Il centrocampista argentino del Bitonto Carlos Turu Biason. <span>Foto Anna Verriello</span>
Il centrocampista argentino del Bitonto Carlos Turu Biason. Foto Anna Verriello
Calcio

Il centrocampo del Bitonto riparte dalla “garra” di Turu Biason

Terza riconferma neroverde: il giocatore argentino sarà protagonista anche nella prossima stagione

Dall'Argentina ma già nel cuore dei bitontini. Terzo riconfermato in casa Bitonto: è il centrocampista, classe 1985, Carlos Ezequiel Biason, per tutti "Turu", il mastino del centrocampo che indosserà la casacca neroverde anche nella prossima stagione 2019/2020.
Autore di un gol, tra l'altro bellissimo con una botta al volo precisa e angolata dalla distanza contro il Gragnano, nella sua prima stagione bitontina, Turu subito è entrato nel cuore della piazza, diventando uno dei simboli del Bitonto e tra i giocatori più apprezzati per impegno, temperamento e qualità. La sua "garra" ed i suoi piedi buoni lo hanno reso in poco tempo perno imprescindibile del progetto tattico bitontino. E la società del presidente Rossiello ha fatto di tutto pur di trattenerlo, nonostante le numerose lusinghe al giocatore argentino.

«Ho deciso di rimanere a Bitonto perché ho visto nella società grande disponibilità e grande voglia nel confermarmi anche per il prossimo anno, e ho apprezzato molto tutto questo – commenta Biason –. In questo primo anno sono stato sempre trattato benissimo, mi sono trovato bene con la società perché si è dimostrata sana, ambiziosa e con tantissima voglia di arrivare a grandi obiettivi. Ed è per questo che prendere questa decisione è stato molto semplice».
«Proveremo a fare meglio dell'anno scorso ma non sarà assolutamente semplice – aggiunge il centrocampista argentino –. Ma con una società di questo genere, con un presidente serio e ambizioso, si possono solo fare grandi cose. Ora mi rilasso ancora qualche altro giorno in vacanza in Argentina con la mia famiglia ma sono già carico per la nuova stagione e non vedo l'ora di ricominciare l'avventura con la maglia neroverde».

Turu Biason già conosce molto bene il neo tecnico del Bitonto, Roberto Taurino. Ed ha per lui solo parole positive.
«Conosco mister Taurino, ho giocato assieme a lui a Francavilla nella sua ultima stagione da calciatore, e poi l'anno dopo l'ho avuto da allenatore in seconda sempre a Francavilla – ricorda –. È una bravissima persona innanzitutto e poi ha tanta voglia di scalare le categorie, è un allenatore pronto e preparato per il grande salto».
Biason sarà per sempre legato a Bitonto. E spiega il perché.
«È una città che resterà ad ogni modo nella mia vita per sempre –conclude –, avevo voglia di rimanere a Bitonto perché mi ha portato fortuna, sta arrivando il mio primo figlio, è una città che mi ha portato fortuna, ed è dunque un segno che dovevo restare a Bitonto».
  • USD Bitonto Calcio
Altri contenuti a tema
1 Stadio Bitonto: ecco i progetti. Ma insulti e minacce all'assessore Stadio Bitonto: ecco i progetti. Ma insulti e minacce all'assessore Nacci: «Prendersela con mia madre mi sembra davvero troppo»
1 La festa promozione del Bitonto costa una multa ai tifosi La festa promozione del Bitonto costa una multa ai tifosi La Polizia disperde e sanziona gli ultras raccolti in centro
È praticamente fatta: Bitonto in C È praticamente fatta: Bitonto in C L'ufficializzazione della Federcalcio nel prossimo consiglio in programma mercoledì 3 giugno
Consiglio federale, si va verso la sospensione della Serie D Consiglio federale, si va verso la sospensione della Serie D Venerdì 22 il direttivo della Lnd potrebbe sancire la promozione del Bitonto
1 Abbaticchio scrive al sindaco di Foggia: «Felleca rispetti Bitonto» Abbaticchio scrive al sindaco di Foggia: «Felleca rispetti Bitonto» Il sindaco bitontino contro il presidente del club locale per le sue dichiarazioni di spregio nei confronti dei neroverdi
1 In vista della C Bitonto si prepara ad adeguare lo stadio In vista della C Bitonto si prepara ad adeguare lo stadio Nacci: «Tecnici già al lavoro per la progettazione». Natilla: «Occasione unica». PD: «Si lavori insieme»
Ignoti devastano gli spogliatoi del Bitonto allo stadio Ignoti devastano gli spogliatoi del Bitonto allo stadio L'assessore Nacci: «Danneggiata la casa di tutti». Forza Italia: «Atto vergognoso»
Il Bitonto strappa il pareggio col Brindisi e resta in testa Il Bitonto strappa il pareggio col Brindisi e resta in testa Foggia adesso a -1. Domenica trasferta a Casarano
© 2001-2020 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.