La Guardia di Finanza
La Guardia di Finanza
Cronaca

Frode fiscale, sequestrati 60 milioni di euro. Tra gli indagati un 60enne di Bitonto

Nel mirimo della Guardia di Finanza la società di servizi logistici Soa che si occupa di trasporto merci per la grande distribuzione

Un sequestro preventivo da oltre 60 milioni di euro eseguito dalla Guardia di Finanza di Bari ha colpito, ieri mattina, la società consortile a responsabilità limitata Soa, operante nel settore dei servizi logistici relativi al trasporto delle merci per alcune catene della grande distribuzione, e le cooperative Mida, Lexlab e Agon.

In modo particolare, alla Soa sono stati sequestrati 38,5 milioni di euro, alla Mida 15,9 milioni, alla Lexlab oltre 3,5 milioni e, infine, alla Agon 3,8 milioni. Indagati a piede libero l'amministratore della Soa Oronzo Angiulli (59enne di Alberobello e considerato dalla Procura amministratore di fatto anche delle altre cooperative) e i rappresentanti legali della Lexlab, Gabriela Selcuk, della Mida, Donato Raspatelli ed il 60enne Marco Bellini, residente a Bitonto, e della Agon, Vanna Ruggeri.

A loro sono contestati la dichiarazione fraudolenta mediante l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e l'omesso versamento dell'Iva, fatti relativi agli anni tra il 2016 e il 2021. Come ricostruito la Soa («società filtro»), dopo avere ricevuto alcuni lavori in appalto da marchi importanti della grande distribuzione, li avrebbe poi subappaltati alle cooperative («società serbatoio») di fatto amministrate dalla stessa persona, Angiulli, ma formalmente da soggetti definiti «teste di legno».

E i dipendenti, sulla carta assunti dalle cooperative, sarebbero stati invece lavoratori della Soa. Le cooperative avrebbero emesso fatture alla Soa «corrispondenti ai costi relativi al personale», accumulando «ingenti debiti Iva sistematicamente non versati». E la Soa, con i «simulati contratti di subappalto», avrebbe maturato «un indebito credito di Iva utilizzato per compensare in tutto o in parte il debito Iva generato dalle fatture attive emesse nei confronti delle società committenti».

«Emerge con palmare evidenza - scrive il giudice per le indagini preliminari Giuseppe Montemurro - la riconducibilità delle cooperative investigate ad un unitario centro di interesse, facente capo» ad Angiulli. «Le tre cooperative coinvolte nella vicenda», scrive il gip, sono state «costituite e strumentalmente utilizzate come "bad companies", sulle quali fare confluire gli ingenti debiti Iva», nella consapevolezza che si sarebbero «impunemente sottratte al pagamento di quei debiti Iva».

«Le società cooperative - si legge ancora nel decreto - utilizzano le strutture e i mezzi del consorzio per la gestione del personale e l'esecuzione dei servizi». I 60 milioni sono considerati il profitto di dichiarazioni fraudolente con l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti (dal 2016 al 2021) e omesso versamento dell'Iva.
  • Guardia di Finanza Bitonto
  • Marco Bellini
Altri contenuti a tema
Nasce il Sindacato Nazionale Finanzieri Nasce il Sindacato Nazionale Finanzieri Svolta storica all’interno del mondo delle Fiamme Gialle: costituita la segreteria interregionale di Puglia e Basilicata
Sequestro di botti illegali: 228mila pezzi scoperti tra Bari, Bitonto e Modugno Sequestro di botti illegali: 228mila pezzi scoperti tra Bari, Bitonto e Modugno Rinvenuti dai militari della Guardia di Finanza oltre 140 chilogrammi di fuochi pirotecnici. Tre persone sono state denunciate
«Beni accumulati in maniera illecita», confiscato un immobile da 450mila euro «Beni accumulati in maniera illecita», confiscato un immobile da 450mila euro Il provvedimento eseguito dalla Guardia di Finanza nei confronti di un 52enne ritenuto «socialmente pericoloso»
Frode sui fondi della Regione: coinvolte 10 aziende, anche di Bitonto Frode sui fondi della Regione: coinvolte 10 aziende, anche di Bitonto Operazione delle Fiamme Gialle, 17 le persone denunciate anche a Castellana, Monopoli e Putignano: 550mila euro incassati illecitamente
Bancarotta fraudolenta a Bitonto, un arresto e due misure interdittive Bancarotta fraudolenta a Bitonto, un arresto e due misure interdittive I provvedimenti eseguiti dai finanzieri di Mola. Nel mirino gli amministratori di una cooperativa, un 67enne è finito ai domiciliari
Controlli anti evasione tra Bari e provincia: il 40% degli scontrini è irregolare Controlli anti evasione tra Bari e provincia: il 40% degli scontrini è irregolare I picchi durante i weekend nel capoluogo e nel sud est barese, territori a maggior vocazione turistica
Sequestrate oltre 16 tonnellate di pellet «potenzialmente pericoloso» Sequestrate oltre 16 tonnellate di pellet «potenzialmente pericoloso» Operazione della Guardia di Finanza in un'azienda di Bitonto: combustibile in vendita senza alcuna indicazione
Scoperta truffa sul bonus facciate: perquisizioni anche a Bitonto Scoperta truffa sul bonus facciate: perquisizioni anche a Bitonto Sequestrati oltre 1,5 milioni di euro di crediti d’imposta, 7 indagati: anche un 24enne. Ispezioni anche a Bari, Matera e Torino
© 2001-2024 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.