Lo striscione sulla braceria di Cosimo
Lo striscione sulla braceria di Cosimo
Cronaca

«Fateci lavorare». A Bitonto il grido di dolore dei commercianti appeso a un muro

Venerdì intanto in programma una manifestazione in piazza Marconi delle attività della città

«Vogliamo solo lavorare. Bitonto si ribella». Una richiesta disperata al Governo e un appello all'unione di tutti. Sono le parole apparse ieri sul muro di una nota braceria in via Piave, scritte su uno striscione appeso dal titolare dell'attività, Cosimo, sfiancato dai continui inasprimenti delle norme Covid che colpiscono ancora una volta in maniera violenta il mondo della ristorazione.

«Non riesco a capire come possa la mia attività essere in regola a pranzo – si domanda Cosimo commentando la sua iniziativa – per poi diventare pericolosa la sera. È assurdo. Per la mia attività in particolare, poi, è una vera e propria condanna visto che a Bitonto la gente non va fuori a pranzo. Questa non è Bari e qui questo tipo di restrizioni sono devastanti: io dovrei aprire alle 17 per chiudere alle 18? Noi vogliamo solo lavorare, non vogliamo i soldi del Governo».

La speranza di Cosimo è legata alle manifestazioni che in tutta Italia si stanno tenendo per manifestare la propria disperazione in un momento in cui il futuro sembra più nero della pece. Dopo i mesi di chiusura e gli investimenti per adeguare le attività, i titolari che sono riusciti a superare la prima fase adesso si trovano a far fronte a una nuova ondata di chiusure e restrizioni, che potrebbe stroncare definitivamente un intero settore. Un disastro dal punto di vista economico che sarà anche una carneficina dal punto di vista sociale, perchè non sono certo i soli ristoratori a pagarne le conseguenze, visto che attorno a questo mondo ruotano i destini di fornitori, impiegati, arredatori e manutentori che si trovano ancora una volta senza lavoro.

Per questo anche a Bitonto i commercianti hanno deciso di scendere in piazza e manifestare tutto il terrore della situazione, ma l'unità tanto richiesta dal bravo Cosimo sembra una chimera. I gestori delle attività commerciali si incontreranno venerdì 30 ottobre alle 17, a Bitonto in piazza Marconi per manifestare. «Pacificamente e dotati di mascherina», assicurano gli organizzatori, perchè «ingiustamente ci hanno ancora una volta privato del diritto al lavoro».
Altre due manifestazioni sono però previste a Bari domani 28 ottobre: una alle 18:30 in piazza Prefettura e l'altra alle 18 in piazza Ferrarese, una contemporaneità che dice quanto lontana sia quell'unità di intenti necessaria per farsi ascoltare adeguatamente in questi momenti.

Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti

180 contenuti
Altri contenuti a tema
52 decessi e ricoveri stabili nelle ultime 24 ore 52 decessi e ricoveri stabili nelle ultime 24 ore Oltre 45mila casi in Puglia dall'inizio dell'emergenza
Il cane contagiato dal Covid a Bitonto è guarito Il cane contagiato dal Covid a Bitonto è guarito Negativo il tampone a distanza di 4 giorni. Il virologo veterinario: «Prova che contagi da animali sono improbabili»
Speranza: «Via alla campagna di vaccinazione anti-Covid in gennaio» Speranza: «Via alla campagna di vaccinazione anti-Covid in gennaio» Le prime dosi saranno riservate alle categorie più esposte
Accordo fra Regione Puglia e medici di base per cura pazienti e tamponi rapidi Accordo fra Regione Puglia e medici di base per cura pazienti e tamponi rapidi Potranno disporre l'isolamento fiduciario domiciliare a esito positivo del test, stabilendo inizio e fine della quarantena
40 decessi e 53 ricoveri in più in Puglia, le terapie intensive reggono l'urto 40 decessi e 53 ricoveri in più in Puglia, le terapie intensive reggono l'urto Oltre 17mila casi positivi nel barese dall'inizio dell'emergenza
Emergenza Covid: a Bitonto quasi 300 contagi Emergenza Covid: a Bitonto quasi 300 contagi Abbaticchio: «Crescita costante ma sotto la media dell'area Metropolitana»
Tamponi drive through a Bitonto. La proposta di Damascelli Tamponi drive through a Bitonto. La proposta di Damascelli L'ex consigliere regionale di Forza Italia: «Il quarto comune più popoloso del Barese deve avere questo servizio»
Nuovo arrivo di materiale per i dispositivi di protezione individuale Nuovo arrivo di materiale per i dispositivi di protezione individuale Carico destinato alla fabbrica pubblica della Regione Puglia
© 2001-2020 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.