Alberi di albicocche
Alberi di albicocche
Territorio e Ambiente

Taglia due ettari di albicocche: l'ira di un coltivatore di Bitonto

«Basta essere sfruttati da un mercato da far west con regole mafiose»

Un grido di dolore per opporsi a un sistema malato che cava dai produttori ogni stilla di energia per assicurarsi il prezzo più basso possibile e offrire al consumatore prodotti a costi elevatissimi. È questo il senso della decisione di un agricoltore bitontino costretto a una scelta dolorosa: tagliare i circa 2 ettari di piante di albicocche della specie Orange rubis e Bora, nel pieno della loro capacità produttiva che danni coltivava amorevolmente.

«Le taglio – spiega il prpduttore - perchè non posso permettermi di far girare e anticipare 10mila euro all'anno per far produrre i due ettari e poi non avere alcuna certezza di ricavare abbastanza per avere un margine significativo. Le taglio perchè non posso passare le mie giornate a preoccuparmi di tutto (fornitori, operai, consulenti, tasse, irrigazione, ladri e chi più ne ha più ne metta) al solo scopo di fornire a quattro soldi la base di prodotto a chi sta prosperando sullo sfruttamento di due categorie: produttori e consumatori. Nel deserto totale di una normativa che tuteli qualcuno, ma nel far west dei mercati che conoscono solo regole mafiose di affiliazione e di spartizione».

In uno Stato che si scanna e si divide sul destino di qualche centinaio di disperati del mare o sull'opportunità di una nuova passerella elettorale, la denuncia dell'agricoltore squarcia in maniera spietata il velo che nasconde le reali emergenze del Paese, che continua a perdere produttività e posti di lavoro in maniera incredibilmente silenziosa e sconosciuta.

Sul banco degli imputati ci finisce la Grande Distribuzione Organizzata che, pur annoverando esempi virtuosi estremamente attenti al rispetto del lavoro di ogni componente della filiera, continua a inglobare anche realtà tutt'altro che in linea con i sani principi di un mercato equo.
Proprio a questi cattivi esempi si riferisce il produttore nel suo attacco: «Visto che la Grande Distribuzione Organizzata ci ha distrutto economicamente per arricchirsi, lasciate almeno che gli dica con tranquilla convinzione: e adesso attaccatevi! State certi che molti la pensano come me e prima o poi verrà il vostro turno. Avete esagerato: state uccidendo chi vi faceva vivere, ma non vi bastava, volete affamare la gente per appropriarvi anche dei mezzi di produzione. Ma questo è un fatto politico decisivo. La gente lo capirà, e saranno problemi per tutti. State attenti. La storia non finisce qui».
  • Mariotto
  • Agricoltura Bitonto
Altri contenuti a tema
In cantina una serra di marijuana con la corrente abusiva In cantina una serra di marijuana con la corrente abusiva La scoperta durante i controlli dei Carabinieri contro droga, spaccio e furti a Bitonto, Palombaio e Mariotto
Agricoltura a rischio, Assoproli: «Pianificazione territoriale e accordi con le assicurazioni» Agricoltura a rischio, Assoproli: «Pianificazione territoriale e accordi con le assicurazioni» La ricetta del presidente Mastandrea contro il pericolo degli eventi meteorici calamitosi
Infestazione di vespe scavatrici al cimitero di Mariotto: cancelli chiusi fino a lunedì Infestazione di vespe scavatrici al cimitero di Mariotto: cancelli chiusi fino a lunedì I pericolosi insetti scoperti durante le operazioni di manutenzione programmate in tutta la frazione
Ripulita per l'ennesima volta dai rifiuti la fontana di contrada Torre Quadra Ripulita per l'ennesima volta dai rifiuti la fontana di contrada Torre Quadra Ciminiello (ItC): «Chiederò la videosorveglianza: amate il territorio». Ma dopo pochi giorni tornano gli incivili
Tragico schianto tra Mariotto e Terlizzi: morto un motociclista 41enne Tragico schianto tra Mariotto e Terlizzi: morto un motociclista 41enne Sul posto Polizia Locale e soccorritori del 118
Anche Mariotto e Palombaio avranno presto il metano Anche Mariotto e Palombaio avranno presto il metano Ad annunciarlo il sindaco Abbaticchio: «Notizia attesa da quasi un secolo»
Campagne flagellate dal maltempo: a Bitonto il Comune invita gli agricoltori a segnalare i danni Campagne flagellate dal maltempo: a Bitonto il Comune invita gli agricoltori a segnalare i danni I dati saranno inviati all'Ufficio Provinciale Agricoltura per delimitare il territorio colpito
Il maltempo flagella le ciliege: danni ingenti anche a Bitonto Il maltempo flagella le ciliege: danni ingenti anche a Bitonto Damascelli (FI): «Puglia ancora in ginocchio: in rovina fino al 60% del raccolto»
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.