Un prelievo di sangue a una persona anziana. <span>Foto Nurse24.it</span>
Un prelievo di sangue a una persona anziana. Foto Nurse24.it
Cronaca

Stop al prelievo domiciliare per una 90enne del DSS di Bitonto: «Costa troppo»

L'infermiere per le analisi del sangue dovrà pagarselo da sola. L'Ordine delle Professioni Infermieristiche esprime solidarietà

È intervenuto anche l'Ordine delle Professioni Infermieristiche per sostenere la battaglia di una 90enne, paziente del Distretto Socio Sanitario 3 di Bitonto-Palo del Colle che da qualche giorno non può più usufruire del servizio di prelievo del sangue a domicilio da parte della Asl. Il motivo? Costava troppo. È questa, in estrema sintesi, la spiegazione fornita dalla direttrice del DSS3, Rossella Squicciarini, che ha spiegato come l'ADI, l'Assistenza Domiciliare Integrata, sia un servizio complesso offerto ai pazienti molto gravi, che ha un costo molto alto e che adesso, in ottica di revisione della spesa pubblica, non può più essere offerto se consiste "solo" nell'effettuazione del prelievo ematico, come previsto dalla normative regionali e nazionali.
Normative che, evidentemente, fino a questo momento sono state violate dalla Asl che invece il servizio lo offriva da anni.

D'ora in avanti, però, la 90enne - che necessita di prelievi ematici settimanali per la calibrazione della terapia - e tutti gli altri pazienti anziani del DSS3 che ne usufruivano dovranno farne a meno: se ne hanno necessità e non possono spostarsi devono pagarsi un infermiere privato. A pagamento, chiaramente.
Dura la posizione dell'OPI che ha espresso «massima solidarietà alla persona anziana, di ben novanta anni, che ha subito la sospensione, da parte del Direttore del DSS di Bitonto senza alcun preavviso, delle prestazioni domiciliari».
«È appena il caso di evidenziare – scrivono gli infermieri baresi - che, al contrario di quanto affermato dalla dirigenza distrettuale, il nostro Servizio Sanitario Nazionale (SSN) garantisce a tutte le persone non autosufficienti o in condizioni di fragilità, l'assistenza sanitaria a domicilio, attraverso l'erogazione delle prestazioni mediche, riabilitative, infermieristiche e di aiuto infermieristico necessario e appropriate in base alle specifiche condizioni di salute della persona (Art. 22 del DPCM 12 gennaio 2017).L'anziana signora e gli altri cittadini del precitato Distretto, ai quali è stato sospeso il servizio di assistenza domiciliare, poiché persone non autosufficienti, rientrano tra i "soggetti" aventi diritto, bisognevoli, anche occasionalmente, di prestazioni professionali di medici, infermieri o di terapisti della riabilitazione, anche ripetute nel tempo, per risposta a un bisogno sanitario di bassa complessità, come ad esempio i prelievi di sangue».

Appare evidente, la notevole differenza tra le prestazioni sanitarie che ricevono i cittadini pugliesi e quelle che ricevono il resto dei cittadini italiani - denuncia il presidente dell'OPI, Saverio Andreula - gli Infermieri pugliesi, da sempre pronti a garantire le giuste risposte ai propri concittadini, chiedono al pari di quanto accade nel resto del paese e coerentemente con il proprio mandato professionale e le competenze loro riconosciute dalla legge, di essere messi nelle condizioni di operare in un contesto organizzativo di tipo multidisciplinare, l'unico in grado di far fronte ai bisogni di salute e assistenza dei cittadini pugliesi. Ancora una volta - conclude Andreula - i vertici della sanità pugliese evidenziano una diffusa "incompetenza" sulle scelte di politica sanitaria nell'ambito delle cure domiciliari che lasciano i cittadini soli nel loro stato di bisogno».
  • Palo del colle
  • Asl Bari
  • Anziani Bitonto
Altri contenuti a tema
Carabinieri di Bitonto in azione a Palo: arrestato pusher 22enne Carabinieri di Bitonto in azione a Palo: arrestato pusher 22enne Con sé aveva decine di dosi di droga pronte per lo spaccio
Picchiava ed estorceva denaro alla ex per la droga: arrestato 33enne Picchiava ed estorceva denaro alla ex per la droga: arrestato 33enne Si tratta di un pregiudicato di Palo del Colle che aveva anche incendiato due auto alla ex compagna
Code al Cup di Bitonto, l'Asl promette: «Presto due nuovi sportelli» Code al Cup di Bitonto, l'Asl promette: «Presto due nuovi sportelli» Uno sarà dedicato esclusivamente al centro prelievi mentre l'altro si occuperà di donne incinte e pazienti oncologici
Code infinite al CUP di Bitonto: 3 ore di attesa per visite ed esami Code infinite al CUP di Bitonto: 3 ore di attesa per visite ed esami Ogni giorno centinaia di utenti che provano a pagare ticket e prenotare consulti specialistici
L'ambulatorio dell'ex ospedale di Bitonto torna a tempo pieno L'ambulatorio dell'ex ospedale di Bitonto torna a tempo pieno La Regione rispetta il primo degli step indicati nella riunione a Palazzo Gentile. Abbaticchio: «Risultato importante». Damascelli (FI): «Buona notizia»
La madre della bimba bitontina colpita da Seu ringrazia i medici che l'hanno salvata La madre della bimba bitontina colpita da Seu ringrazia i medici che l'hanno salvata «Grazie per non aver mai smesso di massaggiarle il cuore e tenerle la mano»
Medico bitontino strangolato al Di Venere, salvato dai colleghi Medico bitontino strangolato al Di Venere, salvato dai colleghi Tanta paura per l’aggressione ma se la caverà in 15 giorni
Ex ospedale di Bitonto: pioggia di nuovi servizi, medici e personale Ex ospedale di Bitonto: pioggia di nuovi servizi, medici e personale Sindaco e consiglieri di maggioranza soddisfatti dei risultati ottenuti dopo il vertice con la Asl
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.