Pullman con viveri per Ucraina
Pullman con viveri per Ucraina
Cronaca

Partita la missione umanitaria per i profughi ucraini

Viveri e medicinali diretti in una città rumena al confine con l'Ucraina

Dopo Leopoli e Palanca, sarà Siret la terza meta per le missioni umanitarie partite da Molfetta con destinazione Ucraina: l'obiettivo è sempre duplice ossia portare viveri, beni di prima necessità e farmaci nei centri di accoglienza profughi e al tempo stesso portare in Puglia civili ucraini in fuga.

Prima la missione di don Gino Samarelli con destinazione Leopoli e quella di don Beppe De Ruvo verso Palanca (in Moldova), questa volta il pullman partito da Molfetta raggiungerà la cittadina di Siret, in Romania: la spedizione è stata organizzata dall'AVIS Bitonto e da 2hands Bitonto, come da noi anticipato nelle scorse giornate, in sinergia con l'AVIS Modugno e con la onlus "Le mani tese" sempre di Modugno. La partenza c'è stata nella mattinata di oggi sempre dal Duomo di San Corrado perché proprio nella sagrestia erano stati raccolti i pacchi poi caricati sul mezzo.

A raccontarci i dettagli su questo viaggio è stato Massimo Rutigliano, presidente dell'AVIS Bitonto: «Dopo aver dato una mano con i volontari impegnati nella missione di don Gino Samarelli, abbiamo voluto dare anche noi il via a una iniziativa analoga che è stata possibile grazie al sostegno economico di un imprenditore di Bari. Per motivi logistici abbiamo scelto di prendere come punto di partenza sempre lo splendido Duomo di Molfetta».

«Partiamo alla volta della Romania - ha spiegato - ma saremo a pochissimi chilometri dal confine ucraino, in un territorio che sta soffrendo molto il gran numero di profughi che arrivano lì con la speranza di mettersi in salvo. Abbiamo già pianificato le operazioni con l'associazione locale che sta curando la registrazione dei civili e porteremo con noi in Puglia 44 profughi, bambini e donne di tutte le età che saranno qui assegnate a famiglie della provincia che si sono dette disponibili all'ospitalità».

«Sarà un lungo viaggio che condurremo grazie a un interprete e a tre autisti, con l'auspicio di essere di nuovo a casa per mercoledì prossimo. Cerchiamo nel nostro piccolo di fare il massimo per aiutare quante più persone possibili ad abbandonare quell'inferno, sempre con la speranza che prima o poi possano fare ritorno a casa, ma senza guerra», ha concluso Rutigliano.
  • Guerra in Ucraina
  • Avis Bitonto
Altri contenuti a tema
Palazzo Gentile in rosso per l’Avis: per la Lega è una festa di partito Palazzo Gentile in rosso per l’Avis: per la Lega è una festa di partito I salviniani di Bitonto scambiano la giornata della Donazione per una manifestazione politica. E la gaffe diventa nazionale
In partenza per l'Ucraina beni di prima necessità In partenza per l'Ucraina beni di prima necessità Al ritorno circa cinquanta profughi saranno portati in Puglia e poi ospitati da famiglie dell'Area Metropolitana di Bari
Proiezione del film 'Il successore' per dire NO alla Guerra Proiezione del film 'Il successore' per dire NO alla Guerra Appuntamento il 29 marzo alle ore 19:30 al Teatro Traetta di Bitonto
Una manifestazione per la Pace, l'idea del Cenacolo dei Poeti Una manifestazione per la Pace, l'idea del Cenacolo dei Poeti Oggi, 24 marzo, l'incontro per la preparazione della manifestazione, alla Libreria del Teatro
Accoglienza ucraini, CON Bitonto: "Ospitiamoli nell'Istituto San Carlo" Accoglienza ucraini, CON Bitonto: "Ospitiamoli nell'Istituto San Carlo" Michele D'Aucelli, Giuseppe Fioriello e Massimo Lacetera suggeriscono di verificare la disponibilità comunale delle strutture ricettive
A Bitonto, accolte due mamme e i rispettivi figli provenienti dall’Ucraina A Bitonto, accolte due mamme e i rispettivi figli provenienti dall’Ucraina Si è scatenata una tempesta di solidarietà. L’episodio è stato raccontato dal soprano Anna Lacassia
Il Comune di Bitonto chiede di segnalare profughi dall'Ucraina Il Comune di Bitonto chiede di segnalare profughi dall'Ucraina Intensa l'attività di volontari ed associazioni per accoglierli
Profughi ucraini: la Caritas di Bari-Bitonto si mobilita Profughi ucraini: la Caritas di Bari-Bitonto si mobilita «Mappiamo le disponibilità ad accoglierli di parrocchie e comunità», si legge nel comunicato formato da Don Vito Piccinonna
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.