La Direzione Investigativa Antimafia
La Direzione Investigativa Antimafia
Cronaca

«Il clan Strisciuglio manifesta forti mire espansionistiche a Bitonto»

La relazione dell'Antimafia al Parlamento secondo cui «può contare su un nuovo gruppo nato da una frattura interna al clan Conte»

«Il clan Strisciuglio rappresenta per i gruppi criminali satellite fonte di fibrillazioni a Bari e in provincia. Continua a manifestare forti mire espansionistiche anche in provincia, come a Bitonto ove può contare su un nuovo gruppo finora considerato come un gruppo minore poiché nato da una frattura interna al clan Conte».

È quanto rimarca la relazione della Direzione Investigativa Antimafia relativa al semestre da gennaio a giugno 2023 nel capitolo dedicato al fenomeno criminale delle mafie pugliesi. «Lo scenario mafioso pugliese - si legge nel documento ufficiale - è costituito da una varietà di organizzazioni criminali, per lo più autonome, caratterizzate da un accentuato dinamismo, tradizionalmente distinto in tre fattispecie mafiose: la camorra barese, le mafie foggiane e la sacra corona unita».

Per gli inquirenti dell'Antimafia «la camorra barese è contraddistinta da una pluralità di clan che, come nel modello camorristico napoletano, operano in completa autonomia, sebbene si assiste a violenti conflitti finalizzati ad affermare la supremazia di un determinato sodalizio. Il traffico di stupefacenti - rileva la Direzione Investigativa Antimafia - si conferma il principale interesse delle consorterie del capoluogo barese che gestiscono direttamente anche le modalità di spaccio».

Non solo: «La criminalità organizzata del capoluogo - si legge ancora -, dedita pure al contrabbando, alle estorsioni, all'usura e alle scommesse illecite, mediante forme sempre più complesse di riciclaggio si dimostra capace di insinuarsi nel tessuto economico sano». Quattro i clan egemoni a Bari, per lo più corrispondenti ad altrettanti gruppi mafiosi storicamente radicati in città, con ramificazioni nella provincia: i Capriati, gli Strisciuglio, i Parisi-Palermiti ed i Diomede-Mercante.

Per l'Antimafia «le complesse dinamiche criminali che caratterizzano Bari si riverberano, inevitabilmente, sui precari equilibri mafiosi della provincia. Le proiezioni degli interessi criminali generano un perdurante stato di fibrillazione in provincia. Le maggiori organizzazioni criminali di Bari estendono la loro sfera di influenza nella provincia servendosi di fidati referenti ovvero ricorrendo alla affiliazione di soggetti apicali di gruppi delinquenziali di stanza nei singoli comuni», è scritto.

Fra questi, «i gruppi criminali che fanno riferimento al clan Capriati nella provincia di Bari sono stanziati nel comune di Bitonto, nel comune di Triggiano - rivela l'Antimafia - nonché nei comuni di Putignano, Noci, Turi, Castellana Grotte, Monopoli, Alberobello e Conversano. Alcuni referenti opererebbero anche a Modugno, Giovinazzo, Terlizzi, Corato, Palo del Colle (ove sembrerebbe subire l'egemonia del clan Strisciuglio e la presenza dei Cipriano), Molfetta e, infine, Mola di Bari».

Inoltre «il clan Strisciuglio rappresenta per i gruppi criminali satellite fonte di fibrillazioni nella città di Bari e nei paesi viciniori. Continua a manifestare forti mire espansionistiche anche in provincia, come nel comune di Bitonto ove può contare su un nuovo gruppo finora considerato come un gruppo minore poiché nato da una frattura interna al clan Conte». Ma a Bitonto è attivo pure il clan Parisi-Palermiti che «può contare sulla compagine Cipriano», egemone nel centro storico.

Infine «il clan Diomede-Mercante, federato al clan Capriati, vanta varie aree di influenza sia nel capoluogo sia nel suo hinterland, come Bitonto, Triggiano, Adelfia nonché, in via residuale, ad Altamura e a Gravina in Puglia. Il clan in esame, a Bitonto, è presente mediante il gruppo Cassano-Di Cataldo (legato ai Diomede)».
  • Clan Cassano Bitonto
  • Clan Conte Bitonto
  • Clan Cipriano Bitonto
  • Clan Di Cataldo Bitonto
  • Clan Capriati Bitonto
Altri contenuti a tema
Colpi di pistola in via Stellacci. Frattura nel gruppo Cassano-Di Cataldo Colpi di pistola in via Stellacci. Frattura nel gruppo Cassano-Di Cataldo È una delle ipotesi a cui stanno lavorando i Carabinieri. Un episodio analogo, di più lieve portata, si era verificato a Pasquetta
Operazione "Bypass", oggi previsti gli interrogatori di garanzia Operazione "Bypass", oggi previsti gli interrogatori di garanzia Il clan Cipriano aveva spostato i propri traffici da Bitonto a Palo del Colle: 19 le persone finite in carcere
Il linguaggio in codice dei pusher: "Barbara" era l'eroina, "Angela" la cocaina Il linguaggio in codice dei pusher: "Barbara" era l'eroina, "Angela" la cocaina Un pentito ha spiegato come il guadagno maggiore i Cipriano «l'hanno sull'eroina, non venduta a Bitonto per non creare problemi»
Più controlli a Bitonto: lo spaccio del clan Cipriano si era spostato a Palo Più controlli a Bitonto: lo spaccio del clan Cipriano si era spostato a Palo Il gruppo di Digiacomantonio costretto a riorganizzarsi dopo l'omicidio Tarantino e il deciso affondo delle forze dell'ordine
Spaccio fuori città per bypassare i controlli, 19 arresti nel clan Cipriano Spaccio fuori città per bypassare i controlli, 19 arresti nel clan Cipriano Blitz questa mattina dei Carabinieri tra Bitonto, Palo del Colle, Bitetto e Noicattaro: 32 gli indagati tra familiari e pusher
Faida tra clan a Bitonto, 25 condanne per 171 anni al clan Cipriano Faida tra clan a Bitonto, 25 condanne per 171 anni al clan Cipriano Le pene più severe (18 anni) per i presunti capi Francesco Colasuonno e Giuseppe Pastoressa. 14 anni per Rocco Mena
Maxi processo "Pandora", annullata con rinvio la sentenza a carico del boss Conte Maxi processo "Pandora", annullata con rinvio la sentenza a carico del boss Conte Da rivedere la sua «applicazione della misura di sicurezza». Rigettati e dichiarati inammissibili i ricorsi di altri imputati di Bitonto
«A Bitonto ancora aperta la conflittualità fra i Cipriano e i Conte» «A Bitonto ancora aperta la conflittualità fra i Cipriano e i Conte» Pubblicata la nuova relazione dell'Antimafia: «il primo ha consolidato l’alleanza con i Parisi. Il secondo rappresenta una propaggine dei Capriati»
© 2001-2024 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.