Uno dei locali confiscati a Sicolo
Uno dei locali confiscati a Sicolo
Cronaca

Associazione mafiosa: confiscati beni e attività commerciali a Emanuele Sicolo

Il pregiudicato dichiarava redditi da fame ma possedeva ristoranti, rosticcerie, imprese, immobili, auto e conti correnti

La Direzione Investigativa Antimafia di Bari ha dato esecuzione a due decreti di confisca emessi dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Bari, nei confronti di Emanuele Sicolo, di 49 anni, condannato definitivamente, negli anni, per numerosi reati anche di estrema pericolosità sociale.

Affiliato già dalla metà degli anni '90 a sodalizi criminali operanti principalmente a Bitonto e nelle zone dell'hinterland barese, è risultato avere contatti e cointeressenze anche con clan baresi ben più conosciuti quali il clan Parisi (operazione "Satellite") e il clan Capriati, come testimonia la condanna a suo carico, in concorso con altri appartenenti a quella consorteria, per l'omicidio di Michele Manzari, soggetto appartenente all'omonima famiglia operante nel quartiere San Paolo di Bari e contrapposta al clan Capriati della città vecchia.

Nel 2016, è stato tratto in arresto dalla Polizia di Stato nell'ambito dell'operazione denominata "Do ut des", per aver preso parte ad un sodalizio di stampo mafioso dedito alle estorsioni nei confronti di imprenditori, diretto dal noto Savinuccio Parisi, figura storica della criminalità organizzata barese con quartier generale nel rione Japigia di Bari.

Nel 2018, è stato tratto in arresto da personale della Direzione Investigativa Antimafia di Bari nella flagranza del reato di riciclaggio aggravato, essendo stato fermato, unitamente ad altri due soggetti, a bordo di una autovettura contente all'interno, abilmente occultata, la somma di oltre 300.000 euro, denaro ritenuto provento di attività criminale.

I provvedimenti hanno riguardato beni mobili ed immobili, complessi aziendali e disponibilità finanziarie, già sottoposti a sequestro nel 2017 e nel 2018 e sono scaturiti da indagini svolte dagli uomini della Direzione Investigativa Antimafia sull'intero patrimonio di Emanuele Sicolo, che hanno consentito di acclarare una netta sproporzione tra i redditi dichiarati nell'ultimo decennio dal suo nucleo familiare, ai limiti della normale sopravvivenza, rispetto agli investimenti effettuati nello stesso periodo, risultati di assoluta provenienza illecita.

In particolare, la confisca ha interessato due noti ristoranti/pizzeria ubicati a Palese e Santo Spirito, sul litorale barese, uno dei quali con annesso parco giochi, due pizzerie/rosticcerie di nuovo allestimento nel centro della città di Bitonto, due attività operanti nel servizio alle imprese, due immobili, quattro autovetture e diversi rapporti bancari e finanziari.
  • Direzione Investigativa Antimafia
  • Polizia di Stato
Altri contenuti a tema
Polizia in azione contro i ladri di corrente elettrica nella 167 di Bitonto Polizia in azione contro i ladri di corrente elettrica nella 167 di Bitonto Trovate anche sei piante di marijuana su un terrazzo
Scippa un’anziana in centro. I passanti lo inseguono e lo catturano Scippa un’anziana in centro. I passanti lo inseguono e lo catturano L’episodio in viale Giovanni XXIII a due passi dal monastero di San Leone
Tenta di palpare e baciare una turista in stazione: arrestato 60enne italiano Tenta di palpare e baciare una turista in stazione: arrestato 60enne italiano Intensificati i controlli sui treni della Polfer in occasione del ferragosto
Sedici auto rubate al mese: 4 arresti a Bitonto Sedici auto rubate al mese: 4 arresti a Bitonto I mezzi, in genere SUV, rivenduti e smontati nel Foggiano
Tre rapine in poche settimane a Bitonto: in manette un 17enne e un 23enne Tre rapine in poche settimane a Bitonto: in manette un 17enne e un 23enne Il video degli assalti a supermercati e una parafarmacie. La Polizia a caccia dei complici
Sviene tra le onde a S. Spirito e rischia di annegare: poliziotto bitontino e un operaio si tuffano e lo salvano Sviene tra le onde a S. Spirito e rischia di annegare: poliziotto bitontino e un operaio si tuffano e lo salvano Tragedia sfiorata in spiaggia evitata dai bagnanti
In Questura per il permesso di soggiorno viene arrestata per truffa e tentato omicidio In Questura per il permesso di soggiorno viene arrestata per truffa e tentato omicidio Con un complice bitontino e una connazionale colombiana aveva rapinato un uomo dopo un rapporto sessuale
Trova un assegno smarrito da 50mila euro e lo consegna alla Polizia Trova un assegno smarrito da 50mila euro e lo consegna alla Polizia Protagonista una ragazza che aveva scorto il titolo bancario per strada nel centro cittadino di Bitonto
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.