Grave incendio tra Palo e Bitonto: a fuoco stabilimento eco-balle
Grave incendio tra Palo e Bitonto: a fuoco stabilimento eco-balle
Cronaca

Grave incendio tra Palo e Bitonto: a fuoco stabilimento eco-balle

Una gigantesca nube di fumo nero si è sprigionata dal rogo. Si teme disastro tossico

Elezioni Regionali 2020
Un'alta colonna di fumo nero e denso ha disteso la sua ombra minacciosa sui territori tra Bitonto e Palo del Colle dove, intorno alle ore 15.30, si è sprigionato un violento incendio che ha devastato un'azienda di trattamenti di rifiuti, la EcogreenPlanet s.r.l..

Stando a quanto si è potuto appurare, a prendere fuoco è stato uno dei capannoni utilizzati per stivare le eco-balle prodotte dall'azienda. Le fiamme si sono però ben presto propagate anche a un vicino capannone che in poco tempo ha subito la stessa sorte. Sul posto i Carabinieri e la Polizia Locale stanno supportando i Vigili del Fuoco che stano disperatamente tentando di avere ragione dell'incendio.

Diverse, infatti, le segnalazioni arrivate proprio al centralino del 115: la colonna di denso fumo nero è ancora visibile in cielo. E ora si teme proprio per la tossicità della nube che si è sprigionata visto che a prendere fuoco sarebbero stati, fra gli altri, anche materiali come plastica e oli esausti.

Sul posto sono al lavoro per domare le fiamme diverse squadre di Vigili del Fuoco, oltre a Carabinieri, Polizia Locale e tecnici di Arpa Puglia per le verifiche sulla salubrità dell'aria. A bruciare sono rifiuti di vario genere, soprattutto plastica e carta. Non è al momento chiara l'origine del rogo e se si sia trattato di un incidente o di un incendio doloso.
9 fotoA fuoco capannone sulla strada statale 96: bruciano plastica e altri rifiuti
A fuoco capannone sulla strada statale 96: bruciano plastica e altri rifiutiA fuoco capannone sulla strada statale 96: bruciano plastica e altri rifiutiA fuoco capannone sulla strada statale 96: bruciano plastica e altri rifiutiA fuoco capannone sulla strada statale 96: bruciano plastica e altri rifiutiA fuoco capannone sulla strada statale 96: bruciano plastica e altri rifiutiA fuoco capannone sulla strada statale 96: bruciano plastica e altri rifiutiA fuoco capannone sulla strada statale 96: bruciano plastica e altri rifiutiA fuoco capannone sulla strada statale 96: bruciano plastica e altri rifiutiA fuoco capannone sulla strada statale 96: bruciano plastica e altri rifiuti
Dell'accaduto è stato informato il pubblico ministero di turno della Procura di Bari, Lanfranco Marazia, che sta seguendo l'evolversi della situazione e valuterà l'apertura di un fascicolo di un'indagine. «Il fumo fortunatamente non ha raggiunto il centro abitato di Palo del Colle e neanche quelli dei Comuni vicini» rassicura la commissaria di Palo del Colle, Rossana Riflesso.

«In qualità di Presidente dell'ambito sociale di Bitonto-Palo - ha commentato il sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio - sento che quello che accade ai fratelli di questa laboriosa comunità pugliese confinante è anche affar mio. Nessuno tocchi la salute di incolpevoli cittadini: ringrazio per l'intervento i Vigili del Fuoco che in questo momento lottano per domare le fiamme. Ma chiederemo giustizia verso tutti gli eventuali colpevoli di questo disastro».

Un dramma nel dramma è legato al fatto che lo stabilimento di trattamento rifiuti era anche quello indicato per il Comune di Bitonto per conferire plastica e carta. E ad andare a fuoco sarebbero stati proprio plastica, carta e altro materiale che l'azienda differenzia per destinarlo ai diversi cicli.

Da quanto si apprende, Gianfranco Grandaliano, Commissario ad Acta dell'Agenzia territoriale della Regione Puglia per il servizio di gestione dei rifiuti, starebbe inviando una lettera agli altri enti locali e regionali per organizzare un piano di aiuti per il Comune di Bitonto, gravemente penalizzato dall'incendio che ha bloccato il sito di conferimento prestabilito.
  • Incendio
  • Rifiuti Bitonto
Altri contenuti a tema
Raccolta rifiuti: il comune di Bitonto in tribunale per la Sanb Raccolta rifiuti: il comune di Bitonto in tribunale per la Sanb Un'azienda privata contesta l'assegnazione della gestione unitaria alla neonata società pubblica
Volontari ripuliscono il Parco Sen. Masciale di Bitonto Volontari ripuliscono il Parco Sen. Masciale di Bitonto Presto saranno anche piantate alcune delle palme donate al Comune da un generoso vivaista
A Bitonto presto un centro urbano di raccolta rifiuti A Bitonto presto un centro urbano di raccolta rifiuti I lavori saranno appaltati a luglio. Abbaticchio: «Verso il porta a porta su tutto il territorio»
Da domani a Bitonto controlli antincendio della Polizia Locale Da domani a Bitonto controlli antincendio della Polizia Locale Ispezioni ai terreni incolti anche contro l'abbandono di rifiuti nelle campagne
Incendio Palo: stop a Bitonto alla raccolta di frutta e verdura nelle zone a rischio Incendio Palo: stop a Bitonto alla raccolta di frutta e verdura nelle zone a rischio Nel frattempo i primi dati sugli inquinanti tossici rilevati dall'Arpa non sono preoccupanti
Incendio Palo del Colle: stop a Bitonto alla raccolta di carta, plastica e vetro Incendio Palo del Colle: stop a Bitonto alla raccolta di carta, plastica e vetro Lo stabilimento era quello di conferimento comunale. Abbaticchio: «In corso analisi per determinare danno ambientale»
VogliAMO Bitonto Pulita: «Bene l'ordinanza anti bottiglie, ma si controllino i roghi tossici» VogliAMO Bitonto Pulita: «Bene l'ordinanza anti bottiglie, ma si controllino i roghi tossici» Il gruppo ambientalista chiede attenzione sull'inquinamento delle periferie
Da rottame abbandonato a fioriera per abbellire Bitonto Da rottame abbandonato a fioriera per abbellire Bitonto La storia di Giulio Vitale che ha recuperato con la sua bici un frigo scaricato in strada e reso migliore il centro storico
© 2001-2020 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.