Solidariet a Bitonto
Solidariet a Bitonto
Vita di città

Il cuore grande di Bitonto: cibo per chi è in difficoltà e mascherine per volontari e forze dell'ordine

Aziende e privati cittadini impegnati a offrire aiuto a chiunque abbia bisogno di sostegno

In uno dei momenti più difficili della storia moderna del Paese e del mondo intero, i cittadini di Bitonto danno prova di essere in grado di sostenere i soggetti più fragili e quelli che invece sono tutti i giorni per le strade e negli ospedali a lottare contro la pandemia da coronavirus. In moltissimi, infatti, si stanno mettendo al servizio della comunità, aiutando i volontari, sostenendo le Forze dell'Ordine e donando quanto hanno a disposizione per i soggetti in difficoltà.

L'elenco è ormai lunghissimo.
Sul fronte mascherine e dispositivi di protezione individuale chiunque può, si dà da fare. Alcuni giorni fa la ditta di tendaggi Martucci Francesco ha donato 50 mascherine alla Polizia Municipale. Un esempio seguito anche dalla Upsa Confartigianato che ha donato le 200 realizzate da Vincenzo Tedesco e Carmela Fusaro. Le instancabili "sartine" Bice e Assunta D'Alessandro continuano senza sosta e a loro si sono aggiunte la signora Nikla e Michela Fallacara.

Anche le aziende bitontine non si sono tirate indietro e hanno subito aderito all'appello lanciato dal sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio.
Tra i primi a rispondere alla chiamata il gruppo Carelli che ha subito messo a disposizione un carico di alimenti corrispondente a una spesa completa per 100 famiglie. Intere pedane di generi alimentari sono arrivati anche dal gruppo Maiora/Despar, dalla Vittorio Rizzi Srl e da Casa Milo. Presenti anche i frantoi Cima di Bitonto, che ha donato un quintale di olio EVO, e dei frantoi Agridè e Dellorusso, mentre il frantoio Minenna ha aggiunto all'olio anche alcune centinaia di mascherine. L'Antica Forneria ha donato invece i suoi prodotti da forno, così come la cornetteria Gimino che ha regalato circa 200 cornetti alle mense della città, mentre la macelleria Leuci ha messo a disposizione alcune casse di carni sigillate. La pasticceria Dolce Arte si è spostata nel capoluogo, ma solo per raggiungere il Policlinico dove ha donato le sue dolcezze ai sanitari al lavoro per salvare centinaia di persone.

La pizzeria Spazio Pizza, invece, ha realizzato e donato 100 arancini artigianali - ognuno dei quali equivalenti a un piatto di pasta - alla mensa dei poveri della Caritas Diocesana che offre all'interno della Fondazione Santi Medici pasti caldi alle persone in difficoltà. E altri arancini saranno consegnati anche nei prossimi giorni.
Prodotti di igiene della persona sono arrivati dalla Bottega Verde, mentre la ditta Azzaro ha messo a disposizione biscotti, omogeneizzati e altri prodotti per l'infanzia.
In tantissimi però hanno riempito i locali della Casa della Musica, dove i volontari della Pro Loco stanno raccogliendo le piccole donazioni da parte dei singoli cittadini.

Una bella storia di solidarietà e rilancio arriva dalla zona artigianale di Bitonto grazie a un'incredibile catena solidale.
Tutto è partito da un'anestesista bitontina in servizio presso l'ospedale ecclesiastico Miulli di Acquaviva delle Fonti, dove, come in altre strutture sanitarie italiane, hanno iniziato a scarseggiare i dispositivi di protezione individuale, in particolare i gambali. Dopo averne parlato con la madre, la notizia arriva all'Unitalsi che decide di donare alla ditta Punto e Virgola del "tessuto non tessuto" in sua dotazione, da cui vengono realizzati 300 gambali, consegnati nel giro di 48 ore con un mezzo del comune di Bitonto.
Una vicenda che ha un lieto fine ancora più importante perchè la direzione dell'ospedale è stata talmente soddisfatta dei prodotti consegnati che ha ordinato altri 20mila pezzi all'azienda bitontina che adesso riconvertirà la sua produzione "stoppata" dal DPCM.
Perchè probabilmente è vero che, come qualcuno ripete sempre, "il bene che fai ti torna indietro moltiplicato per 100".
14 fotoLe donazioni delle aziende e dei privati cittadini di Bitonto contro il coronavirus
La donazione del gruppo Carellila signora Bice e le sue mascherineLe mascherine di Vincenzo Tedesco e Carmela FusaroLolio donato dal frantoio DellorussoUno dei pacchi donati dal frantoio MinennaIl carico di olio donato da AgridI prodotti da forno dellAntica ForneriaLe pedande di alimenti della Rizzi Vittorio SrlLe carni della macelleria LeuciI volontari della Pro Loco a distanza di sicurezza davanti alla casa della musicaAlcune delle pedane di alimenti di Casa MiloI prodotti di igiene di Bottega VerdeLa donazione dei Fratelli AzzaroGli arancini della pizzeria Spazio Pizza jfif
  • solidarietà
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Da oggi consentiti viaggi tra regioni: chi arriva in Puglia deve autosegnalarsi Da oggi consentiti viaggi tra regioni: chi arriva in Puglia deve autosegnalarsi Il presidente Emiliano invita a scaricare e utilizzare l'app Immuni
Coronavirus: a Bitonto 110 test per la sieroprevalenza Coronavirus: a Bitonto 110 test per la sieroprevalenza Serviranno a capire quanti siano venuti a contatto col virus e abbiano sviluppato gli anticorpi
Mascherine taroccate vendute a Bitonto col 500% di ricarico Mascherine taroccate vendute a Bitonto col 500% di ricarico La GdF sequestra migliaia di prodotti a un bitontino che le vendeva on-line e ai tre cittadini cinesi che gliele fornivano
A Bitonto sanitari a domicilio per i malati Covid A Bitonto sanitari a domicilio per i malati Covid Partite le USCA, Unità Speciali di Continuità Assistenziale. Abbaticchio: «Siamo tra i primi in Puglia»
L'impatto economico e sociale del calcio dopo il Coronavirus L'impatto economico e sociale del calcio dopo il Coronavirus Appuntamento sul network Viva mercoledì 13 maggio dalle ore 18:30
2 Festa in strada a Bitonto: musica e schiamazzi nonostante i divieti antiCovid Festa in strada a Bitonto: musica e schiamazzi nonostante i divieti antiCovid Polizia, Finanza e Vigili Urbani per disperdere l'assembramento in via Crocifisso
Dal 18 maggio apertura per Bar, ristoranti e parrucchieri Dal 18 maggio apertura per Bar, ristoranti e parrucchieri Mennea (Protezione Civile): «Le regioni che ne hanno fatto richiesta possono anticipare le aperture»
Un portale on line a Bitonto per rilanciare il commercio di vicinato Un portale on line a Bitonto per rilanciare il commercio di vicinato Abbaticchio: «La città diventi un grande centro commerciale virtuale anti Covid»
© 2001-2020 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.