Ponte sulla sp 231
Ponte sulla sp 231
Lavori pubblici

Ponte fermo sulla SP 231, Calò: «Inadempienze della ditta»

Il cantiere aperto 5 anni fa ha completato solo il 60% dell’opera. Ma per l’azienda è colpa delle istituzioni

Un cantiere "lungo" 5 anni per la costruzione di un ponte che avrebbe dovuto concludersi nel giro di pochi mesi e che invece ha di poco superato la metà dell'intera opera. È la storia del ponte sulla Strada Provinciale 231 che consentirà di collegare i due tratti della Poligonale di Bitonto attualmente separati proprio dalla grande arteria stradale, ma che al momento resta ancora "sospeso" nel nulla.

Alcuni giorni fa la responsabile dell'azienda che gestisce il cantiere la RGN Costruzioni di Bitonto, ha scritto una nota ad alcuni giornali locali in cui ha lamentato, dopo una serie di «intoppi e lungaggini burocratici, tempi morti, calcoli errati, varianti apportate, varie nomine di tecnici da parte dell'Area Metropolitana», un ulteriore «contrattempo dovuto a dei calcoli strutturali errati proprio sul tratto che interessa la Ferrovia Bari Nord» che ha nuovamente sospeso i lavori.
«Si è dovuto attendere tutta la perizia e la relazione dell'Ufficio Tecnico interno all'Ente Ferrovia – si giustificano dalla ditta - che solo l'11 agosto scorso si è espressa con una approvazione della variante proposta e quindi con una autorizzazione alla prosecuzione dei lavori». Dall'11 agosto ad oggi, però, ben poco è cambiato, anche perché l'azienda lamenta anche l'applicazione di tariffe standard, come da tabelle ufficiali del comparto edilizio, non congrue a quelle vigenti di mercato, oltre a un «ritardo dei pagamenti da parte dell'Area Metropolitana e per quota parte anche del Comune di Bitonto».

Ben diversa la versione di Palazzo Gentile che, attraverso il vicesindaco, Rosa Calò, ha fatto sapere che è invece la Città Metropolitana ad aver sollecitato, negli ultimi giorni, l'azienda a «una serie di adempimenti per il prosieguo dell'opera, che segna un forte ritardo rispetto al cronoprogramma iniziale». Stando quanto riferito dalla Calò, l'Amministrazione Abbaticchio da tempo starebbe operando un «costante pressing sulla Città Metropolitana per l'adozione di tutte le azioni necessarie alla ripresa di un cantiere, aperto ormai 5 anni fa e in forte ritardo rispetto ai tempi programmati, estremamente importante per la mobilità del territorio bitontino, essendo destinato a collegare direttamente la S.P. 231 al casello autostradale senza attraversamenti nel centro urbano e senza interferenze con il traffico ferroviario».

«Il sollecito – ha spiegato il vicesindaco – punta in particolare ad ottenere lo sblocco immediato degli adempimenti tecnici (nuovo cronoprogramma e autorizzazione sismica) necessari all'avvio dei lavori di costruzione del ponte ferroviario, per il quale già prima della pausa estiva erano stati compiuti concreti passi in avanti con il nulla osta di Ferrotramviaria SpA, una prima riunione di coordinamento tra impresa, Città Metropolitana e società ferroviaria, e la chiusura del passaggio a livello sulla strada comunale Appia».

«L'auspicio – ha concluso la Calò – è che si giunga ad un effettivo sblocco della situazione e che dopo tante annunciate ripartenze i lavori riprendano celermente e si concludano in tempi ragionevoli, sperando, in ogni caso, che i dirigenti della Città Metropolitana, con i quali siamo in stretto e quotidiano contatto, non si vedano costretti, persistendo l'immobilismo delle imprese affidatarie dell'appalto, ad attivare la procedura di risoluzione del contratto per gravi inadempienze».

  • sp 231
  • ponte
  • Michele Abbaticchio
  • Rosa Calò
Altri contenuti a tema
Partiti i due progetti di Servizio civile al Comune di Bitonto Partiti i due progetti di Servizio civile al Comune di Bitonto I volontari accolti a Palazzo di Città dal sindaco Abbaticchio e dall’assessore Legista
Pediatra revocata a Bitonto, il sindaco scrive alla Asl: «Rivedete la disposizione» Pediatra revocata a Bitonto, il sindaco scrive alla Asl: «Rivedete la disposizione» Preoccupato anche Damascelli: «Ingiusto costringere i piccoli a forzate trasferte a Palo»
'Prima lo sviluppo': Italia in Comune porta il mondo delle imprese a Bari 'Prima lo sviluppo': Italia in Comune porta il mondo delle imprese a Bari Attesi Emiliano, Decaro, Abbaticchio, Viesti, Patroni Griffi e Borracino
Abbaticchio: «Nessuna 'pagnotta' per le civiche confederate a Italia in Comune» Abbaticchio: «Nessuna 'pagnotta' per le civiche confederate a Italia in Comune» Il sindaco di Bitonto chiarisce che «non scompaiono ma proseguono il loro cammino in un progetto più grande»
Italia in Comune ringrazia i consiglieri di Bitonto che hanno aderito e chiede un tavolo di coalizione Italia in Comune ringrazia i consiglieri di Bitonto che hanno aderito e chiede un tavolo di coalizione L'obiettivo è ridiscutere gli assetti politici alla luce delle nuove forze in consiglio
Il sindaco di Bitonto Abbaticchio vicecoordinatore nazionale di Italia in Comune Il sindaco di Bitonto Abbaticchio vicecoordinatore nazionale di Italia in Comune Il primo cittadino: «Un riconoscimento alla straordinaria squadra pugliese. Ora al lavoro per i prossimi impegni»
Il Movimento Tra la Gente si confedera con in Italia in Comune Il Movimento Tra la Gente si confedera con in Italia in Comune La lista civica nata con le amministrative del 2017 porta i consiglieri Gesualdo e Abbatantuono nel partito di Pizzarotti
Chi rappresentano ora gli assessori della giunta Abbaticchio? Chi rappresentano ora gli assessori della giunta Abbaticchio? Dopo i numerosi ingressi in maggioranza e l'irruzione in consiglio di Italia in Comune attese novità anche in giunta
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.