I fucili sequestrati dai Carabinieri Forestali
I fucili sequestrati dai Carabinieri Forestali
Cronaca

Caccia illegale del cinghiale nel Parco: scattano due denunce

I Carabinieri Forestali li hanno sorpresi nel bosco di Ruvo: sequestrati 2 fucili e oltre 30 munizioni

I Carabinieri Forestali hanno denunciato due soggetti, residenti a Palombaio ed a Mariotto, frazioni di Bitonto, per i reati di esercizio venatorio non consentito e introduzione di armi in area naturale protetta. Ad entrambi sono stati sequestrati due fucili e numerose munizioni a palla singola.

I due soggetti sono stati individuati dai militari della Stazione Parco di Ruvo di Puglia mentre utilizzavano alcune postazioni di caccia finalizzate all'abbattimento di cinghiali ben allocate ai margini del bosco nei pressi della località "La capoposta", in agro di Ruvo di Puglia, all'interno del Parco Nazionale dell'Alta Murgia.

«I due - spiegano i militari in una nota stampa - avevano "pasturato" un'area ben precisa e con caratteristiche idonee ad attirare gli ungulati. Le pasture consistono nel foraggiare ossia disperdere al suolo alcuni alimenti (mandorle, legumi, patate) di cui vanno ghiotti i cinghiali. Gli stessi, che sono animali solitamente abitudinari, ritorneranno sulle stesse postazioni per alimentarsi, favorendo così i cacciatori pronti ad aspettarli per poi abbatterli».

Pertanto, individuate le pasture, i militari hanno atteso l'arrivo dei due soggetti fino a sorprenderli con le loro armi da sparo, imbracciate e pronte all'uso, così abusivamente introdotte all'interno del Parco Nazionale dell'Alta Murgia. I due fucili da caccia e oltre 30 munizioni a palla singola, specifiche per l'abbattimento di animali da grossa taglia, sono state poste sotto sequestro preventivo.

Ora i due soggetti, residenti a Palombaio e Mariotto, frazioni di Bitonto, sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Bari e dovranno rispondere in concorso fra loro dei reati di esercizio venatorio non consentito e introduzioni di armi in area naturale protetta.
  • Carabinieri Bitonto
  • Carabinieri Forestali Bitonto
  • Carabinieri Forestali
Altri contenuti a tema
Da Trani ad Ascoli Satriano, 86 chilometri di inseguimento: preso 39enne Da Trani ad Ascoli Satriano, 86 chilometri di inseguimento: preso 39enne A bordo di un'auto rubata ha tentato la fuga tallonato dai Carabinieri. Arrestato, è stato condotto nel carcere di Trani
Furto alla scuola Spinelli di Bitonto, Abbaticchio: «Una porcheria rubare nella casa dei bambini» Furto alla scuola Spinelli di Bitonto, Abbaticchio: «Una porcheria rubare nella casa dei bambini» Rubati colori, matite, fogli e apparecchi elettronici. È il secondo nel giro di un mese
Blitz in via Spadolini: gettano cocaina dalla finestra, arrestati in 4 Blitz in via Spadolini: gettano cocaina dalla finestra, arrestati in 4 Recuperati dai Carabinieri 320 grammi di droga. Tre uomini sono finiti in carcere, una donna ai domiciliari
Pedinano l'acquirente, poi scatta il blitz: 4 arresti dei Carabinieri di Bitonto Pedinano l'acquirente, poi scatta il blitz: 4 arresti dei Carabinieri di Bitonto I militari hanno seguito un 23enne di Palo sino a Noicattaro. Sequestrati 13 chili di droga e oltre 120mila euro in contanti
Controlli a tappeto a Bitonto: fioccano arresti e denunce Controlli a tappeto a Bitonto: fioccano arresti e denunce Servizio straordinario effettuato dai Carabinieri: un arresto, tre denunce e due segnalati quali assuntori di stupefacenti
Evasi per il Natale, acciuffati dai Carabinieri: arrestati due bitontini Evasi per il Natale, acciuffati dai Carabinieri: arrestati due bitontini Un 28enne ed un 20enne si erano nascosti a Bitetto a casa di due donne, denunciate per aver agevolato la loro fuga
Presa a Bitonto un'intera squadra di pusher, con mezzo chilo di droga Presa a Bitonto un'intera squadra di pusher, con mezzo chilo di droga Sgominata una fiorente attività di spaccio nelle palazzine di via Spadolini. Nei guai anche un 17enne
Estorsione a un imprenditore: arrestato 30enne di Bitonto Estorsione a un imprenditore: arrestato 30enne di Bitonto È Giuseppe Digiacomantonio. Colpo ai clan Cipriano e Parisi: chiedevano 15mila euro al mese per la "protezione"
© 2001-2020 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.