Gli arresti eseguiti dalla Guardia di Finanza
Gli arresti eseguiti dalla Guardia di Finanza
Cronaca

Frode nel settore delle carni: sequestrato anche il Bitonto Calcio

5 persone in carcere (tra cui Francesco Giordano) e 12 ai domiciliari. Oltre al club, sigilli anche al ristorante "Le Gourmet"

C'è anche il Bitonto, squadra pugliese che gioca a livello dilettantistico, tra i beni sequestrati nell'ambito dell'indagine della Procura della Repubblica di Milano e della Guardia di Finanza di Rho, che ha portato a 17 arresti e a perquisizioni in tutta Italia per una frode fiscale nel settore della macellazione da 300 milioni di euro.

Francesco Giordano (
definito dal gip, alla pari di Angelo Basile «i dominus del sodalizio criminoso», ndr) e Francesco Paolo Noviello, rispettivamente nelle vesti di amministratore di fatto e di diritto della società, tra il 2010 e il 2015 avrebbero emesso fatture false per operazioni inesistenti al fine di consentire a terzi l'evasione delle imposte sui redditi o sul valore aggiunto per un importo complessivo di poco superiore al milione di euro.

Proprio Giordano è finito in carcere insieme ad altre 4 persone, altre 12 sono agli arresti domiciliari mentre per 4 liberi professionisti è scattato l'obbligo di firma e l'interdizione per un anno dall'esercizio dell'attività. Al centro dell'operazione "The Buthcer", coordinata dai pm milanesi Maurizio Ascione e Gianfranco Gallo, una frode fiscale da 300 milioni di euro messa in atto da un consorzio di società, la Servizi Globali Società, leader nel settore della macellazione delle carni.

Nel provvedimento con cui il gip Guido Salvini ha in via principale ordinato gli arresti di 17 persone, 5 in carcere e 12 ai domiciliari, e per 4 professionisti l'obbligo di dimora, si elenca l'ingente patrimonio riconducibile ai componenti del sodalizio criminale che, per l'accusa, aveva architettato un sistema per non pagare tasse e arricchirsi indebitamente e al quale ora sono stati messi i sigilli.

Tra questi un locale sul lungomare Cristoforo Colombo di Bari, e i ristoranti "Le Gourmet" sempre a Bitonto e il "Crilè" a Roma. E poi, gioielli, contanti, ville di lusso nel milanese e nel bergamasco, auto di lusso tra cui una Maserati modello Levante e due yacht, tra cui il Morosa, oltre 14 metri di lunghezza, e le quote societarie del Bitonto Calcio e di altre società.

Nell'ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip Guido Salvini, viene spiegato che «nessuna delle quattro società consorziate sponsorizzanti è stata in grado di produrre in atti alcuna documentazione e altro materiale comprovante l'effettuazione dell'attività di pubblicità e sponsorizzazione radiofonica, come riportata nell'oggetto delle singole fatture».

Il sistema architettato ha trovato parecchi riscontri investigativi, tra cui anche parecchie intercettazioni. Intercettazioni da cui emerge che gli indagati, sapendo di essere controllati, hanno pure cercato di distruggere le prove.
  • Francesco Paolo Noviello
  • USD Bitonto Calcio
  • Francesco Giordano
Altri contenuti a tema
Milioni nascosti nei muri in villa: a Bitonto un impero del crimine scoperto dalla DIA Milioni nascosti nei muri in villa: a Bitonto un impero del crimine scoperto dalla DIA Sequestrati oltre 30 milioni di euro. A capo dell’organizzazione l’imprenditore Francesco Giordano
Addio a Omnia e Us Bitonto: nasce l’USD Bitonto che unisce il tifo della città Addio a Omnia e Us Bitonto: nasce l’USD Bitonto che unisce il tifo della città La società: «Una nuova era del calcio bitontino sta per incominciare»
«Impossibile ripetere la straordinaria stagione passata» «Impossibile ripetere la straordinaria stagione passata» Francesco Paolo Noviello, presidente dell'U.S. Bitonto, parla a stampa e tifosi
© 2001-2018 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.