Domenico Damascelli
Domenico Damascelli
Politica

Damascelli insiste: «Cittadinanza onoraria per il Milite Ignoto»

L'appello rivolto a tutti i comuni pugliesi

Una proposta rivolta agli amministratori di tutta Italia nel nome della memoria di chi ha sacrificato la sua vita per la Patria arriva dal "Gruppo delle Medaglie d'Oro al Valor Militare d'Italia".
Iniziativa a cui ha aderito Domenico Damascelli, ex consigliere regionale, che sostiene l'iniziativa.

«Quest'anno ricorre il centenario della sepoltura del Milite Ignoto all'Altare della Patria, uno dei simboli massimi della nostra nazione assieme al Tricolore e all'Inno nazionale», ricorda Damascelli andando poi ad annunciare il suo appoggio ad un progetto nazionale di grande interesse, "Milite Ignoto, Cittadino d'Italia (1921-2021)", un'idea nata per attribuire adeguato ed ancor più sentito valore a questo considerevole simbolo di italianità.

Il progetto, di assoluto rilievo, prevede di onorare degnamente il 'celebre' soldato ignoto caduto in guerra, conferendogli il titolo, appunto, di "Cittadino d'Italia", da parte di tutti i comuni italiani.

«Così che il Milite costituisca davvero, al di là della retorica di rito, un momento straordinario di unità nazionale - dichiara Damascelli -. I comuni possono così riconoscere la cittadinanza onoraria, in tal modo le civiche amministrazioni garantiranno al soldato per sempre il valore storico e di fratellanza comunitaria», è l'auspicio di Damascelli.

Non solo: «Sarebbe anche significativo se al Milite Ignoto fossero intitolate piazze, vie od altri luoghi pubblici».

La presenza del corpo del semplice fante presso il Vittoriano fu codificato dalla legge 1075 dell'11 agosto del 1921. Il Parlamento approvò la legge perché fosse data degna sepoltura alla salma di un soldato ignoto, salma che fu scelta secondo un rito pietoso ed altamente commovente. Il 28 ottobre 1921, alla madre di un caduto il cui corpo non era stato trovato, fu affidato il compito di designare quale dovesse essere la salma del Milite Ignoto. Totale, naturalmente, la non conoscenza circa l'identità anagrafica del caduto: sicura però la sua assoluta italianità. In questa maniera, infatti, tutti gli italiani potettero riconoscere nel 'sacro' loculo di quel militare sconosciuto i resti di una persona cara perita durante il conflitto. Il 4 novembre dello stesso 1921, poi, la bara, portata a spalla da 12 decorati di Medaglia d'Oro al Valor Militare, venne deposta nella cripta ai piedi della Dea Roma.

Ecco che «anche l'Anci, in rappresentanza di tutti i comuni italiani, supporta questa proposta, una valida e giusta iniziativa che condivido e sostengo perché il soldato d'Italia, un fante elevato a simbolica figura di completo e gratuito amore per la Patria, tale da portarlo all'estremo sacrificio della vita, sia riconosciuto come Cittadino d'Italia», sostiene ancora Damascelli.

«Per suggellare a dovere questo importante anniversario del prossimo 4 novembre, giorno emblematico e di festa nazionale, invito gli amministratori dei vari comuni pugliesi ad adottare una deliberazione per onorare degnamente questa memoria, associandosi ai nobili propositi dell'iniziativa, conferendo la cittadinanza onoraria del proprio Comune al Milite Ignoto. Lo merita il sacrificio di milioni di giovani italiani periti durante il primo conflitto bellico mondiale. Lo meritano il Paese e tutti gli italiani», conclude Damascelli.
  • Domenico Damascelli
Altri contenuti a tema
Consorzio Terre d'Apulia, Damascelli duro sulla richiesta d'acconto per i consumi acqua Consorzio Terre d'Apulia, Damascelli duro sulla richiesta d'acconto per i consumi acqua Il vicecoordinatore regionale di Forza Italia su tutte le furie chiede intervento regionale
«Hub chiusi, zero vaccini a domicilio. Appuntamenti rinviati. La giunta si svegli!» «Hub chiusi, zero vaccini a domicilio. Appuntamenti rinviati. La giunta si svegli!» Il vicecoordinatore regionale Forza Italia, Domenico Damascelli, chiede interventi urgent
Damascelli rivendica il proprio impegno nella realizzazione del sottopasso di Via Santo Spirito Damascelli rivendica il proprio impegno nella realizzazione del sottopasso di Via Santo Spirito «Una proposta che viene da lontano con l'approvazione della mia mozione e i 3 milioni stanziati dalla Regione Puglia» ha dichiarato
Terapia anticoagulante a rischio a Bitonto. Damascelli: «Ennesimo scempio» Terapia anticoagulante a rischio a Bitonto. Damascelli: «Ennesimo scempio» Il vice coordinatore regionale di Forza Italia contro il disservizio nell'ex ospedale
Vaccini: hub di Bitonto chiuso nel weekend. Damascelli: «Flop regionale» Vaccini: hub di Bitonto chiuso nel weekend. Damascelli: «Flop regionale» L'ex consigliere regionale di Forza Italia contro la gestione dell'emergenza sanitaria: «Inconcepibile presappochismo»
Scuola senza riscaldamento a Palombaio: Damascelli (FI) scrive alla Regione Scuola senza riscaldamento a Palombaio: Damascelli (FI) scrive alla Regione «Diritto allo studio negato: situazione triste e disdicevole»
Il bitontino Damascelli vicecoordinatore regionale di Forza Italia Il bitontino Damascelli vicecoordinatore regionale di Forza Italia «Grato per la fiducia. Dai dipartimenti del partito nasceranno le proposte politiche per il governo regionale e nazionale»
Casi Covid in diminuzione a Bitonto, ma si resta sopra i 600 Casi Covid in diminuzione a Bitonto, ma si resta sopra i 600 Abbaticchio sui tamponi in drive through: «Disonesto dire che non ci sono: quello di Palo serve anche Bitonto»
© 2001-2021 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.