Giostrina di Santo Spirito
Giostrina di Santo Spirito
Cronaca

«Ti curi solo se paghi». Giostraio malato di sclerosi multipla si uccide con un colpo di pistola

Scossa l'intera comunità. Il sindaco: «Un amico. Una bravissima persona»

Aveva deciso di dare battaglia allo Stato, mobilitando quotidiani e tv locali e nazionali, per accendere i riflettori sulla sua condizione di malato che si sentiva abbandonato dalla Sanità, ma, dopo mesi di lotte, la disperazione ha vinto sulla voglia di combattere e ha deciso di farla finita. C'è tristezza e incredulità fra le comunità di Bitonto e Santo Spirito che piangono la morte di Antonio, 42enne giostraio barese, che con le sue magiche creature rotanti ha fatto sognare tanti bambini nella villa Comunale della città dell'olio e sulla piazzetta di San Francesco della località balneare. Si è tolto la vita ieri mattina con un colpo di pistola sul balcone di casa, a Catino, popoloso quartiere del municipio barese in cui viveva. Aveva due figlie.

Solo la sera prima era tornato a raccontare le sue battaglie di malato col Servizio Sanitario Nazionale in una telefonata ad un amico, che il Quotidiano Italiano ha pubblicato poco dopo l'accaduto. Aveva preso contatti con tanti giornalisti, era pronto a interessare anche Striscia la Notizia e Le Iene per un caso che stava già diventando di interesse nazionale. «Ti curano solo se hai i soldi per le visite private – racconta per telefono all'amico – per l'ennesima volta si sono rifiutati di ricoverarmi nonostante fossi in una condizione disperata. Per loro stavo bene».

Pene che raccontava spesso anche al sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio, a cui aveva chiesto di intervenire per fargli cambiare le terapie assegnate, che riteneva inefficaci. «Ho interessato i responsabili del servizio – ha spiegato il primo cittadino – mi hanno risposto che non possono essere i pazienti e decidere le terapie».
Col sindaco Antonio era spesso in contatto per le questioni della Villa Comunale: «Mi chiamava o mi scriveva per parlare della villa – aggiunge Abbaticchio – era contento per ogni cosa si facesse nel nostro parco cittadino, dalle nuove giostrine ai led per l'illuminazione. E aveva un cuore grande. Mi dava sembra buoni gratuiti per i bimbi poveri per fare un giro sulle sue giostrine. Ed io come un cretino ero convinto fosse davvero tranquillo, come mi scrisse nel suo ultimo messaggio. Essere Sindaco è dura, davvero dura a volte. Ho perso un amico che era davvero una brava persona».

Al primo cittadino hanno fatto eco centinaia di persone. «Una generosità straordinaria: regalava un'infinità di biglietti, a tanti bimbi», scrive Pina. Anche Damiana ricorda come distribuisse «caramelle e giri omaggio a tutti perchè amava stare con i più piccoli e vederli felici».
I riferimenti sulle esequie saranno definiti non appena saranno concluse le procedure medico legali avviate dalla Polizia per gli accertamenti di rito.
  • Asl Bari
  • Sanità
Altri contenuti a tema
Tac operativa a Bitonto. Damascelli: «Ora lottiamo per servizi di prossimità adeguati» Tac operativa a Bitonto. Damascelli: «Ora lottiamo per servizi di prossimità adeguati» Col nuovo tecnico in pianta stabile sbloccata la situazione ferma da tre mesi
Pediatra revocata a Bitonto, il sindaco scrive alla Asl: «Rivedete la disposizione» Pediatra revocata a Bitonto, il sindaco scrive alla Asl: «Rivedete la disposizione» Preoccupato anche Damascelli: «Ingiusto costringere i piccoli a forzate trasferte a Palo»
Stop della Asl alla pediatra amata dai pazienti: 550 mamme sul piede di guerra Stop della Asl alla pediatra amata dai pazienti: 550 mamme sul piede di guerra Revocato l'incarico alla dottoressa Rosanna Scaraggi. Genitori costretti a portare i neonati a Palo del Colle
Ok dal Ministero ai farmaci per malattie rare, ma Asl e Regione restano al palo Ok dal Ministero ai farmaci per malattie rare, ma Asl e Regione restano al palo Damascelli (FI): «Inconcepibile che le famiglie debbano farsi carico dell'inefficienza della politica»
Due furti in quattro giorni all'ex ospedale di Bitonto: rubate attrezzature informatiche Due furti in quattro giorni all'ex ospedale di Bitonto: rubate attrezzature informatiche Damascelli (FI): «Asl attivi vigilanza armata. Struttura alla mercè di ladri, vandali e malintenzionati»
Con #pensaachiresta il comune dichiara guerra alle vittime della strada per l'abuso di alcol, droghe e telefonini Con #pensaachiresta il comune dichiara guerra alle vittime della strada per l'abuso di alcol, droghe e telefonini Presentato negli scorsi il progetto di sensibilizzazione che coinvolge anche il comune di Bari
«La mia lotta con l'endometriosi»: il coraggio di Giorgia «La mia lotta con l'endometriosi»: il coraggio di Giorgia Una storia di forza e speranza per parlare di una malattia poco nota e talvolta nemmeno diagnosticata
Ischemia scambiata per attacco di panico: rinviato il processo sul caso di Patrizia Minerva Ischemia scambiata per attacco di panico: rinviato il processo sul caso di Patrizia Minerva Una lunga serie di ritardi per la vicenda della 24enne bitontina rimasta tetraplegica
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.