raccolta rifiuti SANB
raccolta rifiuti SANB
Territorio e Ambiente

Il consiglio comunale di Molfetta mette in crisi la SANB anche a Bitonto

La politica molfettese rinvia l'argomento al 7 ottobre, ma i tempi si fanno sempre più stretti

Dopo quella di Corato, anche la politica molfettese mette in ambasce il destino della SANB, Servizi Ambientali per il Nord Barese, la società che dovrà raggruppare le aziende private e partecipate che si occupano della gestione dei rifiuti nei comuni di Bitonto, Molfetta, Corato, Ruvo di Puglia e Terlizzi. Il consiglio comunale della città costiera, infatti, ha deciso di rinviare ieri il punto sulla ricapitalizzazione della società a causa di alcuni "strappi" dentro e fuori la maggioranza del sindaco Minervini. Anche le opposizioni, infatti, che erano sempre state compatte alle forze di maggioranza su questo argomento, sembrano stiano cercando di smarcarsi dagli impegni, lasciando ogni decisione all'amministrazione comunale.

Tutto rinviato al 7 ottobre, dunque, quando la massima assise molfettese tornerà a riunirsi per decidere se ricapitalizzare la società finita in liquidazione nel 2017 a causa dei ritardi delle amministrazioni comunali, oppure no.
Una decisione che i comuni di Bitonto, Ruvo e Terlizzi hanno già preso da tempo, mentre Corato – alle prese con una crisi di governo che ha fatto concludere anticipatamente l'esperienza amministrativa di Pasquale D'Introno – e Molfetta – convinta definitivamente ad entrare nella SANB solo dal finanziamento da 900mila euro previsto – lasciano ancora in bilico il progetto.

Un progetto per il quale, almeno a Bitonto, non esistono alternative: a causa della legge regionale del 2012 il comune non può più affidare il servizio di gestione dei rifiuti all'Azienda Servizi Vari perchè al suo interno vi è una componente privata. Nè la soluzione della liquidazione della parte privata appare possibile perchè il Comune non ha abbastanza fondi a disposizione per acquistare le quote del socio privato.

Quel che è certo è che, fino a quando la situazione della SANB non sarà definita, il Comune non potrà effettuare, attraverso l'ASV, investimenti per il miglioramento della raccolta dei rifiuti, per l'ampliamento della raccolta porta a porta, per contrastare il fenomeno degli abbandoni abusivi di immondizia e rottami o per la pulizia di cassonetti e strade.
Una situazione di impasse, legata ai destini politici degli altri comuni, che influisce direttamente sulla qualità della vita di ogni bitontino.




  • Asv
  • Rifiuti Bitonto
  • Azienda Servizi Vari Bitonto
Altri contenuti a tema
Lavoratori ASV in protesta a Bitonto: oggi sit-in davanti all'azienda Lavoratori ASV in protesta a Bitonto: oggi sit-in davanti all'azienda Sul tavolo della concertazione la gestione degli straordinari e l'utilizzo di mezzi ritenuti obsoleti
Raccolta rifiuti a Bitonto, Sinistra Italiana scuote la politica: «La SANB è un obbligo di legge» Raccolta rifiuti a Bitonto, Sinistra Italiana scuote la politica: «La SANB è un obbligo di legge» Il partito contro gli oppositori interni e il campanilismo di Molfetta e Corato che rischia di scaricare i lavoratori ASV ai privati
A Bitonto i cittadini si rimboccano le maniche e ripuliscono gli angoli delicati della città A Bitonto i cittadini si rimboccano le maniche e ripuliscono gli angoli delicati della città Sono partiti dagli spazi esterni di una comunità parrocchiale e continueranno con la piazza del Crocifisso: «Vogliamo una città più bella»
Una discarica davanti allo stadio di Bitonto. Il Pd: «Puliremo, ma serve l'aiuto di tutti» Una discarica davanti allo stadio di Bitonto. Il Pd: «Puliremo, ma serve l'aiuto di tutti» La sezione locale del partito chiede «maggiore impegno nel rispetto delle regole e nella lotta agli sporcaccioni»
Contenzioso ASV-Multiservizi: la Corte d'Appello dà ragione al comune di Bitonto Contenzioso ASV-Multiservizi: la Corte d'Appello dà ragione al comune di Bitonto Infondate le pretese del socio privato della partecipata del Comune che chiedeva 5 milioni di euro come risarcimento
L'ex mobilificio Diviania di Bitonto è una discarica L'ex mobilificio Diviania di Bitonto è una discarica Centinaia di metri quadri di rifiuti, materiali di risulta, amianto e ingombranti
Degrado in via Amm. Vacca: «A due anni dalle segnalazioni ancora silenzio dal comune di Bitonto» Degrado in via Amm. Vacca: «A due anni dalle segnalazioni ancora silenzio dal comune di Bitonto» Sotto accusa un terreno privato lasciato alla mercé di topi, rettili e immondizia
Contro l'abbandono di rifiuti un cartello di offese agli sporcaccioni Contro l'abbandono di rifiuti un cartello di offese agli sporcaccioni È apparso nelle campagne di Bitonto e intima la rimozione dell'immondizia
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.