Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

«Fabbrica della droga a Bitonto», la Procura chiede 43 condanne per il clan Conte

La pena più alta, 20 anni di reclusione, è stata chiesta per Domenico Conte e per altri quattro imputati

La Procura della Repubblica di Bari ha chiesto 43 condanne, a pene comprese fra 20 anni e 2 anni e 2 mesi di reclusione, per i presunti esponenti del clan Conte a processo, con il rito abbreviato, con l'accusa di aver creato una fabbrica della droga alla periferia di Bitonto, nella zona 167 e nel centro storico della cittadina.

Gli imputati sono accusati a vario titolo dei reati di associazione mafiosa e sono ritenuti componenti e figure di spicco di un'organizzazione criminale finalizzata al compimento di una serie di reati. La pena più alta, a 20 anni di reclusione, è stata invocata per Domenico Conte, «Mimm u negr», al vertice del clan. Il pubblico ministero antimafia Ettore Cardinali​, inoltre, ha chiesto 20 anni di reclusione anche per Mario D'Elia, Francesco Bonasia, Damiano Giordano e Giovanni Palmieri.

L'operazione fra Bari e Bitonto, denominata "Market Drugs", in cui furono arrestate 43 persone risale al 21 febbraio scorso, col coinvolgimento di oltre 300 agenti della Polizia di Stato. Secondo l'accusa, gli indagati avevano costituito, diretto e partecipato a un'associazione, il clan Conte, quale propaggine a Bitonto del clan Capriati di Bari, finalizzata alla cessione di droga in due distinte piazze di spaccio: la prima era in via Pertini, la seconda, di nuova costituzione, nel borgo antico.

Agli imputati, infatti, tra cui anche il boss Domenico Conte, sono contestati, a vario titolo, i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico e alla illecita commercializzazione di sostanza stupefacente, aggravata dal metodo mafioso. «Una dimensione fortificata con tutta una serie di iniziative, anche tecnologiche, per cui il capo, dalla sua casa, controllava l'operato dei suoi» commentò il prefetto Francesco Messina, direttore centrale dell'Anticrimine, durante la conferenza.

Secondo gli investigatori, il boss «controllava da remoto ogni tipo di attività: aveva una vera centrale che gli consentiva, attraverso l'installazione di telecamere di videosorveglianza, di tenere sotto osservazione sia i suoi dipendenti, che l'attività esterna». Al servizio del clan, vedette in strada, donne che custodivano la droga e il denaro, i pusher - anche minorenni - nelle due piazze controllate dal clan, il borgo antico e la periferica zona 167, base logistica dell'organizzazione criminale.

Il «personale» di quella che poteva essere definita quasi «un'azienda», era ricompensato con stipendi dai 500 ai 1.500 euro settimanali e regalie. Il giro d'affari era di 30mila euro al giorno per circa 40 chilogrammi di stupefacenti smerciati tra cocaina, hashish, marijuana e l'amnesia, «un'erba che ti fulmina il cervello»
  • Droga Bitonto
  • Clan Conte Bitonto
Altri contenuti a tema
Bitonto criminale in un servizio de Le Iene Bitonto criminale in un servizio de Le Iene Con Cerignola e Andria, triste protagonista del blitz dello scorso settembre, andato in onda su Italia 1
Maxi processo "Pandora", annullata con rinvio la sentenza a carico del boss Conte Maxi processo "Pandora", annullata con rinvio la sentenza a carico del boss Conte Da rivedere la sua «applicazione della misura di sicurezza». Rigettati e dichiarati inammissibili i ricorsi di altri imputati di Bitonto
Blitz Polizia, Damascelli: «Stato fortemente presente a Bitonto» Blitz Polizia, Damascelli: «Stato fortemente presente a Bitonto» Il leader dell'opposizione lancia poi un monito: «Attenzione ad approvvigionarsi di consensi elettorali provenienti dalle sacche della società che alimentano il malaffare»
Anche a Bitonto il "modello Caivano": arresti, armi e droga sequestrati Anche a Bitonto il "modello Caivano": arresti, armi e droga sequestrati Sotto la lente di ingrandimento i quartieri della zona 167 e del borgo antico, dove sono attivi i clan Conte e Cipriano
«A Bitonto ancora aperta la conflittualità fra i Cipriano e i Conte» «A Bitonto ancora aperta la conflittualità fra i Cipriano e i Conte» Pubblicata la nuova relazione dell'Antimafia: «il primo ha consolidato l’alleanza con i Parisi. Il secondo rappresenta una propaggine dei Capriati»
«Fabbrica della droga a Bitonto», 42 condanne nel clan Conte. 20 anni al boss «Fabbrica della droga a Bitonto», 42 condanne nel clan Conte. 20 anni al boss Inflitti in tutto 343 anni di carcere a pusher e vedette: 20 anni a Domenico Conte, 18 anni a Mario d'Elia
«Il clan Conte contro i Cipriano per il predominio nel territorio di Bitonto» «Il clan Conte contro i Cipriano per il predominio nel territorio di Bitonto» Lo sostiene l'Antimafia che ricorda l'operazione "“Market Drugs", conclusa dalla Polizia di Stato il 21 febbraio 2022
Guerra tra clan a Bitonto, tre arresti. Accusati degli omicidi Napoli e Dellino Guerra tra clan a Bitonto, tre arresti. Accusati degli omicidi Napoli e Dellino In manette Giuseppe Digiacomantonio, Salvatore Ficarelli e Giosuè Perrelli, condannati a pene comprese fra i 20 e i 17 anni
© 2001-2024 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.