aveva un'olla acroma
Botte per i soldi: l'incubo di una donna di Bitonto era suo figlio Botte per i soldi: l'incubo di una donna di Bitonto era suo figlio L'episodio in città: l'uomo, di 52 anni, è stato arrestato dai Carabinieri. I fatti andavano avanti da tempo
Furto sventato all'ex OM Carrelli. Preso un 65enne di Palombaio Furto sventato all'ex OM Carrelli. Preso un 65enne di Palombaio L'uomo è stato fermato dai Carabinieri: ricercato da giugno, è stato condotto nel carcere di Bari
Rapina al furgone carico di sigarette: 50mila euro il bottino Rapina al furgone carico di sigarette: 50mila euro il bottino L'assalto sulla strada che da Palo del Colle conduce lungo la 96. Indagano i Carabinieri
In fuga con l'auto rubata, si schiantano contro un albero: arrestati In fuga con l'auto rubata, si schiantano contro un albero: arrestati È accaduto a Gioia del Colle: in manette tre bitontini di 53, 48 e 41 anni. Uno di loro è ricoverato al Policlinico
Omicidio Caprio: caccia al supertestimone, l'amico del 40enne Omicidio Caprio: caccia al supertestimone, l'amico del 40enne L'uomo non si è presentato spontaneamente agli investigatori. Si indaga per risalire all'identità
Omicidio Caprio, il Gip: «Vile aggressione su vittima inerme» Omicidio Caprio, il Gip: «Vile aggressione su vittima inerme» Convalidato l'arresto di Giampalmo. L'assassino resterà in carcere: «Non ha manifestato alcun segno di ravvedimento»
© 2001-2021 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.