Xylella
Xylella
Territorio e Ambiente

Xylella: le associazioni agli enti pubblici «sbrigatevi a fare i trattamenti!»

Il tentativo disperato delle tre organizzazioni di produttori per fermare l'avanza della Xylella

Tre organizzazioni di produttori Aproli, Assoproli e Oliveti Terra di Bari ieri pomeriggio hanno sollecitano a mezzo pec istituzioni, agricoltori e proprietari dei terreni a intervenire entro il 10 maggio per evitare l'avanzata della xylella nel nord barese, ormai giunta a Polignano. A lasciare perplesse le associazioni sono molte aree pubbliche non ancora trattate, tra le immagini fornite, anche aree verdi del comune di Bitonto.

Bisogna accelerare le operazioni di pulizia delle aree verdi pubbliche ancora incolte e smuovere gli agricoltori ad intervenire con arature e trinciature per evitare che la xylella dilaghi nelle province di Bari e Bat. «Stiamo scherzando col fuoco, qui è in gioco la nostra storia millenaria e l'economia di migliaia di famiglie – dicono i Presidenti Patruno (Aproli), Mastrandrea (Assoproli) e Sicolo (Oliveti Terra di Bari) -. Le istituzioni pubbliche devono fungere da esempio ed eseguire immediatamente i lavori nelle aree di pertinenza completamente abbandonate, senza perdere ulteriore tempo come stanno facendo, anche attraverso accordi con gli agricoltori e con le cooperative».

I rappresentanti degli olivicoltori hanno scritto direttamente ad Anas, Anci Puglia, Città Metropolitana di Bari, Provincia Bat, Provincia di Foggia, Società Autostrade per l'Italia, Consorzi di Bonifica Terre d'Apulia, Consorzio Asi Bari, Acquedotto Pugliese, Aeroporti di Puglia, Ferrovie dello Stato, Ferrovie Appulo Lucane, Ferrovie del Nord Barese e, per conoscenza, a Prefettura di Bari, Prefettura Bat, Presidenza della Regione Puglia, Assessorato All'agricoltura, Osservatorio Fitosanitario regionale, Arif e Legione Carabinieri Puglia, chiedendo di ottemperare rapidamente agli obblighi previsti dalla legge regionale.

«Tutti i proprietari di terreni sono chiamati alla responsabilità, chi non interviene è artefice del disastro – rimarcano duramente i rappresentanti degli olivicoltori -. Ci sono ancora dieci giorni di tempo per praticare le buone pratiche agricole ed evitare che la sputacchina si impadronisca del cuore economico e della storia della nostra terra».


  • xylella
Altri contenuti a tema
Ridefinita area di contenimento Xylella fastidiosa: preoccupazione anche a Bitonto Ridefinita area di contenimento Xylella fastidiosa: preoccupazione anche a Bitonto Dieci anni di monitoraggio e un milione di analisi disponibili in formato aperto sul portale regionale
Xylella attacca alberi di mandorlo. Le preoccupazione di Gennaro Sicolo Xylella attacca alberi di mandorlo. Le preoccupazione di Gennaro Sicolo Il presidente CIA Puglia: «Serve sostegno più deciso e sistematico alla ricerca»
Xylella, governo rimanda la nomina del Commissario. Cia Puglia: «Grave errore» Xylella, governo rimanda la nomina del Commissario. Cia Puglia: «Grave errore» Lollobrigida a Manduria ha detto che non è il momento. Sicolo: «Batterio non aspetta i tatticismi della politica»
Xylella, infezione avanza di 20km all'anno Xylella, infezione avanza di 20km all'anno L'analisi di Coldiretti Puglia. Piante infette a Polignano a Mare e Monopoli
Xylella, è tempo di buone pratiche. Coldiretti scrive ad Emiliano Xylella, è tempo di buone pratiche. Coldiretti scrive ad Emiliano Iniziata anche a Bitonto la campagna di prevenzione e pulizia dei terreni incolti per evitare la proliferazione della sputacchina
Xylella, nuova area infetta nel Barese. Apprensione anche a Bitonto Xylella, nuova area infetta nel Barese. Apprensione anche a Bitonto Istituita per "alto rischio sanitario". L'allarme di Coldiretti Puglia
Xylella, CIA Puglia: Bene la proroga al 20 aprile per le lavorazioni obbligatorie” Xylella, CIA Puglia: Bene la proroga al 20 aprile per le lavorazioni obbligatorie” Era stata l’organizzazione agricola a chiedere il provvedimento per le zone nei 200 metri di altitudine
Xylella: controllo a campione nell’agro bitontino Xylella: controllo a campione nell’agro bitontino Incaricati del monitoraggio sono professionisti selezionati e formati dall’ARIF
© 2001-2024 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.