Pasculli e Maradona alzano la Coppa del Mondo
Pasculli e Maradona alzano la Coppa del Mondo
Attualità

Maradona e il campione del mondo con i nonni di Bitonto

Pedro Pablo Pasculli ricorda il mito del calcio scomparso con cui ha alzato la Coppa del Mondo nell'86'

C'è una linea sottile che lega Bitonto ai campioni del mondo dell'Argentina del 1986 e alla recente scomparsa del mito della nazionale albiceleste, Diego Armando Maradona. È la linea che passa attraverso l'albero genealogico di un altro dei campioni di quella leggendaria impresa sportiva, Pedro Pablo Pasculli, il cui passato è legato, notoriamente, alla Puglia e a Lecce in particolare, di cui è stato indimenticato bomber. E a un passato probabilmente meno noto ma certamente non meno importante che lo lega saldamente anche a Bitonto. I suoi nonni infatti sono nati a Bitonto e all'ombra del Torrione hanno vissuto fino alla giovinezza, quando hanno poi deciso di acquistare il loro biglietto di sola andata per il Sudamerica, dove hanno trovato la loro strada. Senza quella scelta, certamente, la storia sportiva recente del Lecce sarebbe stata diversa, ma probabilmente anche quella della Selecciòn argentina, che attorno alla grande amicizia di Pasculli e Maradona ha costruito il gruppo dei giocatori di mister Bilardo.

Pasculli - che in quel mondiale segnò il gol decisivo contro l'Uruguay che consentì a Maradona & company di superare gli Ottavi di finale - è ancora incredulo davanti alla morte del "pibe de oro", di cui era amico intimo, oltre ad aver condiviso gli anni nell'Argentinos Junior, nella nazionale argentina e nel Newell's Old Boys. «Non ci sono parole per descrivere quello che sto provando in questo momento – ha detto ancora sconvolto - È venuto a mancare il numero uno, un amico, una persona che stimavo, un leader, un compagno. Io ricorderò prima la persona e poi il calciatore. Era una persona eccezionale, io ho avuto la fortuna di conoscerlo bene anche oltre il campo. Lontano dal terreno di gioco era un uomo umile che non ha mai fatto pesare la sua grandezza. Diego non si arrabbiava mai, è stato un giocatore eccezionale, ma soprattutto una persona con un cuore immenso».

«Ha passato tutta la sua vita ad aiutare gli altri – prosegue il racconto di Pasculli - mai una parola fuori posto con un compagno in difficoltà, sempre pronto a sostenere tutti, nonostante potesse dare lezioni a chiunque. Purtroppo nella vita ha dimenticato di volere bene solo a una persona: se stesso. Si è maltrattato per tanti anni e alla fine ci ha lasciati. È un giorno triste per tutti».
  • calcio
Altri contenuti a tema
Il Bitonto perde la Serie C: respinto il ricorso Il Bitonto perde la Serie C: respinto il ricorso Abbaticchio: “Affranti e storditi. Ma i lavori allo stadio si faranno comunque”
Serie C a rischio a Bitonto: striscioni dei tifosi contro i tesserati Serie C a rischio a Bitonto: striscioni dei tifosi contro i tesserati Nel mirino Picci e gli altri coinvolti nel processo, ma anche i politici
L'arbitro bitontino Vito Mastrodonato promosso in serie A L'arbitro bitontino Vito Mastrodonato promosso in serie A All'assistente pugliese i complimenti dei colleghi e della sezione AIA di Molfetta
Presunta combine Bitonto-Picerno: deferiti calciatori, dirigenti e società Presunta combine Bitonto-Picerno: deferiti calciatori, dirigenti e società Lo ha comunicato ieri la FIGC con una nota ufficiale. Ora le carte passano in mano al Tribunale Federale Nazionale
La Bitonto del calcio e del futsal promossa: le istituzioni festeggiano La Bitonto del calcio e del futsal promossa: le istituzioni festeggiano Abbaticchio e Nacci: «Giornata storica». Zullo (FDI): «Opportunità per la Puglia». Damascelli (FI): «Dono straordinario»
1 Abbaticchio scrive al sindaco di Foggia: «Felleca rispetti Bitonto» Abbaticchio scrive al sindaco di Foggia: «Felleca rispetti Bitonto» Il sindaco bitontino contro il presidente del club locale per le sue dichiarazioni di spregio nei confronti dei neroverdi
1 In vista della C Bitonto si prepara ad adeguare lo stadio In vista della C Bitonto si prepara ad adeguare lo stadio Nacci: «Tecnici già al lavoro per la progettazione». Natilla: «Occasione unica». PD: «Si lavori insieme»
Ignoti devastano gli spogliatoi del Bitonto allo stadio Ignoti devastano gli spogliatoi del Bitonto allo stadio L'assessore Nacci: «Danneggiata la casa di tutti». Forza Italia: «Atto vergognoso»
© 2001-2021 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.