L'operazione
L'operazione "Albacares"
Cronaca

Tonno adulterato e persone intossicate, 12 arresti: il pesce venduto a Bitonto

A far partire le indagini è stata una serie di intossicazioni causate da pesce comprato in una pescheria della città

Tonni adulterati, con decine di persone intossicate: 5 nella sola Bitonto, dopo l'acquisto di alcuni prodotti ittici in una pescheria della città. Da qui sono partite le indagini della Procura della Repubblica di Trani che hanno portato a 12 arresti (cinque in carcere e sette ai domiciliari). Per altre sei, divieti o obblighi di dimora

In carcere sono finiti i vertici di due imprese ittiche di Bisceglie, la Ittica Zu Pietro e la Izp Processing, e di due tra laboratorio di analisi e società di consulenza e certificazioni di Avellino, la Innovatio e la Studio Summit. Tutti rispondono, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla adulterazione di sostanze alimentari, di frode in commercio e falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico. Sequestrati 5,2 milioni di euro, ritenuti provento della illecita attività.

Nel corso delle indagini - l'operazione è stata battezzata "Albacares" - nel mirino di imprenditori senza scrupoli, interessati a minimizzare i costi e massimizzare i profitti anche a scapito della salute dei consumatori, è finito il pesce. Prodotto "principe" delle tavolate estive in Puglia. A far partire le indagini della magistratura di Trani, infatti, è stata proprio una serie di intossicazioni alimentari dopo varie cene al ristorante. E poi le intossicazioni causate da pesce comprato in pescheria.

In una, a Bitonto, sono rimaste intossicate cinque persone, dopo l'acquisto, il 29 e il 30 maggio 2021, di tranci di tonno pinna gialla. Sono partite le perquisizioni: i Carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Bari hanno riscontrato come il pesce, giunto dalla Spagna, prima di essere messo in commercio dall'azienda di Bisceglie, sarebbe stato pure «adulterato con sostanze non consentite per esaltarne l'aspetto e il colore, ma rendendolo nocivo per la salute dei consumatori».

Secondo gli investigatori, gli indagati spesso falsificavano direttamente i certificati redatti da altri laboratori accreditati, in modo da non far risultare la presenza delle sostanze utilizzate per "truccare" il pesce. Ma non era solo il tonno ad essere "truccato": i Carabinieri sono riusciti a scoprire che lo stesso trattamento era riservato al salmone che, pur essendo congelato, era venduto come fresco. In un caso è stata ritrovata una partita di tonno contaminata con alti livelli d'istamina.

Le sostanze sono state tutte trovate in un deposito. Colpisce che i dipendenti non fossero all'oscuro di quello che succedeva, secondo l'intercettazione shock di una lavoratrice: «Me li sogno la notte i cristiani che si sentono male. Nessuno ci ha lasciato le penne soltanto per grazia del Signore: non mangiare pesce crudo».
  • Carabinieri Bitonto
  • pescherie Bitonto
Altri contenuti a tema
Auto rubata a spinta: intercettata dai Carabinieri, finisce contro un muro Auto rubata a spinta: intercettata dai Carabinieri, finisce contro un muro Mattinata movimentata tra via Lazzati e via Dossetti, dove s'è conclusa la corsa di una Porsche Macan. L'inseguimento ripreso da uno smartphone
Esplosi colpi di pistola in via Stellacci: sul caso indagano i Carabinieri Esplosi colpi di pistola in via Stellacci: sul caso indagano i Carabinieri Due i bossoli rinvenuti, a seguito della segnalazione di alcuni residenti che avrebbero udito i colpi d'arma da fuoco
Tenta di rubare due auto: 28enne di Bitonto arrestato dai Carabinieri Tenta di rubare due auto: 28enne di Bitonto arrestato dai Carabinieri L'uomo è stata visto per le strade di Terlizzi e segnalato al 112: una gazzella, arrivata sul posto, l'ha fermato. È ai domiciliari
Operazione "Bypass" a Bitonto: 32 indagati, 19 arrestati. TUTTI I NOMI Operazione "Bypass" a Bitonto: 32 indagati, 19 arrestati. TUTTI I NOMI Duro colpo al narcotraffico: tra gli arrestati Cosmo Damiano Cassano, Michele Cozzella e Giuseppe Digiacomantonio
Operazione "Pandora", 34 condanne definitive per mafia: 6 sono di Bitonto Operazione "Pandora", 34 condanne definitive per mafia: 6 sono di Bitonto Gli ordini di carcerazione sono stati eseguiti dai Carabinieri del Ros: fra questi Giuseppe Rocco Cassano e Alessandro D'Elia
«Siamo dottoresse dell'Asl». Anziana derubata dei propri gioielli a Mariotto «Siamo dottoresse dell'Asl». Anziana derubata dei propri gioielli a Mariotto Ieri mattina due donne si sono spacciate per medici e hanno raggirato una 75enne. Sul caso indagano i Carabinieri
Inseguimento a folle velocità per oltre 16 chilometri. Ladri in fuga Inseguimento a folle velocità per oltre 16 chilometri. Ladri in fuga A bordo di una Bmw, dopo aver rubato una Porsche Macan, sono riusciti a sfuggire ai Carabinieri. L'inseguimento da Modugno a Palo del Colle
209° anniversario dei Carabinieri, un riconoscimento al comandante di Bitonto 209° anniversario dei Carabinieri, un riconoscimento al comandante di Bitonto Ieri il conferimento, a Caserta, «per la meritoria attività costantemente svolta a favore delle collettività»
© 2001-2024 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.