Caffè a domicilio
Caffè a domicilio
Cronaca

Il titolare del bar chiuso a Bitonto: «Mai nessun asporto. Era una consegna e faremo ricorso»

Per il gestore «è un'assurda vessazione che attacca un settore già in ginocchio per la chiusura improvvisa»

«Non c'è stata alcuna flagranza, non c'è stato alcun reato e nemmeno la violazione delle leggi. È stato un sopruso e faremo ricorso». A parlare è il titolare di una delle due attività sanzionate e chiuse dalla Polizia nei giorni scorsi a causa di alcune violazioni alle norme anticontagio in vigore che sono state contestate ai titolari dei due esercizi commerciali.

«Abbiamo ricevuto una chiamata per consegnare un espressino in via Ragni, distante un centinaio di metri dal nostro bar - ha raccontato il gestore - ed il mio collaboratore mi ma riferito di essersi recato sul luogo indicato dal cliente e di averlo trovato in strada ad aspettarlo dove gli era stato indicato, ha effettuato la consegna ed è andato a fare un'altra consegna.

Solo una volta tornato indietro ha trovato la Polizia di Stato ferma davanti al bar per chiedere chiarimenti che, peraltro, sono stati dettagliatamente riferiti. E tutto è documentato sia dal nostro foglio di chiamate con gli indirizzi a cui consegnare, sia soprattutto, dal video delle nostre telecamere in cui si vede chiaramente che la pattuglia era ferma davanti al mio locale e che quindi non può esserci nessuna flagranza, smentendo clamorosamente quanto contestato».

«Noi non sappiamo se davvero il cliente abiti in via Ragni dove ci aveva indicato - ha proseguito il titolare - né possiamo metterci a verificare le loro generalità visto che non siamo di certo pubblici ufficiali. Ma è evidente che si sia trattato di una consegna effettuata come consentito da un nostro collaboratore. Parlare di "asporto" è assurdo, per questo faremo ricorso.

Abbiamo accettato con grande spirito di responsabilità le norme imposte dal Governo e dal Comune di Bitonto. Ci siamo organizzati con il domicilio, rispettando tutte le indicazioni igieniche possibili, attrezzandoci con i Dispositivi di Protezione Individuali e aumentando le attenzioni già altissime che avevamo nei confronti della sanificazione dei nostri apparati.

Ma la vessazione davvero non la comprendiamo, anche perché abbiamo aperto non certo per arricchirci, ma per consentire ai nostri collaboratori di continuare a mantenersi in qualche modo. Non è certo così che si fanno gli interessi di una comunità già devastata dal blocco imposto da questa epidemia».
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti

529 contenuti
Altri contenuti a tema
Covid-19, stabile il numero dei ricoverati in Puglia Covid-19, stabile il numero dei ricoverati in Puglia Aumentano i positivi soprattutto tra i giovani
Lopalco avverte: «Nuova ondata pandemica tra adolescenti e giovani adulti» Lopalco avverte: «Nuova ondata pandemica tra adolescenti e giovani adulti» L'assessore regionale alla Sanità invita alla vaccinazione. I dati gli danno ragione
Covid: 26 positivi a Bitonto, ma calano in Puglia Covid: 26 positivi a Bitonto, ma calano in Puglia Scende anche il numero di posti letto occupati negli ospedali
In Puglia aumentano i ricoveri. Ieri registrati un morto e 132 nuovi contagi In Puglia aumentano i ricoveri. Ieri registrati un morto e 132 nuovi contagi Positività dei tamponi effettuati pari all'1,18%
Covid-19, 3 morti in Puglia nelle ultime ore. Nessuno nel barese Covid-19, 3 morti in Puglia nelle ultime ore. Nessuno nel barese Calano ricoveri e numero dei positivi
Coronavirus: meno ricoverati e più positivi in Puglia Coronavirus: meno ricoverati e più positivi in Puglia Quarta giornata consecutiva senza decessi
Oltre 2000 i positivi al Coronavirus in Puglia Oltre 2000 i positivi al Coronavirus in Puglia Terzo giorno consecutivo senza decessi sul territorio regionale
Brusco aumento dei contagi. Bitonto di nuovo nell'incubo Brusco aumento dei contagi. Bitonto di nuovo nell'incubo Continuano le infezioni tra i più giovani
© 2001-2021 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.