Il generale Nicola Altiero
Il generale Nicola Altiero
Cronaca

«Il Corpo è assolutamente rigoroso verso questi fenomeni»

Il generale Altiero commenta l'arresto del maresciallo Priore: «Prenderemo tutti i provvedimenti del caso»

Una mazzetta da 3mila euro per "addomesticare" un'indagine: l'avrebbe chiesta un maresciallo della Guardia di Finanza a un uomo sul quale aveva indagato e che aveva contribuito a fare arrestare. Il finanziere Giuseppe Priore, in servizio presso la Tenenza di Bitonto, è finito a sua volta in carcere per concussione.

L'indagine è stata avviata in seguito alla denuncia di Giuseppe Colapinto, coinvolto nel febbraio 2016 nell'inchiesta sulla Cerin s.r.l., la società di riscossione tributi che si sarebbe appropriata di 4 milioni di euro del Comune di Bitonto. L'imprenditore era accusato di peculato continuato e su di lui la Guardia di Finanza aveva in corso approfondite indagini patrimoniali su delega della Procura di Bari.

«Il Corpo - ha dichiarato il comandante provinciale della Guardia di Finanza di Bari, il generale Nicola Altiero attraverso alcuni mass media - è assolutamente rigoroso verso questi fenomeni, consapevoli del fatto che dobbiamo essere da esempio verso tutti i cittadini onesti. A noi non è concesso sbagliare». E sull'arresto del maresciallo Priore, difeso dall'avvocato Antonio La Scala, assicura: «Prenderemo tutti i provvedimenti del caso».

«Per i motivi di cui sopra, quando purtroppo ci imbattiamo in un appartenente al Corpo che ha violato il giuramento di fedeltà prestato - termina Altiero - siamo ancora più rigorosi». Il maresciallo Priore, rinchiuso nel carcere militare di Santa Maria Capua Vetere, sarà interrogato per la convalida dell'arresto.
  • Giuseppe Priore
  • Giuseppe Colapinto
  • Cerin s.r.l.
  • Nicola Altiero
Altri contenuti a tema
Ai domiciliari il maresciallo Priore Ai domiciliari il maresciallo Priore Il militare, che ha fornito la sua versione nell'interrogatorio, ha già lasciato il carcere
«Soldi per addomesticare le indagini sulla Cerin», arrestato il maresciallo Priore «Soldi per addomesticare le indagini sulla Cerin», arrestato il maresciallo Priore Il militare aveva chiesto una tangente di 3mila euro a Giuseppe Colapinto, coinvolto nell'inchiesta sui tributi del Comune di Bitonto
© 2001-2018 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.