Il Cara di Bari Palese
Il Cara di Bari Palese
Cronaca

Chiude il Cara di Bari Palese: l'annuncio di Salvini su Facebook

Per strada anche i migranti spostati nella struttura da Bitonto

Il Cara di Bari Palese potrebbe essere il prossimo centro a chiudere i battenti dopo quello di Castelnuovo. Le indiscrezioni delle ultime ore sembrano trovare conferma in un post scritto dal ministro dell'Interni, Matteo Salvini, che nel pomeriggio di domenica ha condiviso un articolo in merito corredato dal commento: «Avevo promesso che avremmo chiuso i grossi centri e tagliato sprechi inutili, lo stiamo facendo. Ho toccato qualche interesse? Non me ne pento, mi attacchino pure. Avanti, con coraggio e buon senso».

Nessun riferimento diretto al Cara di Palese, ma l'articolo correlato al post del sito occhidellaguerra.it parla dei centri prossimi alla chiusura secondo fonti del Viminale. E i centri citati sono, oltre a Castelnuovo di Porto, Bologna, Borgo Mezzanone, Bari, Crotone e il Cara di Mineo. Il sito in questione non è comunque dei più affidabili, se si considera che molto spesso è finito nel mirino di noti debunker della rete per notizie palesemente false o contraffatte. La redazione che lo compone è una costola, inoltre, della redazione online di Il Giornale.

La notizia, se confermata, creerebbe sicuramente problematiche non indifferenti sia a livello lavorativo per le 96 persone attualmente impiegate nel centro, tra medici, infermieri, assistenti sociali, educatori, sia per i migranti ora ospitati (al momento circa 350) che si ritroverebbero da un giorno all'altro senza un posto in cui stare. Tra loro anche quelli spostati dalle strutture temporanee individuate dalla Prefettura a Bitonto - prima nell'ex Istituto Maria Cristina di Savoia, poi nel casale Fon Sylos sul prolungamento di via Fornaci – sgomberate in ottica di «razionalizzazione di costi». Che, a questo punto, si delinea più come un abbattimento totale, vista la decisione annunciata. Una decisione di cui, in ogni caso non sarebbero stati informati i sindacati.

«Sappiamo di essere nell'occhio del mirino come territorio – ha detto Domenico Ficco segretario generale di FP Cgil Bari - ma questo post ci lascia nel panico generale perché c'è un problema di natura occupazionale che già aveva risentito di problemi dopo l'era Minniti, una vicenda lacrime e sangue, con un forte ridimensionamento degli arrivi. L'occupazione in pratica è stata tarata su numeri notevolmente ridotti. A giugno dello scorso anno c'erano circa 1900 persone nel centro che ha una capienza massima di 744, ma negli ultimi 2-3 anni il centro ha accolto una media di 1400-1500 persone tarando lo standard organizzativo su quelle persone provando a trasformare nel tempo i contratti a termine in contratti a tempo indeterminato. A dicembre ci siamo quindi trovati con un esubero di personale che si è poi trasformato in una riduzione dei contratti di circa il 50%».

«La notizia di una chiusura - prosegue - non può che destare sconcerto e preoccupazione non solo per i lavoratori ma anche per i migranti ospitati. Il problema dell'accoglienza e dell'integrazione è fondamentale per noi. Il Cara non è la migliore delle soluzioni possibili in quanto sono comunque luoghi a forte concentrazione umana e isolati dalla realtà urbana, noi siamo per una integrazione vera quale può essere quella degli Sprar ma comunque sono primi presidi in cui la gente riceve assistenza a 360°. Chiudere questi centri da oggi a domani e mettere queste persone in mezzo ad una strada vuol dire creare noi un problema di mancata integrazione che dovrebbe poi giustificare quello che vuol fare il ministro. Si sta facendo l'esatto contrario per giustificare l'idea che è nella sua testa».

«La vicenda di Castelnuovo - conclude - ci insegna che, in considerazione del fatto che il decreto sicurezza ha di fatto eliminato la possibilità di chiedere la protezione umanitari, queste persone si troveranno in mezzo ad una strada e la necessità di sopravvivenza le porterà a fare accattonaggio o peggio, appunto ribadisco per giustificare ciò che ha già in mente il ministro».
  • Istituto Maria Cristina di Savoia
  • Matteo Salvini
  • migranti
Altri contenuti a tema
Mancano 3 milioni di euro: il Comune di Bitonto “fa causa” al Presidente del Consiglio Mancano 3 milioni di euro: il Comune di Bitonto “fa causa” al Presidente del Consiglio Impugnato il DPCM sul Fondo di Solidarietà 2019 che penalizza servizi sociali, asili nido e istruzione a Bitonto
Decreto Crescita, Abbaticchio: «Lega e M5S se ne fregano del Mezzogiorno» Decreto Crescita, Abbaticchio: «Lega e M5S se ne fregano del Mezzogiorno» Per il leader di Italia in Comune «nessuna traccia di provvedimenti su disoccupazione e sicurezza»
Da lunedì l'antica chiesa della Madonna del Carmine torna ufficialmente ai bitontini Da lunedì l'antica chiesa della Madonna del Carmine torna ufficialmente ai bitontini Alla cerimonia di affido anche il presidente Emiliano, l'arcivescovo Cacucci e il sindaco Abbaticchio
Polizia contro Salvini a Roma: a capo del sit-in il commissario bitontino Antonio Limongelli Polizia contro Salvini a Roma: a capo del sit-in il commissario bitontino Antonio Limongelli «Prima volta nella storia che i funzionari protestano contro il Ministro degli Interni»
L’avvocato bitontino Romina Centrone selezionata per il progetto europeo T.R.A.U.M.A. L’avvocato bitontino Romina Centrone selezionata per il progetto europeo T.R.A.U.M.A. Sarà fra i 90 professionisti italiani impegnati nella tutela dei minori dei migranti non accompagnati
Anche Salvini esulta per il ritrovamento di Chicco, il cane rubato all'anziano agricoltore Anche Salvini esulta per il ritrovamento di Chicco, il cane rubato all'anziano agricoltore «Questa è felicità». L'auto in cui era rinchiuso l'animale era stata ritrovata a Bitonto
Poliziotti e Carabinieri insufficienti a Bitonto, Abbaticchio: «Salvini mantenga le promesse» Poliziotti e Carabinieri insufficienti a Bitonto, Abbaticchio: «Salvini mantenga le promesse» Il sindaco chiede ancora l'adeguamento del personale: «Ma per vincere la battaglia serve la forza di tutti»
Nelle chiese di Bitonto una targa per ricordare i migranti morti in mare Nelle chiese di Bitonto una targa per ricordare i migranti morti in mare L'Arcidiocesi: «Ognuno di loro potrebbe essere nostro figlio
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.