I Carabinieri sul luogo dell'omicidio Caprio
I Carabinieri sul luogo dell'omicidio Caprio
Cronaca

Omicidio Caprio: caccia al supertestimone, l'amico del 40enne

L'uomo non si è presentato spontaneamente agli investigatori. Si indaga per risalire all'identità

L'amico di Paolo Caprio. È il supertestimone dell'omicidio del 40enne di Bitonto, morto all'alba di domenica dopo essere stato aggredito a pugni dal 20enne Fabio Giampalmo, rinchiuso nel carcere di Bari con l'accusa di omicidio volontario, all'interno dell'area di servizio Dill's, lungo la strada provinciale 231 per Modugno.

Secondo quanto ricostruito dalla Procura della Repubblica di Bari, Giampalmo ha infatti colpito Caprio con l'intenzione di ucciderlo e poi l'ha lasciato agonizzante sul marciapiede. La dinamica dell'aggressione è stata immortalata dalle telecamere di videosorveglianza della stazione di servizio: alle ore 03.06 Caprio è caduto a terra battendo violentemente la testa dopo i tre pugni sferrati ​«con inaudito vigore», hanno detto gli inquirenti, da Giampalmo, esperto di boxe e arti marziali.

La vittima, come confermato dai video e pure dal racconto del presunto assassino, che s'è consegnato ai Carabinieri alcune ore dopo il fatto e ha confessato, era nel bar con un amico, su cui si concentrano le indagini: i militari lo stanno cercando per interrogarlo. L'uomo, domenica, non si è presentato spontaneamente in caserma, ma gli investigatori stanno cercando di risalire a lui grazie ai filmati, nei quali è immortalato con una maglia nera a strisce bianche sulle due maniche.

Giampalmo ha detto di conoscere Caprio di vista, spiegando che prima del litigio finito in tragedia, lo stesso Caprio e il suo amico - il possibile supertestimone - avevano iniziato a ​«provocarli». Il 20enne, con precedenti per droga e furti, e i suoi amici sono poi rimasti nel bar a giocare alle slot machine, mentre le loro mogli e compagne, alcune con bambini di pochi anni in braccio, erano all'esterno. Ad un tratto il 20enne avrebbe notato la vittima e l'amico parlare con le loro donne.

«Siamo immediatamente usciti - ha detto - e ci siamo avvicinati alle nostre compagne. Mentre stazionavamo sulle panche sotto il gazebo con le nostre mogli a parlare, uno dei due si è avvicinato per origliare cosa stessimo dicendo e ha guardato in maniera provocatoria le nostre compagne. Notata questa circostanza, mi sono alzato» e «gli ho tirato tre pugni al viso: l'ho visto cadere in terra e sbattere la testa sul marciapiede. Non pensando che sarebbe morto sono andato via».

Lo ha abbandonato privo di sensi sull'asfalto, fuggendo in auto. Quando i sanitari del 118 sono arrivati sul posto, i tentativi di rianimare il 40enne sono stati inutili. Giampalmo ha detto nell'interrogatorio di aver saputo che Caprio era morto - se il decesso sia stato causato dai pugni o dalla caduta lo stabilirà l'autopsia - solo dopo essere rincasato, avvertito dagli amici che erano nel bar con lui. Uno di loro «ha cominciato a piangere - ha riferito - pensando alla gravità dell'accaduto».

Il 20enne ha poi vagato a piedi nel centro storico per alcune ore, prima di convincersi a contattare un avvocato e a consegnarsi. I Carabinieri lo avevano però già identificato e cercato a casa, senza trovarlo, quando, cinque ore dopo il fatto, si è presentato in caserma accompagnato dal difensore di fiducia. I militari, inoltre, hanno sentito numerosi testimoni, tranne l'amico con cui Caprio è arrivato nell'area di servizio e che si trovava con lui quando è stato picchiato da Giampalmo.

I militari stanno cercando di risalire a lui, che, come l'aggressore e i suoi compagni, è fuggito dopo l'aggressione, grazie ai filmati della videosorveglianza. La sua testimonianza sarebbe fondamentale per ricostruire il modo in cui è maturata l'aggressione. E anche cosa è accaduto nei minuti successivi, fra i pugni e la fuga.
  • Carabinieri Bitonto
  • Omicidi Bitonto
  • Fabio Giampalmo
  • Paolo Caprio
  • Omicidio Caprio
Altri contenuti a tema
Sorpresi a rubare olive a Bitritto, 4 denunciati: 2 sono di Bitonto Sorpresi a rubare olive a Bitritto, 4 denunciati: 2 sono di Bitonto Furto sventato dai Carabinieri: i ladri avevano già raccolto oltre 1 quintale di olive. Sono stati deferiti a piede libero
Bloccato sul terrazzo con droga e contanti. Arrestato un 24enne Bloccato sul terrazzo con droga e contanti. Arrestato un 24enne Il giovane, incensurato, ha tentato la fuga, ma è stato fermato dai Carabinieri. Aveva anche una ricetrasmittente
Tentava di nascondere una Fiat Punto Evo rubata: arrestato un 27enne Tentava di nascondere una Fiat Punto Evo rubata: arrestato un 27enne L'uomo è stato colto con le mani nel sacco dai Carabinieri. Sequestrata anche un'interfaccia elettronica
Ladro d'auto in trasferta da Bitonto a Cassano: arrestato Ladro d'auto in trasferta da Bitonto a Cassano: arrestato Un 26enne è stato incastrato dalle telecamere e dai vestiti indossati per il furto: è stato rinchiuso in carcere
23enne di Bitonto in trasferta a Bitritto con la marijuana in auto 23enne di Bitonto in trasferta a Bitritto con la marijuana in auto Il giovane, che guidava un'auto con due ruote forate, è stato arrestato dai Carabinieri. A casa recuperati ulteriori 32 grammi
Ritrovato a Palombaio il Doblò rubato ad una bimba disabile Ritrovato a Palombaio il Doblò rubato ad una bimba disabile Il mezzo, rubato a Corato, è stato ritrovato dai Carabinieri ormai cannibalizzato
Controlli dei Carabinieri: due arresti. Trovate armi, droga e munizioni Controlli dei Carabinieri: due arresti. Trovate armi, droga e munizioni Un 29enne e un 35enne sono finiti in carcere. Denunciato anche un 65enne: aveva un'olla acroma
Botte per i soldi: l'incubo di una donna di Bitonto era suo figlio Botte per i soldi: l'incubo di una donna di Bitonto era suo figlio L'episodio in città: l'uomo, di 52 anni, è stato arrestato dai Carabinieri. I fatti andavano avanti da tempo
© 2001-2021 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.