Gilet Arancioni
Gilet Arancioni
Territorio e Ambiente

Sequestro ulivo infetto: gilet arancioni soddisfatti dopo i chiarimenti del procuratore

Avevano temuto un sostegno alle tesi “antiscientifiche” di lotta alla xylella

Tirano un sospiro di sollievo i gilet arancioni, gli agricoltori meridionali in lotta per il miglioramento delle condizioni di lavoro, dopo i chiarimenti del procuratore Volpe sul sequestro dell'ulivo affetto da xylella disposto dalla sua Procura a Monopoli. Gli attivisti avevano infatti temuto il possibile sostegno, da parte di alcuni esponenti della magistratura locale, delle tesi giudicate "antiscientifiche" dalle principali istituzioni e associazioni di categoria.

«In questi anni – ha detto Onofrio Spagnoletti Zeuli, portavoce dei gilet arancioni - abbiamo assistito inermi all'avanzata del batterio che ha aggredito, partendo da Gallipoli, la Puglia, arrivando a Monopoli. Qui a Monopoli, domenica, abbiamo manifestato pacificamente per dire con forza che non si può più giocare. Qui a Monopoli, domenica, abbiamo ricevuto la notizia del sequestro da parte della Sua Procura dell'albero infetto da xylella ritrovato qualche giorno prima. Il proprietario era pronto a compiere un gesto tanto drammatico quanto necessario, secondo la scienza, per contrastare il batterio: eradicare la pianta. Ma il provvedimento della Sua Procura ha per il momento impedito questo».

«Si sono quindi materializzati – ha continuato Zeuli -con questa decisione tutti i fantasmi che hanno portato la xylella in provincia di Bari. In questi anni, i ricorsi al Tar e gli esposti di molti negazionisti, che pensano di curare la xylella con benedizioni sacerdotali o con corni di letame piantati nelle notti di luna piena, hanno sostanzialmente bloccato le eradicazioni di quanti avrebbero voluto semplicemente seguire la scienza e seguire quanto sia le leggi italiane, sia le normative europee hanno previsto, consentendo al batterio di avanzare».

«Il suo chiarimento, però, ci rasserena – si legge ancora nella nota stampa - e ci fa ben sperare per il futuro. Dalle sue parole, finalmente, sembra che si sia aperta la possibilità di punire chi, attraverso fake news e comportamenti omissivi, ha dato alla xylella la possibilità di avanzare. Le chiediamo di continuare ad approfondire, con la dedizione e la grande professionalità che tutti noi agricoltori Le riconosciamo, i reati perpetrati da chi in questi anni ha diffuso notizie false, si è incatenato davanti ad alberi morti, ha insomma consentito al batterio di avanzare.
Desideriamo solo chiarezza e tempi rapidi».

«Noi agricoltori – conclude la missiva - veri ambientalisti e amanti della terra, non vogliamo che la xylella distrugga i nostri campi e le nostre vite. Per questo sono a chiederLe di accelerare, per quanto possibile, qualsiasi indagine per arrivare in primavera, stagione in cui prolifera la sputacchina, vettore che trasporta il batterio, pronti a combattere seriamente il batterio con tutte le armi che la scienza e la legge ci mette a disposizione. Quella stessa legge che molti non hanno rispettato. Abbiamo fiducia nella Magistratura, abbiamo fiducia in Lei».


  • Agricoltura Bitonto
Altri contenuti a tema
Oggi a Bitonto Decaro e Stefano incontrano l'agricoltura Oggi a Bitonto Decaro e Stefano incontrano l'agricoltura Presso la Cooperativa Produttori Olivicoli anche il candidato al consiglio regionale Francesco Paolicelli
Invasione di pappagalli verdi a Bitonto e dintorni: mandorle devastate Invasione di pappagalli verdi a Bitonto e dintorni: mandorle devastate L'allarme di Coldiretti: «Straordinaria abilità a rompere i gusci e mangiare i frutti»
Dal Gal 1 milione per i contenitori di accoglienza turistica Dal Gal 1 milione per i contenitori di accoglienza turistica Opportunità per le aziende dei comuni di Bitonto, Terlizzi, Giovinazzo, Modugno, Palo, Binetto e Grumo
Violenta grandinata nelle campagne. A Bitonto danni ingenti Violenta grandinata nelle campagne. A Bitonto danni ingenti Pomeriggio di sofferenza per gli agricoltori: a rischio l'intero raccolto
Danni gelate: 7 milioni a Bitonto per le aziende agricole colpite Danni gelate: 7 milioni a Bitonto per le aziende agricole colpite Trasmesse in Regione le domande delle 440 aziende locali ammesse. L'assessore Calò: «Rispettati tempi imposti»
«Gravi danni a Bitonto per la gelata del 25 marzo» «Gravi danni a Bitonto per la gelata del 25 marzo» Il Comune scrive alla Regione. Agricoltori chiamati a rendicontare i danneggiamenti subiti
A Bitonto un corso di formazione per la raccolta funghi A Bitonto un corso di formazione per la raccolta funghi Sarà tenuto dall'associazione micologica Alta Murgia Terra degli Orsini
La siccità piega gli uliveti di Bitonto. Confagricoltura chiede l'intervento della Regione La siccità piega gli uliveti di Bitonto. Confagricoltura chiede l'intervento della Regione Lacenere: «Perimetrare le zone colpite e chiedere lo stato di calamità»
© 2001-2020 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.