Migranti in mare. <span>Foto wereporter.it</span>
Migranti in mare. Foto wereporter.it
Attualità

Nelle chiese di Bitonto una targa per ricordare i migranti morti in mare

L'Arcidiocesi: «Ognuno di loro potrebbe essere nostro figlio

Una targa per ricordare chi è morto in mare nel tentativo di raggiungere l'Europa sperando in un futuro migliore sarà affissa in ognuna delle chiese di della città dell'ulivo e di tutte le altre parrocchie dell'arcidiocesi di Bari-Bitonto. Rientra nel programma "Quaresima di carità", incentrato quest'anno sulla figura di Santo Stefano, martire che seppe perdonare i suoi uccisori, l'iniziativa della Chiesa di Bari Bitonto che ha deciso di dedicare un pensiero particolare a «questi martiri dei giorni nostri». In ciascuna delle 126 parrocchie dell'arcidiocesi è stata distribuita una targa che ricorda il nome e i dati di "fratelli migranti" tragicamente inghiottiti dal mare in quest'esodo che sembra non avere fine.

«In questo tempo di Quaresima – hanno spiegato dalla Diocesi - ad ognuna delle parrocchie, affidiamo in maniera particolare uno di loro».
«Ciascuno di questi fratelli migranti – si legge ancora nel comunicato – può aiutarci in due modi: innanzitutto chiedendo la loro intercessione e preghiera al Padre, di cui già certamente contemplano il volto. In secondo luogo, possono essere occasione di provocazione: per i giovani ad osare nella vita; per gli adulti ad essere più accoglienti e miti, consapevoli che ognuno di questi migranti potrebbe essere nostro figlio, e per la Comunità a non essere chiusa in se stessa. Siamo figli di un solo Dio Padre, che ciascuno chiama come ha imparato e quindi fratelli tra noi, senza distinzione di colore, sesso, religione, nazionalità! Vi chiediamo di esporre la piccola targa in un luogo visibile presso il quale ciascuno possa sostare per una preghiera personale o per la riflessione di tutta la comunità. Inoltre, la Caritas parrocchiale in modo particolare, si faccia promotrice all'interno della comunità di un'iniziativa, una proposta di preghiera o un gesto concreto per condividere la memoria di questi fratelli».

Quella delle targhe è però solo una delle iniziative inserite nel programma per la Quaresima, durante la quale sono stati promossi «segni concreti di carità» verso chiunque sia in situazione di sofferenza.
«Nelle nostre comunità – spiegano ancora dalla Diocesi - certamente sono presenti fratelli e sorelle che, anche in maniera umile e silenziosa, hanno contribuito perdonando a fermare o rallentare le 'spirali' del male. Invitare i testimoni a raccontare la loro storia ci ricorda la nostra comune chiamata alla santità».
  • Caritas Diocesana Bari-Bitonto
  • Arcidiocesi Bari-Bitonto
  • migranti
Altri contenuti a tema
Mons. Giuseppe Satriano nuovo arcivescovo di Bari Bitonto Mons. Giuseppe Satriano nuovo arcivescovo di Bari Bitonto Sarà annunciato alle 12 direttamente da Mons. Cacucci
«Con la crisi la mafia si sta insinuando tra le famiglie» «Con la crisi la mafia si sta insinuando tra le famiglie» L'allarme del direttore della Caritas, don Vito Piccinonna, che denuncia un aumento dell'usura tra i soggetti deboli
Neonato abbandonato in chiesa, per la Caritas di Don Vito Piccinonna: «Scelta dolorosa» Neonato abbandonato in chiesa, per la Caritas di Don Vito Piccinonna: «Scelta dolorosa» Dall'organismo pastorale di Bari-Bitonto l'invito alle istituzioni a offrire più sostegno alle famiglie
2 Oggi il nome del nuovo Arcivescovo di Bari-Bitonto Oggi il nome del nuovo Arcivescovo di Bari-Bitonto In lizza l'abate benedettino di San Miniato, Padre Bernardo Gianni, il Cardinale Angelo De Donatis e mons. Raspanti
Fondazione Opera Ss Medici di Bitonto diventa Ente del Terzo Settore Fondazione Opera Ss Medici di Bitonto diventa Ente del Terzo Settore Approvato il nuovo statuto. L'arcivescovo Cacucci: «Si conserva il senso di mons. Mariano Magrassi e don Ciccio Savino»
Don Vito Piccinonna: «Aspetteremo un altro mese per celebrare col popolo» Don Vito Piccinonna: «Aspetteremo un altro mese per celebrare col popolo» Il rettore della Basilica dei Ss Medici di Bitonto non è con la CEI: «Improvvisare può far male più del non celebrare»
Oltre 2mila euro dal Comitato Feste Patronali di Bitonto contro il coronavirus Oltre 2mila euro dal Comitato Feste Patronali di Bitonto contro il coronavirus Sono stati raccolti con un crowdfunding e saranno donati alla Caritas Diocesana per aiutare i poveri
Il Comitato Feste Patronali di Bitonto sostiene la raccolta fondi per la Caritas Il Comitato Feste Patronali di Bitonto sostiene la raccolta fondi per la Caritas L'obiettivo è «alleviare sofferenze e disagi a chi non ha i necessari mezzi di sussistenza»
© 2001-2020 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.