Corpus Domini 2015
Corpus Domini 2015
Religioni

Corpus Domini: il programma a Bitonto

Santa Messa all'aperto alle 19.00 nei pressi della parrocchia del SS Sacramento

La Chiesa cattolica celebra quest'oggi, 19 giugno, la Solennità del Corpus Domini (in foto la processone del 2015, ndr), uno dei momenti centrali del calendario liturgico. A Bitonto il programma si suddividerà in tre parti e coinvolgerà tutte le parrocchie ed il clero cittadino.

Alle 19.00, nei pressi della parrocchia del Santissimo Sacramento, in via Generale Francesco Planelli, ci sarà la celebrazione eucaristica all'aperto, preludio alla processione che attraverserà le strade cittadine dalle 19.45 circa.

Il SS Sacramento sarà portato in processione attraverso via Amendolagine, via Nacci, via Togliatti, via Centola, via Giovanni XXIII, via Verdi, via Repubblica, sino a giungere in piazza XXVI Maggio 1734. Alle 21.15 ci sarà un altro momento liturgico alto, con la preghiera conclusiva e la benedizione eucaristica impartita dal sagrato della Basilica dei Santi Medici.

L'ORIGINE DELLA SOLENNITÀ DEL CORPUS DOMINI (*da Vatican News)

La fede in Dio, Padre e Figlio e Spirito Santo (Trinità), non è un'esperienza lontana e irraggiungibile, anzi, è vicina in un perenne "spezzarsi" per noi: "Questo è il mio Corpo", "Questo è il mio sangue".
Nel 1207 una monaca agostiniana appena quindicenne, Giuliana di Cornillon, di origini belghe, ha la visione di una luna piena con una macchia opaca che la sporca. Gli esperti suoi contemporanei la interpretano così: la luna piena simboleggia la Chiesa; la macchia opaca è l'assenza di una festa che celebri specificamente il Corpo di Gesù Eucaristia. L'anno successivo la stessa religiosa ha una visione più chiara, ma deve lottare molto per far istituire la festa: ci riuscirà solo a livello diocesano nel 1247 quando diventa vescovo di Liegi Roberto de Thourotte. Nel 1261 l'ex arcidiacono di Liegi diventa Papa Urbano IV.
Nel 1264, impressionato da un miracolo eucaristico avvenuto a Bolsena, vicino Orvieto, dove risiedeva, promulgò la bolla Transiturus con la quale istituiva la nuova solennità, da celebrarsi in onore del Santissimo Sacramento il giovedì dopo l'ottava di Pentecoste. Tommaso d'Aquino viene incaricato di comporne l'ufficio liturgico: il più famoso inno è Sacris solemniis, la cui penultima strofa che comincia con le parole Panis angelicus (Pane degli angeli) è stata spesso musicata separatamente dal resto dell'inno. Essendo poi Papa Urbano IV morto due mesi dopo aver istituito la festa, la bolla non fu attuata; ma fu confermata più tardi da Clemente V, primo Papa avignonese (1312). La ormai tradizionale processione del Corpus fu introdotta dal Papa Giovanni XXII nel 1316.
Durante la visita pastorale ad Orvieto, san Giovanni Paolo II disse: "Anche se la costruzione della cattedrale non è collegata direttamente alla solennità del "Corpus Domini", istituita dal Papa Urbano IV con la bolla Transiturus, nel 1264, né al miracolo avvenuto a Bolsena l'anno precedente, è però indubbio che il mistero eucaristico è qui potentemente evocato dal corporale di Bolsena, per il quale venne appositamente fabbricata la cappella, che ora lo custodisce gelosamente. La città di Orvieto è da allora conosciuta nel mondo intero per tale segno miracoloso, che a tutti ricorda l'amore misericordioso di Dio, fattosi cibo e bevanda di salvezza per l'umanità pellegrina sulla terra. Del culto verso così grande mistero, la vostra città conserva e alimenta l'inestinguibile fiamma" (17 giugno 1990).
  • Corpus Domini
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.